Skip to main content

Il marchio YSL conquista Cannes

"La moda non è arte. Per fare vestiti bisogna essere artisti". Yves Saint Laurent


La 70° edizione del Festival di Cannes ha già il suo vincitore: il brand YSl con il direttore Anthony Vaccarello.
Nell'Aprile del 2016 la conferma: il designer belga, Vaccarello, sarebbe stato il nuovo direttore artistico del famoso brand YSL. Dopo l'uscita di Hedi Slimane, Vaccarello ha ridato luce e splendore allo storico marchio caratterizzato da:" creatività, eleganza e audacia".
Non c'è da meravigliarsi, dunque, che molte attrici e star internazionali hanno deciso di onorare lo stilista indossando i capi della sua nuova collezione.  
Da Catherine Deneuve a Laetitia Casta, il Festival di Cannes diventa una vera e propria sfilata del brand. Vestito lungo con uno spacco laterale per la modella Laetitia Casta, pantalone elegante e maglietta velata per Catherine Deneuve e un mini abito argentato con maniche lunghe per Charlotte Gainsbourg.


( Charlotte Gainsbourg in YSL ) 


Novità tra le novità, Charlotte Casiraghi che lascia la maison Chanel e si presenta con un abito nero firmato Vaccarello per YSL.
A dare spettacolo però è la modella Anja Rubik, tra le muse dello stilista, che per l’occasione ha indossato un completo nero mettendo in risalto il suo fisico statuario. Per il secondo giorno del Festival di Cannes ha, invece, optato per un abito monospalla nero. 
Un inno alla gioia e un ritorno al futuro: se da una parte è vero che le creazioni di Vaccarello hanno sempre una visione futurista ma è anche vero che YSL ha trovato la persona giusta per dare nuovamente valore e splendore al suo brand. 
Tanto di cappello alla nostrana 51enne Monica Bellucci che è stata, ancora una volta, la luce del Festival di Cannes ma il vero attore - artista da premiare è di sesso maschile: Anthony Vaccarello. 

"Good jobs, Anthony. Bentornato YSL!”.



( Anja Rubik in YSL )


                                                          ( Catherine Deneuve in YSL ) 



( Laetitia Casta in YSL )



( Laetitia Casta and Anja Rubik in YSL )



Comments

Popular posts from this blog

Eva Geraldine Fontanelli, la rosa rossa della moda.

"Ogni giorno sono diversa. Sono sempre io, ma uso i miei vestiti per interpretare parti diverse della mia personalità". Eva Geraldine Fontanelli 




Non esiste niente di più complesso di una rosa rossa: è il fiore più bello ma il più oscuro. Esso è richiuso in se stesso e quando apre la corolla è già sul punto di svanire. Eva Geraldine Fontanelli, proprio come una rosa rossa, lavoro in segreto. Dietro le quinte di quel mondo chiamato moda.
Eva Fontanelli è una delle stylist, editor, consultant e influencer più importanti nel panorama della moda italiana ed internazionale. Ha lavorato come "fashion editor" per Elle Italia. E' tra le muse di "Scott Schuman". Ha vestito le modelle più in voga del momento. Ha collaborato per le testate di moda più rinomate. Ha una vaga somiglianza con l'attrice Hepburn ed è la persona che dovrebbero utilizzare per rendere chiaro il concetto che ognuno di noi può essere e può dettare moda. 

Eva Geraldine Fontanelli ha un …

Margherita Buy, una farfalla lasciata alla luce.

"Convivo fin da ragazza con la timidezza. E ancora oggi, dopo che tante cose sono cambiate, sono attratta dalle persone che hanno delle incertezze. Mi piacciono le debolezze degli altri". Margherita Buy





Occhi chiari, grandi e malinconici, capelli biondi, "il sorriso inconfondibile di chi, nella vita, ha pianto molto" e quell'eleganza introversa di Margherita Buy. 
Sette David di Donatello, sette Nastri d'argento e cinque Globi d'oro, un curriculum che parla ed eppure, c'è chi ancora mette in discussione la sua bravura:"terribile come attrice", "mi mette un'angoscia" o "ma è fredda. Non trasmette". 
Una delle prime domande che ponevo ( certo, dopo: nome e cognome ndr ) quando mi trovavo in una cena con persone sconosciute, era sulla Buy:"che pensi della Buy?" e così mi regolavo. Ho smesso dopo un mese, per disperazione. Trovavo impossibile l'idea di essere l'unica affascinata dall'incertezza, dalla…

Coco Chanel e Boy Capel: l'amore che creò il mito

“ Gli unici occhi belli sono quelli che vi guardano con tenerezza.” Coco Chanel 

Nel film “Bodyguard” vi era la colonna sonora che avrebbe incantato il mondo: And i will always love you. Una promessa per molti, una minaccia per altri. Whitney Houston di quella canzone ne fece la sua vita, ma in altri tempi, nel 1915 circa,la stilista Coco Chanel molto probabilmente l’avrebbe ascoltata e cantata per il suo grande amore: Boy Capel.  Gabrielle Bonhuer Chanel, conosciuta al mondo come Coco Chanel, fu la prima femminista della storia e come ogni donna che si rispetti fu legata ad un grande amore. Da sempre consacrata come la Mademoiselle d’acciaio, con le sue perle sulla poca importanza degli uomini in realtà nascondeva un cuore grande, capace di amare e di pensare ad un futuro da perfetta moglie.  Coco iniziò la sua carriera intorno al 1909 presso l’appartamento del suo amante Balsan, a Parigi in Boulevard Malesherbes creando cappelli. Fu proprio nella residenza del suo primo amante che l…