Skip to main content

Cappotto: i modelli più "glamour"



"Per quanto sembrino cose di secondaria importanza, la missione degli abiti non è soltanto quella di tenerci caldo. Essi cambiano l’aspetto del mondo ai nostri occhi e cambiano noi agli occhi del mondo".  Virginia Woolf



Per le strade si iniziano a vedere gli uomini che vendono castagne calde, camminando si notano le prime luci natalizie, il clima è quello di un perfetto inizio Novembre, il mese dei mesi: quello dove si respira maggiormente l'aria natalizia. Seppur gran parte delle persone non sono della mia stessa idea, è inconfutabile l'aria splendida che si respira nel mese degli scorpioni ( segno zodiacale, eh ndr ) . Sarà che da studentessa Dicembre è il mese prima degli esami, sarà che, dal tempo dei tempi, tra il 1° Dicembre e il 25° dovrebbero trascorrere 25 giorni, a me sembrano sempre 6. Tra le corse per i regali, per lo studio, per la cena con l'amica che torna da qualche città a te lontana, si finisce sempre a rincorrere il mese di Dicembre. Invece Novembre è l'attesa, la calma, la speranza; ma per i ritardati cronici ( come me ndr ), Novembre, è anche e soprattutto il mese del cambio di stagione. 
Da anni ogni 1° Novembre mi affretto a tirare fuori tutti quei capi invernali che, l'anno precedente, avevo camuffato dentro scatoloni vari. E nasce così il dilemma dei dilemmi per i freddolosi e amanti dello stile: esiste un cappotto che non ci fa sembrare l'omino Michelin? Per i non freddolosi invece si pone il dilemma opposto: esiste un cappotto che non mi porti a morire dal caldo o d'ipotermia? 
Ecco, questa volta, c'è una soluzione. In questa lista troverete i cappotti must have di questo inverno





Tra i miei preferiti della collazione autunno inverno del brand: Mango. Perfetto per ogni tipo di variazione climatica grazie al gilet interno rimovibile in caso di caldo.  Indossato è l'unico capo che non ti gonfia come una mongolfiera. 






Non proprio tra i capi low cost ma, certamente, un capo con cui tutti prima o poi troveranno a farsi i conti ( non solo per il costo elevato ndr ). L'impermeabile "Burberry" è il "Chanel N° 5" dei cappotti: unico e inimitabile. 




Tra i capi più amati dalle modelle e sicuramente un vintage che non va mai fuori moda. Il prezzo non è eccessivamente elevato, la qualità ottima, ma il problema è la versatilità: non è un capo adatto a tutte. E' un po' come il "total black look": cambia l'effetto da persona a persona. 




Sì, sì e sì. Non sarà un capo Valentino o un "handmade" ma per eleganza e taglio il cappotto dritto non può mancare nell'armadio. Perfetto per andare al lavoro, ottimo per una cena la sera ( anche sopra il vestito ndr ) o per un aperitivo con gli amici. 




Se è vero che i capi con le righe movimenteranno il nostro inverno, non possiamo fare a meno del cappotto a righe proposto da Zara. Molto "young and wilde" con scritte sul braccio e nella parte anteriore. 




Il classico bomber torna in voga. Se ne avete qualcuno nell'armadio è ora di tirarlo fuori e prepararsi alla camminata da bomber: "spalle dritte, occhiali scuri, stivaletti- stringate nere e cuffie nelle orecchie". Un po' mascoline, un po' la donna impossibile da avere. Un assoluto sì al bomber, ma astenersi donne freddolose. 















Comments

Popular posts from this blog

Eva Geraldine Fontanelli, la rosa rossa della moda.

"Ogni giorno sono diversa. Sono sempre io, ma uso i miei vestiti per interpretare parti diverse della mia personalità". Eva Geraldine Fontanelli 




Non esiste niente di più complesso di una rosa rossa: è il fiore più bello ma il più oscuro. Esso è richiuso in se stesso e quando apre la corolla è già sul punto di svanire. Eva Geraldine Fontanelli, proprio come una rosa rossa, lavoro in segreto. Dietro le quinte di quel mondo chiamato moda.
Eva Fontanelli è una delle stylist, editor, consultant e influencer più importanti nel panorama della moda italiana ed internazionale. Ha lavorato come "fashion editor" per Elle Italia. E' tra le muse di "Scott Schuman". Ha vestito le modelle più in voga del momento. Ha collaborato per le testate di moda più rinomate. Ha una vaga somiglianza con l'attrice Hepburn ed è la persona che dovrebbero utilizzare per rendere chiaro il concetto che ognuno di noi può essere e può dettare moda. 

Eva Geraldine Fontanelli ha un …

Margherita Buy, una farfalla lasciata alla luce.

"Convivo fin da ragazza con la timidezza. E ancora oggi, dopo che tante cose sono cambiate, sono attratta dalle persone che hanno delle incertezze. Mi piacciono le debolezze degli altri". Margherita Buy





Occhi chiari, grandi e malinconici, capelli biondi, "il sorriso inconfondibile di chi, nella vita, ha pianto molto" e quell'eleganza introversa di Margherita Buy. 
Sette David di Donatello, sette Nastri d'argento e cinque Globi d'oro, un curriculum che parla ed eppure, c'è chi ancora mette in discussione la sua bravura:"terribile come attrice", "mi mette un'angoscia" o "ma è fredda. Non trasmette". 
Una delle prime domande che ponevo ( certo, dopo: nome e cognome ndr ) quando mi trovavo in una cena con persone sconosciute, era sulla Buy:"che pensi della Buy?" e così mi regolavo. Ho smesso dopo un mese, per disperazione. Trovavo impossibile l'idea di essere l'unica affascinata dall'incertezza, dalla…

Coco Chanel e Boy Capel: l'amore che creò il mito

“ Gli unici occhi belli sono quelli che vi guardano con tenerezza.” Coco Chanel 

Nel film “Bodyguard” vi era la colonna sonora che avrebbe incantato il mondo: And i will always love you. Una promessa per molti, una minaccia per altri. Whitney Houston di quella canzone ne fece la sua vita, ma in altri tempi, nel 1915 circa,la stilista Coco Chanel molto probabilmente l’avrebbe ascoltata e cantata per il suo grande amore: Boy Capel.  Gabrielle Bonhuer Chanel, conosciuta al mondo come Coco Chanel, fu la prima femminista della storia e come ogni donna che si rispetti fu legata ad un grande amore. Da sempre consacrata come la Mademoiselle d’acciaio, con le sue perle sulla poca importanza degli uomini in realtà nascondeva un cuore grande, capace di amare e di pensare ad un futuro da perfetta moglie.  Coco iniziò la sua carriera intorno al 1909 presso l’appartamento del suo amante Balsan, a Parigi in Boulevard Malesherbes creando cappelli. Fu proprio nella residenza del suo primo amante che l…