Skip to main content

Margherita Buy, una farfalla lasciata alla luce.

"Convivo fin da ragazza con la timidezza. E ancora oggi, dopo che tante cose sono cambiate, sono attratta dalle persone che hanno delle incertezze. Mi piacciono le debolezze degli altri". Margherita Buy





Occhi chiari, grandi e malinconici, capelli biondi, "il sorriso inconfondibile di chi, nella vita, ha pianto molto" e quell'eleganza introversa di Margherita Buy. 
Sette David di Donatello, sette Nastri d'argento e cinque Globi d'oro, un curriculum che parla ed eppure, c'è chi ancora mette in discussione la sua bravura:"terribile come attrice", "mi mette un'angoscia" o "ma è fredda. Non trasmette". 
Una delle prime domande che ponevo ( certo, dopo: nome e cognome ndr ) quando mi trovavo in una cena con persone sconosciute, era sulla Buy:"che pensi della Buy?" e così mi regolavo. Ho smesso dopo un mese, per disperazione. Trovavo impossibile l'idea di essere l'unica affascinata dall'incertezza, dalla debolezza e dalla finta freddezza della Buy persona. Sull'attrice c'è ben poco da discutere, la narrano i premi vinti. 
Scrivo di una finta freddezza perché la Buy è la classica donna che ha costruito un muro, e di cemento armato, tra lei e il resto del mondo. Lo dimostra quando prima delle interviste, è costretta a bere qualcosa di forte per combattere l'ansia e la timidezza. Lo dimostra quando le inquadrano le mani che si muovono a velocità di una tartaruga e che si mischiano all'ostentare una sicurezza. Lo dimostra quando dice che le domande personali la imbarazzano terribilmente. Lo dimostra quando in "Mia Madre" di Nanni Moretti con la giacca nera e la sciarpa blu sorride, con quel modo elegante, lontano e malinconico. 




Stile sobrio: che sia in jeans o in vestito da sera, la sobrietà della Buy è fuori discussione. Poche fantasie, colori neutrali e zero accessori. La frase "Un filo di tacco e un filo di trucco" deve essere venuto in mente alla madre di Ornella Vanoni dopo aver visto Margherita Buy. Di questa semplicità, la nota attrice, riesce a esserne la protagonista. Alta 1 metro e 72 cm, per un peso di ( circa ndr ) 62 chili che di certo aiutano a donarle un'immagine fatale. 
Nell'idea comune la Buy è una donna triste, inarrivabile e fredda ma se, e sottolineo se, la si guarda bene è una rarità, è un'attrice umanamente vera di quelle difficili da capire, un po' insicure e un po' assenti. Un essere umano che deve aver preso tante di quelle botte nella vita che adesso parla nei dettagli.




In una delle poche volte che si è concessa il lusso di raccontare di sé, anno 2012, dichiara:" "Il mio essere estroversa mi rende una persona difficile più per gli altri che per me stessa. Io vengo scambiata per altezzosa, disinteressata. Da ragazza gli altri mi vedevano fredda, invece avevo paura. Ma, allora, non mi ponevo il problema, l'ho capito dopo". 
E' lei, è questa la Buy. E' tutta nella frase che le sarà costata un bel po' di drink perché, ecco, le persone come la Buy sono ansiose, razionali al massimo, mettono in discussione anche la data di nascita con tanto di certificato e amano il silenzioso ondeggiare del mare. Conosco bene le persone come la Buy e so perfettamente che in grandi compagnie si trovano strette, con un grande pubblico hanno bisogno di drink forti e che, se non arrivi ad approfondire rimarrai sempre con l'impressione che siano persone altezzose e fredde. 
Le persone come le Buy le riconosci facilmente, ti basta fissarle per dieci secondi e subito abbassano lo sguardo e non perché mentono, no. Le persone come la Buy hanno paura, la terribile paura di lasciarsi andare o di buttarsi nell'ignoto. 
Le persone come la Buy, sono affascinate dalla Buy perché ne capiscono ogni frase non detta per paura, perché amano tanto le parole ed il silenzio lo rispettano anche di più. Le persone come la Buy a telecamere accese o spente che siano, si ritrovano a combattere guerre interne silenziose e così anche nel dover rispondere ad una stupidissima domanda personale. 
E' solo chi ama i dettagli, chi ha tanta pazienza da reggere dieci o cento finti no, è solo chi insiste e chi sa cosa significa combattere le proprie guerre interiori che capisce e vede. Vede negli occhi della Buy: il silenzio del mare in un tranquillo lunedì di Giugno e subito dopo, il clamoroso rumore di un temporale la cui pioggia diventa un terribile tutt'uno con il mare. 
La Buy è come una farfalla lasciata alla luce, appena la tocchi torna a volare. Afferrarla non è affatto semplice, ma alla fine ti torna nella mani e ti ritorna negli occhi.





