Skip to main content

Ralph Lauren: lo stilista partito dal Bronx

"Non creo abiti. Creo sogni". Ralph Lauren


Ralph Lauren, all'anagrafe Ralph Lifschitz, entra nella storia della moda: tra gli uomini più ricchi al mondo e secondo stilista dopo Giorgio Armani.
Nato nel Bronx da una famiglia di immigrati ebrei dediti al lavoro e alla cura dei figli ma privi di una qualsiasi concezione di moda e stile. Tanto che lo stilista in un video intervista sulla sua storia confessa di aver imparato molto per strada, guardando gli uomini e le donne borghesi ben vestite.

"La gente mi chiedeva come può un bambino ebreo del Bronx realizzare vestiti? Ha a che fare con la classe e il denaro? No, ha a che fare con i sogni".


All'età di 16 anni si avvicina definitivamente al mondo della moda, lavorando per un negozio d'abbigliamento. Percepisce lo stile, l'eleganza e cerca di trovare una visione che racchiuda il tutto in un solo brand. 


Continua i suoi studi nel settore del fashion fin quando ha un'intuizione sulle cravatte:" all'epoca si era soliti indossare cravatte strette e realizzati per lo più con i macchinari da cucito presenti. Controcorrenza realizzai una cravatta larga e completamente fatta a mano, senza tocco di macchine. Era esattamente quello che volevo per me e pensai: perché gli altri non dovrebbero volerla?".  
Apre così il suo primo negozio, famoso per la presenza delle nuove cravatte. 
Il ragazzino del Bronx, inizió a conquistare prestigio e decise di dedicarsi all'abbigliamento maschile. Intraprese lo studio dei completi ed essendo affascinato dall'eleganza dei giocatori di polo, decide di dare nome al suo marchio:" Polo Ralph Lauren". Quell'eleganza che vedeva spesso su quegli uomini a cavallo doveva diventare realtà e così lo divenne: capi rivoluzionari, camicie a maniche corte in cotone ( appunto dette polo ndr ) , t - shirt a righe, pantaloni e giacche a doppio petto. Ralph punta il mercato e il mercato risponde, un altro successo per lo stilista che diventa una certezza.
Riflettendo sulla sua carriera, lo stilista ha detto:"Se non avessi fatto lo stilista, mi sarei occupato della pubblicità. Mi piace la creatività nelle persone, mi piace essere originale. Il destino però mi ha indicato la strada". 


Apre altri negozi e acquista tessuti direttamente dall'Europa. Sulla qualità e sullo studio fonda il suo stile che diventa chiaro anche nel mondo della moda. 
"Le donne chiedevano diritti e io davo loro parità". Completi maschili rimodellati per il fisico femminile, camicie, polo e pantaloni; una rivoluzione all'interno della rivoluzione.
"Ho sempre amato le donne, erano la mia rovina. Così ho deciso di far diventare il mio tallone d'Achille in un pregio" e così divenne. 
Ralph arriva in Europa quando il suo nome è ormai consolidato in gran parte dell'America. 
Consacrato anche in Europa lo stilista diventa conteso tra riviste di moda, vips e brand. Recentemente ha lasciato la direzione del suo marchio, non disperdendo le lezioni che ha imparato nel corso della vita:"Mi sono reso conto che c’erano cose che non potevo fare. Questa è una società da 7 miliardi l’anno. L’industria è cambiata così tanto. Internet è complicato. Ho incontrato Stefan e siamo stati subito in sintonia". 
Sulla soglia degli 80 anni, Ralph si conferma l'uomo per eccellenza: sposato dal 1964 con Ricky Beer, dedito al lavoro, all'amore per la famiglia, alla passione per lo sport e per la natura. Il suo segreto? "Mai darsi per vinti."




Sito ufficiale Ralph Lauren


Comments

Popular posts from this blog

Viviana Volpicella, la regina delle stylist

" Sono nata come architetto ma, morirò come fashion editor". Viviana Volpicella



Per coloro che non seguono il mondo della moda, Viviana Volpicella, è la regina delle stylist. Il suo motto risiede nelle parole di Iris Apfel :" la moda la puoi comprare ma lo stile lo devi possedere" e lei di stile, ne ha da vendere.
Laureata in architettura, decide di inseguire la sua passione per la moda e si trasferisce ben presto a Milano. Frequenta un corso per "fashion editor" e diventa la "fashion assistent" dell'influente Anna Dello Russo. A lei deve molto, come afferma nelle varie interviste:"Anna è la mia maestra assoluta. Se faccio questo mestiere è grazie a lei".
L'amore per la moda, in realtà, è sempre stato presente nella sua vita, tanto da scegliere come tema per la tesi di laurea:" Architetture per la moda". I suoi soldi sempre spesi per abbonamenti a magazine di moda:"mi sono laureata in architettura ma, i miei abb…

Eva Geraldine Fontanelli, la rosa rossa della moda.

"Ogni giorno sono diversa. Sono sempre io, ma uso i miei vestiti per interpretare parti diverse della mia personalità". Eva Geraldine Fontanelli 




Non esiste niente di più complesso di una rosa rossa: è il fiore più bello ma il più oscuro. Esso è richiuso in se stesso e quando apre la corolla è già sul punto di svanire. Eva Geraldine Fontanelli, proprio come una rosa rossa, lavoro in segreto. Dietro le quinte di quel mondo chiamato moda.
Eva Fontanelli è una delle stylist, editor, consultant e influencer più importanti nel panorama della moda italiana ed internazionale. Ha lavorato come "fashion editor" per Elle Italia. E' tra le muse di "Scott Schuman". Ha vestito le modelle più in voga del momento. Ha collaborato per le testate di moda più rinomate. Ha una vaga somiglianza con l'attrice Hepburn ed è la persona che dovrebbero utilizzare per rendere chiaro il concetto che ognuno di noi può essere e può dettare moda. 

Eva Geraldine Fontanelli ha un …

Coco Chanel e Boy Capel: l'amore che creò il mito

“ Gli unici occhi belli sono quelli che vi guardano con tenerezza.” Coco Chanel 

Nel film “Bodyguard” vi era la colonna sonora che avrebbe incantato il mondo: And i will always love you. Una promessa per molti, una minaccia per altri. Whitney Houston di quella canzone ne fece la sua vita, ma in altri tempi, nel 1915 circa,la stilista Coco Chanel molto probabilmente l’avrebbe ascoltata e cantata per il suo grande amore: Boy Capel.  Gabrielle Bonhuer Chanel, conosciuta al mondo come Coco Chanel, fu la prima femminista della storia e come ogni donna che si rispetti fu legata ad un grande amore. Da sempre consacrata come la Mademoiselle d’acciaio, con le sue perle sulla poca importanza degli uomini in realtà nascondeva un cuore grande, capace di amare e di pensare ad un futuro da perfetta moglie.  Coco iniziò la sua carriera intorno al 1909 presso l’appartamento del suo amante Balsan, a Parigi in Boulevard Malesherbes creando cappelli. Fu proprio nella residenza del suo primo amante che l…