Skip to main content

L'icona degli anni 70: Maria Schneider

" Trasformeremo il caso in destino". Maria Schneider nel film "Ultimo tango a Parigi".




Nata nel 1952, da una relazione tra l'attore Daniel Gèlin ( riconosciuta dal padre solo dopo anni ndr ) e la modella Marie- Christine Schneider, Maria Schneider fu un'icona degli anni '70. 
Iniziò la sua carriera dapprima in teatro ( alla tenerà età di tredici anni ndr) e, in seguito, arrivò al cinema grazie all'aiuto di Brigitte Bardot. 
Nel 1968 ottenne il suo primo ruolo, nello stesso anno girò con Alain Delon il film "Il piacere dell'uomo". Il successo venne all'età di 20 anni, con il celebre "Ultimo tango a Parigi", sotto la regia di Bertolucci. Nacquero le prime polemiche per via di una scena di sesso anale che creò grande scandalo e lei, anni dopo, dichiarò al riguardo:" Quella scena non era prevista. Mi arrabbiai, mi rifiutai. Ma poi non sono riuscita a dire di no. Avrei dovuto chiamare il mio agente o il mio avvocato perché non si può obbligare un attore a fare qualcosa che non è nella sceneggiatura. Le lacrime, quelle che si vedono le film, erano vere. Lacrime di umiliazione". 


Terminato il rapporto con il regista, iniziò un periodo difficile in cui venne ricoverata in un'ospedale psichiatrico a Roma per crisi nervose. 
Iniziarono i problemi di droga e tentò il suicidio con un'overdose. Il successo del film "Ultimo tango a Parigi" non venne più replicato per l'attrice che, ebbe altri ruoli anche in film importanti. Sulla sua fama per "Ultimo tango a Parigi" l'attrice ha più volte definito il film come la rovina della sua vita:"Ero triste perché mi trattavano come una sex symbol, ma io volevo essere apprezzata e riconosciuta per il mio lavoro d'attrice. Insomma, di quell'esperienza salvo solo il mio incontro con Brando". 
Nel 1998 apparì per l'ultima volta al botteghino con il film:"Qualcosa in cui credere" e in un'intervista del 2007 parlò della sua vita quotidiana lontano dallo schermo:" ho smesso con il cinema. Adesso faccio una vita normale. Mi piace vedere gli amici, fare la spesa al mercato e cucinare. Ma non uso più il burro per cucinare ( riferendosi alla scena del film "Ultimo tango a Parigi" ndr ). Solo olio d'oliva". 
Prima di morire nel 2011, in una delle sue ultime dichiarazioni disse:" E' strano. Ho fatto più di 50 film nella mia carriera, ma tutti continuano a ricordarmi solo per l'Ultimo tango a Parigi, che ha più di 35 anni". 



Nel fronte della moda, l'attrice era tra le più corteggiate. La sua bellezza androgina e lo stile ribelle, piaceva alle case di moda e al pubblico. 
Vogue ha, ancora, nella sezione:"l'ossessione del giorno" le foto della Schneider, dove la ricorda come la diva degli anni '70. Style.it ricorda l'attrice, anni dopo la sua scomparsa, con una galleria di immagini prese dai vari set dei film. 
Maria Schneider fu la prima di una lunga serie di attrici:" belle e dannate", una di quelle donne che nessuno può avere. 




Comments

Popular posts from this blog

Eva Geraldine Fontanelli, la rosa rossa della moda.

"Ogni giorno sono diversa. Sono sempre io, ma uso i miei vestiti per interpretare parti diverse della mia personalità". Eva Geraldine Fontanelli 




Non esiste niente di più complesso di una rosa rossa: è il fiore più bello ma il più oscuro. Esso è richiuso in se stesso e quando apre la corolla è già sul punto di svanire. Eva Geraldine Fontanelli, proprio come una rosa rossa, lavoro in segreto. Dietro le quinte di quel mondo chiamato moda.
Eva Fontanelli è una delle stylist, editor, consultant e influencer più importanti nel panorama della moda italiana ed internazionale. Ha lavorato come "fashion editor" per Elle Italia. E' tra le muse di "Scott Schuman". Ha vestito le modelle più in voga del momento. Ha collaborato per le testate di moda più rinomate. Ha una vaga somiglianza con l'attrice Hepburn ed è la persona che dovrebbero utilizzare per rendere chiaro il concetto che ognuno di noi può essere e può dettare moda. 

Eva Geraldine Fontanelli ha un …

Margherita Buy, una farfalla lasciata alla luce.

"Convivo fin da ragazza con la timidezza. E ancora oggi, dopo che tante cose sono cambiate, sono attratta dalle persone che hanno delle incertezze. Mi piacciono le debolezze degli altri". Margherita Buy





Occhi chiari, grandi e malinconici, capelli biondi, "il sorriso inconfondibile di chi, nella vita, ha pianto molto" e quell'eleganza introversa di Margherita Buy. 
Sette David di Donatello, sette Nastri d'argento e cinque Globi d'oro, un curriculum che parla ed eppure, c'è chi ancora mette in discussione la sua bravura:"terribile come attrice", "mi mette un'angoscia" o "ma è fredda. Non trasmette". 
Una delle prime domande che ponevo ( certo, dopo: nome e cognome ndr ) quando mi trovavo in una cena con persone sconosciute, era sulla Buy:"che pensi della Buy?" e così mi regolavo. Ho smesso dopo un mese, per disperazione. Trovavo impossibile l'idea di essere l'unica affascinata dall'incertezza, dalla…

Coco Chanel e Boy Capel: l'amore che creò il mito

“ Gli unici occhi belli sono quelli che vi guardano con tenerezza.” Coco Chanel 

Nel film “Bodyguard” vi era la colonna sonora che avrebbe incantato il mondo: And i will always love you. Una promessa per molti, una minaccia per altri. Whitney Houston di quella canzone ne fece la sua vita, ma in altri tempi, nel 1915 circa,la stilista Coco Chanel molto probabilmente l’avrebbe ascoltata e cantata per il suo grande amore: Boy Capel.  Gabrielle Bonhuer Chanel, conosciuta al mondo come Coco Chanel, fu la prima femminista della storia e come ogni donna che si rispetti fu legata ad un grande amore. Da sempre consacrata come la Mademoiselle d’acciaio, con le sue perle sulla poca importanza degli uomini in realtà nascondeva un cuore grande, capace di amare e di pensare ad un futuro da perfetta moglie.  Coco iniziò la sua carriera intorno al 1909 presso l’appartamento del suo amante Balsan, a Parigi in Boulevard Malesherbes creando cappelli. Fu proprio nella residenza del suo primo amante che l…