Skip to main content

Sophie Marceau: bellezza senza età


" Dicevano: ‘Bella, ma…vedrai quant’è oca!”. La ventitreenne che mi sta davanti, seduta su un divano del salottino, non dà però questa impressione. Muove molto le mani, sì, si ravvia talvolta i capelli sciolti, diventa sorriso e perfino sana risata, lampeggiando dagli occhi grigioverdi. Parla… e non mi sembra che appartenga alla categoria volatile di cui sopra. Pare ne siano convinti anche i francesi, che, come la ventitreenne sussurra compiaciuta, avrebbero votato per lei come ‘Star del futuro’, stando ai risultati non ancora pubblicizzati di un sondaggio recentissimo. Priva di trucco, un golf grigio e una gonna a disegni bianconeri, Sophie Marceau si appresta a rispondere alle nostre domande, intese a ricostruire e a valutare dieci anni di attività cinematografica. Ricordate la ragazzina del Tempo delle mele?Ora è cresciuta, non male si direbbe; e ha certo avuto la possibilità di fare esperienze utili per la vita. A soddisfazione dei maliziosi, va notato che ha un solo anellino al mignolo sinistro". Parigi, 24 aprile 1990- Il corriere del Ticino 




Il tempo passa per tutti, o quasi per tutti. L'attrice Sophie Marceau, nota per il film :"Il tempo delle mele", sulla soglia dei 51 anni è più bella di prima.
Classe del 1966, nata a Parigi, l'attrice icona degli anni 90 è un eterna ragazza. Il suo segreto? "Per mantenermi in forma pratico sport. Dopo la nascita di mio figlio, per questioni di tempo, ho lasciato la piscina e ho preso ad allenarmi a casa. Ho degli attrezzi da palestra e, per dire la verità, non mi scoccia. Mi è sempre piaciuto fare sport".
Quando le chiedono dell'alimentazione sorride e replica:" Non mangio cibo spazzatura, per il resto mangio di tutto ma senza esagerare. Sono stata a dieta solo dopo la nascita di Vincent per perdere i chili presi durante la gravidanza. Amo bere il vino, è una cosa a cui non saprei dire no.. Ovviamente vino rosso".



Da francese non rinuncia alla cura del viso anche se confessa:" Non uso molte creme, non sono una grande fan di questo genere. Lavo la faccia con il sapone e mi trucco raramente. Amo la semplicità nelle persone. Vado dal parrucchiere due volte l'anno e mi taglio i capelli da sola. Ovviamente, per questioni di lavoro, spesso parrucchieri professionisti mi fanno la piega. Non lascio però tagliarli a loro, mi piace farlo da sola".
Anche quando le chiedono se c'è qualcosa in lei che non le piace, non lascia molto tempo per mostrare la sua personalità :" Oh, oui. Certamente, non mi piace molto il mio naso e spesso guardando allo specchio non mi piaccio. Credo sia normale, no? A chi non capita?".
Il suo stile è un mix tra sensualità e semplicità, tanto da far impazzire uomini ed essere ammirata da molte donne.
Una delle poche attrici a cui le viene perdonato tutto, dal rifiuto della Legione D'Oro alle sue travagliate storie d'amore.
Sophie Marceau è fatta di quella bellezza che non passa mai di moda.



Non sono io che l’ho scelto, è il cinema che mi ha scelto. Forse non è stato un caso. Doveva andare così. Ho provocato il destino, certo, poiché esso non arriva mai senza motivo. Forse ‘contenta’ non è il termine giusto. Il cinema mi ha insegnato a scoprire la vita.





Comments

Popular posts from this blog

Viviana Volpicella, la regina delle stylist

" Sono nata come architetto ma, morirò come fashion editor". Viviana Volpicella



Per coloro che non seguono il mondo della moda, Viviana Volpicella, è la regina delle stylist. Il suo motto risiede nelle parole di Iris Apfel :" la moda la puoi comprare ma lo stile lo devi possedere" e lei di stile, ne ha da vendere.
Laureata in architettura, decide di inseguire la sua passione per la moda e si trasferisce ben presto a Milano. Frequenta un corso per "fashion editor" e diventa la "fashion assistent" dell'influente Anna Dello Russo. A lei deve molto, come afferma nelle varie interviste:"Anna è la mia maestra assoluta. Se faccio questo mestiere è grazie a lei".
L'amore per la moda, in realtà, è sempre stato presente nella sua vita, tanto da scegliere come tema per la tesi di laurea:" Architetture per la moda". I suoi soldi sempre spesi per abbonamenti a magazine di moda:"mi sono laureata in architettura ma, i miei abb…

Eva Geraldine Fontanelli, la rosa rossa della moda.

"Ogni giorno sono diversa. Sono sempre io, ma uso i miei vestiti per interpretare parti diverse della mia personalità". Eva Geraldine Fontanelli 




Non esiste niente di più complesso di una rosa rossa: è il fiore più bello ma il più oscuro. Esso è richiuso in se stesso e quando apre la corolla è già sul punto di svanire. Eva Geraldine Fontanelli, proprio come una rosa rossa, lavoro in segreto. Dietro le quinte di quel mondo chiamato moda.
Eva Fontanelli è una delle stylist, editor, consultant e influencer più importanti nel panorama della moda italiana ed internazionale. Ha lavorato come "fashion editor" per Elle Italia. E' tra le muse di "Scott Schuman". Ha vestito le modelle più in voga del momento. Ha collaborato per le testate di moda più rinomate. Ha una vaga somiglianza con l'attrice Hepburn ed è la persona che dovrebbero utilizzare per rendere chiaro il concetto che ognuno di noi può essere e può dettare moda. 

Eva Geraldine Fontanelli ha un …

Coco Chanel e Boy Capel: l'amore che creò il mito

“ Gli unici occhi belli sono quelli che vi guardano con tenerezza.” Coco Chanel 

Nel film “Bodyguard” vi era la colonna sonora che avrebbe incantato il mondo: And i will always love you. Una promessa per molti, una minaccia per altri. Whitney Houston di quella canzone ne fece la sua vita, ma in altri tempi, nel 1915 circa,la stilista Coco Chanel molto probabilmente l’avrebbe ascoltata e cantata per il suo grande amore: Boy Capel.  Gabrielle Bonhuer Chanel, conosciuta al mondo come Coco Chanel, fu la prima femminista della storia e come ogni donna che si rispetti fu legata ad un grande amore. Da sempre consacrata come la Mademoiselle d’acciaio, con le sue perle sulla poca importanza degli uomini in realtà nascondeva un cuore grande, capace di amare e di pensare ad un futuro da perfetta moglie.  Coco iniziò la sua carriera intorno al 1909 presso l’appartamento del suo amante Balsan, a Parigi in Boulevard Malesherbes creando cappelli. Fu proprio nella residenza del suo primo amante che l…