Comments

Popular posts from this blog

Viviana Volpicella, la regina delle stylist

" Sono nata come architetto ma, morirò come fashion editor". Viviana Volpicella



Per coloro che non seguono il mondo della moda, Viviana Volpicella, è la regina delle stylist. Il suo motto risiede nelle parole di Iris Apfel :" la moda la puoi comprare ma lo stile lo devi possedere" e lei di stile, ne ha da vendere.
Laureata in architettura, decide di inseguire la sua passione per la moda e si trasferisce ben presto a Milano. Frequenta un corso per "fashion editor" e diventa la "fashion assistent" dell'influente Anna Dello Russo. A lei deve molto, come afferma nelle varie interviste:"Anna è la mia maestra assoluta. Se faccio questo mestiere è grazie a lei".
L'amore per la moda, in realtà, è sempre stato presente nella sua vita, tanto da scegliere come tema per la tesi di laurea:" Architetture per la moda". I suoi soldi sempre spesi per abbonamenti a magazine di moda:"mi sono laureata in architettura ma, i miei abb…

Eva Geraldine Fontanelli, la rosa rossa della moda.

"Ogni giorno sono diversa. Sono sempre io, ma uso i miei vestiti per interpretare parti diverse della mia personalità". Eva Geraldine Fontanelli 




Non esiste niente di più complesso di una rosa rossa: è il fiore più bello ma il più oscuro. Esso è richiuso in se stesso e quando apre la corolla è già sul punto di svanire. Eva Geraldine Fontanelli, proprio come una rosa rossa, lavoro in segreto. Dietro le quinte di quel mondo chiamato moda.
Eva Fontanelli è una delle stylist, editor, consultant e influencer più importanti nel panorama della moda italiana ed internazionale. Ha lavorato come "fashion editor" per Elle Italia. E' tra le muse di "Scott Schuman". Ha vestito le modelle più in voga del momento. Ha collaborato per le testate di moda più rinomate. Ha una vaga somiglianza con l'attrice Hepburn ed è la persona che dovrebbero utilizzare per rendere chiaro il concetto che ognuno di noi può essere e può dettare moda. 

Eva Geraldine Fontanelli ha un …

Coco Chanel e Boy Capel: l'amore che creò il mito

“ Gli unici occhi belli sono quelli che vi guardano con tenerezza.” Coco Chanel 

Nel film “Bodyguard” vi era la colonna sonora che avrebbe incantato il mondo: And i will always love you. Una promessa per molti, una minaccia per altri. Whitney Houston di quella canzone ne fece la sua vita, ma in altri tempi, nel 1915 circa,la stilista Coco Chanel molto probabilmente l’avrebbe ascoltata e cantata per il suo grande amore: Boy Capel.  Gabrielle Bonhuer Chanel, conosciuta al mondo come Coco Chanel, fu la prima femminista della storia e come ogni donna che si rispetti fu legata ad un grande amore. Da sempre consacrata come la Mademoiselle d’acciaio, con le sue perle sulla poca importanza degli uomini in realtà nascondeva un cuore grande, capace di amare e di pensare ad un futuro da perfetta moglie.  Coco iniziò la sua carriera intorno al 1909 presso l’appartamento del suo amante Balsan, a Parigi in Boulevard Malesherbes creando cappelli. Fu proprio nella residenza del suo primo amante che l…