Skip to main content

Il ritorno del Tartan

" Stampe scozzesi e tessuti tartan, cosa c'è di più classico? Quello scozzese è un trend che non passa mai di moda, un evergreen che si indossa anno dopo anno". Erica Baldi 


( Gonna in tessuto Tartan ) 

Sulle passerelle ritorna lo stile scozzese, il tessuto a quadri ottenuto tramite  l'intreccio di fili colorati. 
Il successo del Tartan iniziò dopo la seconda Guerra Mondiale quando le grandi star di Hollywood presero ad indossare capi con fantasia quadrettata, da Audrey Hepburn a Brigitte Bardot. La moda segue le orme delle attrici, icone del tempo, e inizia la produzione di capi in stile scozzese. 


( Audrey Hepburn, 1950 )

La diffusione massima arriva negli anni 90, con gruppi musicali anticonformisti ( i Nirvana in primis ndr ) che iniziarono ad indossare camicie a quadri come simbolo di differenziazione alla moda dell'epoca. 
Oggi il Tartan torna ad essere al centro dell'attenzione, durante la Fashion week NewYorkese la ex Spice Girls e attuale stilista Victoria Beckham ha realizzato dei capi con il tessuto intrecciato.
Fendi segue le orme dell'ex modella, creando una collezione basata sullo stile scozzese ma con una chiave del tutto moderna.


( Fendi, Fashion Show )


Le modelle e le blogger, più in voga del momento, ne prendono atto e tra un fashion show e l'altro, indossano giacche, gonne, pantaloni o completi in stile Tartan.
C'è chi già parla di una Tartan Mania o chi invece, al solo sentirne parlare, arriccia il naso associando tale stile al Kit che in epoche precedente era obbligatorio nei vari college.... E fu così che anche la moda ebbe la sua scissione. 


( La modella Mica Arganaraz  )



                                       
                                           ( La blogger - nostrana - Eleonora Carisi ) 



Per approfondimenti: La storia del Tartan - Come indossare il Tartan

Comments

Popular posts from this blog

Viviana Volpicella, la regina delle stylist

" Sono nata come architetto ma, morirò come fashion editor". Viviana Volpicella



Per coloro che non seguono il mondo della moda, Viviana Volpicella, è la regina delle stylist. Il suo motto risiede nelle parole di Iris Apfel :" la moda la puoi comprare ma lo stile lo devi possedere" e lei di stile, ne ha da vendere.
Laureata in architettura, decide di inseguire la sua passione per la moda e si trasferisce ben presto a Milano. Frequenta un corso per "fashion editor" e diventa la "fashion assistent" dell'influente Anna Dello Russo. A lei deve molto, come afferma nelle varie interviste:"Anna è la mia maestra assoluta. Se faccio questo mestiere è grazie a lei".
L'amore per la moda, in realtà, è sempre stato presente nella sua vita, tanto da scegliere come tema per la tesi di laurea:" Architetture per la moda". I suoi soldi sempre spesi per abbonamenti a magazine di moda:"mi sono laureata in architettura ma, i miei abb…

Eva Geraldine Fontanelli, la rosa rossa della moda.

"Ogni giorno sono diversa. Sono sempre io, ma uso i miei vestiti per interpretare parti diverse della mia personalità". Eva Geraldine Fontanelli 




Non esiste niente di più complesso di una rosa rossa: è il fiore più bello ma il più oscuro. Esso è richiuso in se stesso e quando apre la corolla è già sul punto di svanire. Eva Geraldine Fontanelli, proprio come una rosa rossa, lavoro in segreto. Dietro le quinte di quel mondo chiamato moda.
Eva Fontanelli è una delle stylist, editor, consultant e influencer più importanti nel panorama della moda italiana ed internazionale. Ha lavorato come "fashion editor" per Elle Italia. E' tra le muse di "Scott Schuman". Ha vestito le modelle più in voga del momento. Ha collaborato per le testate di moda più rinomate. Ha una vaga somiglianza con l'attrice Hepburn ed è la persona che dovrebbero utilizzare per rendere chiaro il concetto che ognuno di noi può essere e può dettare moda. 

Eva Geraldine Fontanelli ha un …

Coco Chanel e Boy Capel: l'amore che creò il mito

“ Gli unici occhi belli sono quelli che vi guardano con tenerezza.” Coco Chanel 

Nel film “Bodyguard” vi era la colonna sonora che avrebbe incantato il mondo: And i will always love you. Una promessa per molti, una minaccia per altri. Whitney Houston di quella canzone ne fece la sua vita, ma in altri tempi, nel 1915 circa,la stilista Coco Chanel molto probabilmente l’avrebbe ascoltata e cantata per il suo grande amore: Boy Capel.  Gabrielle Bonhuer Chanel, conosciuta al mondo come Coco Chanel, fu la prima femminista della storia e come ogni donna che si rispetti fu legata ad un grande amore. Da sempre consacrata come la Mademoiselle d’acciaio, con le sue perle sulla poca importanza degli uomini in realtà nascondeva un cuore grande, capace di amare e di pensare ad un futuro da perfetta moglie.  Coco iniziò la sua carriera intorno al 1909 presso l’appartamento del suo amante Balsan, a Parigi in Boulevard Malesherbes creando cappelli. Fu proprio nella residenza del suo primo amante che l…