Skip to main content

Rolex: quando il tempo è denaro.

Remember that time is money [Ricorda che il tempo è denaro] Benjamin Franklin

Il tempo è denaro, o in questo caso con il denaro puoi permetterti il lusso di sapere “il tempo”. Di cosa sto parlando? Ovviamente del celebre orologio da polso, il Rolex. Oggi tutti sanno che cos’è un Rolex, e almeno una volta nella vita tutti noi ci siamo trovati davanti alla fatidica domanda : “E se mi comprassi un Rolex?”.  Partiamo dall’origine per cercare di capire a cosa è dovuto il mito di questo prodotto del lusso.
L’azienda Rolex SA fu fondata nel 1905 a Londra da Hans Wilsdorf e il fratellastro Alfred Davis. Il nome originario fu Wildorf & Davids e i primi orologi erano, infatti, marchiati W & D. Fu Hans a registrare per la prima volta nel 1908 in Svizzera il marchio Rolex, di cui il significato è tuttora sconosciuto. Di certo conserviamo l’idea dei fondatori di attribuire alla casa orologiera un nome facile da ricordare e che catturasse l’attenzione. 
La sede della fabbrica fu nuovamente spostata in Gran Bretagna nel 1912. Se inizialmente vi fu l’idea di creare orologi economici a causa delle tasse  e dei dazi di impostazione, i prezzi sfociarono ad ingenti somme. Il nome Rolex venne ufficializzato nel 1915, quando Hans e Alfred capirono che i loro orologi avrebbero sostituito in poco tempo gli orologi da taschino, in voga all’epoca. Da allora l’azienda riuscì a battere ogni record, vendendo numerose quantità di orologi e rendendo cosi l’orologio da polso uno degli accessori più desiderati nel mondo maschile e femminile.
Ma quale fu il motivo che portò il marchio svizzero a essere uno dei più costosi ed apprezzati dell’epoca e di cui ancora conserviamo il nome prestigioso? In primis bisogna ricordare che l’azienda aveva portato numerose innovazioni sul mercato dell'orologeria creando i primi orologi impermeabili con il datario, con il fuso orario e, cosa più importante, i primi orologi da polso con la certificazione di cronometro. Oltre alla già citata qualità, la casa svizzera ha contato molto sulle pubblicità: esponenti come “Che” Guevara, Paul Newman, Sean Connery e l’italiano Gianni Agnelli hanno sfoggiato i loro Rolex posando per testate di fama mondiale. Oggi personaggi del mondo dello sport come Cristiano Ronaldo e personaggi del mondo della musica tra cui Michael Bublé sono stati protagonisti per la pubblicità del celebre marchio.
Oggi il Rolex è visto non solo come un semplice orologio, ma come simbolo dello “stato sociale” e  della classe di appartenenza (o di arrivo), a causa del suo prezzo non accessibile a tutti. Ma se è vero che l’attesa aumenta il desiderio, non ci resta che attendere; chissà forse un giorno i Rolex cadranno dall’alto, al posto della neve.


P.s: Dear God, se proprio non puoi far piovere Rolex, noi ci accontentiamo anche della Chanel 2.55, (di cui vi ho parlato nello scorso articolo) o di un paio di Louboutin. E mi raccomando, mandale  con il tacco rivolto verso l’alto, non vorrei risparmiare dei soldi che poi dovrei reinvestire in chirurgia estetica a causa di un taglio provocato dal tacco 12.

Comments

Popular posts from this blog

Eva Geraldine Fontanelli, la rosa rossa della moda.

"Ogni giorno sono diversa. Sono sempre io, ma uso i miei vestiti per interpretare parti diverse della mia personalità". Eva Geraldine Fontanelli 




Non esiste niente di più complesso di una rosa rossa: è il fiore più bello ma il più oscuro. Esso è richiuso in se stesso e quando apre la corolla è già sul punto di svanire. Eva Geraldine Fontanelli, proprio come una rosa rossa, lavoro in segreto. Dietro le quinte di quel mondo chiamato moda.
Eva Fontanelli è una delle stylist, editor, consultant e influencer più importanti nel panorama della moda italiana ed internazionale. Ha lavorato come "fashion editor" per Elle Italia. E' tra le muse di "Scott Schuman". Ha vestito le modelle più in voga del momento. Ha collaborato per le testate di moda più rinomate. Ha una vaga somiglianza con l'attrice Hepburn ed è la persona che dovrebbero utilizzare per rendere chiaro il concetto che ognuno di noi può essere e può dettare moda. 

Eva Geraldine Fontanelli ha un …

Margherita Buy, una farfalla lasciata alla luce.

"Convivo fin da ragazza con la timidezza. E ancora oggi, dopo che tante cose sono cambiate, sono attratta dalle persone che hanno delle incertezze. Mi piacciono le debolezze degli altri". Margherita Buy





Occhi chiari, grandi e malinconici, capelli biondi, "il sorriso inconfondibile di chi, nella vita, ha pianto molto" e quell'eleganza introversa di Margherita Buy. 
Sette David di Donatello, sette Nastri d'argento e cinque Globi d'oro, un curriculum che parla ed eppure, c'è chi ancora mette in discussione la sua bravura:"terribile come attrice", "mi mette un'angoscia" o "ma è fredda. Non trasmette". 
Una delle prime domande che ponevo ( certo, dopo: nome e cognome ndr ) quando mi trovavo in una cena con persone sconosciute, era sulla Buy:"che pensi della Buy?" e così mi regolavo. Ho smesso dopo un mese, per disperazione. Trovavo impossibile l'idea di essere l'unica affascinata dall'incertezza, dalla…

Coco Chanel e Boy Capel: l'amore che creò il mito

“ Gli unici occhi belli sono quelli che vi guardano con tenerezza.” Coco Chanel 

Nel film “Bodyguard” vi era la colonna sonora che avrebbe incantato il mondo: And i will always love you. Una promessa per molti, una minaccia per altri. Whitney Houston di quella canzone ne fece la sua vita, ma in altri tempi, nel 1915 circa,la stilista Coco Chanel molto probabilmente l’avrebbe ascoltata e cantata per il suo grande amore: Boy Capel.  Gabrielle Bonhuer Chanel, conosciuta al mondo come Coco Chanel, fu la prima femminista della storia e come ogni donna che si rispetti fu legata ad un grande amore. Da sempre consacrata come la Mademoiselle d’acciaio, con le sue perle sulla poca importanza degli uomini in realtà nascondeva un cuore grande, capace di amare e di pensare ad un futuro da perfetta moglie.  Coco iniziò la sua carriera intorno al 1909 presso l’appartamento del suo amante Balsan, a Parigi in Boulevard Malesherbes creando cappelli. Fu proprio nella residenza del suo primo amante che l…