Skip to main content

Fashion blogger: trovatevi un lavoro vero.

"Cercare ispirazione di stile tra i look presi e pagati delle blogger, è come andare in uno strip club alla ricerca dell'amore". Alessandra Codinha


Finita la settimana della moda di Milano c'è chi si prepara per Parigi e chi si ritrova a fare i conti con le critiche del magazine più influente del mondo della moda: Vogue Usa. Questa volta al centro dell'attenzione, e non positivamente, vi sono le fashion blogger. Critiche negative piovono sulle neo addette ai lavori, che dovranno gestire una situazione non proprio semplice: Vogue Usa detta, il mondo della moda segue.


" E' una situazione maniacale, non può essere positiva. Blogger che cambiano da testa a piedi i loro outfit sponsorizzati ogni ora: basta. Trovatevi un lavoro vero. E' la morte dello stile" scrive la Direttrice digitale del sito Vogue.
" La categoria dei Blogger, inclusi i fotografi di street stile che le aspettano e adorano, è orribile.." risponde il capo critico dell'edizione online di Vogue.
" E' stressante vedere quanti marchi partecipino al fenomeno accrescendolo. Non è triste solo per queste ragazze che non fanno altro che pavoneggiarsi davanti i fotografi" afferma la Direttrice di Vogue Runway.


Critiche feroci che non passano certamente inosservate se a farle sono le persone più influenti del settore. La cosa che lascia, ancor di più, tremare è che per gran parte delle testate modaiole l'idea non cambia. E' la fine di un'epoca?
Sui social si scatena il fenomeno, numerose condivisioni, commenti del tipo: " era ora, basta con queste nullafacenti", " adotta anche tu una fashion blogger", " che piacere non vederle più", " si ritornerà a fare moda, finalmente?".
Eppure le visualizzazione delle fashion blogger non si ritrovano con i commenti, se si pensa che la nostrana Chiara Ferragni guadagnava, nel lontano 2014, 8 milioni di euro l'anno. Senza considerare l'attuale e-commercial.
Idem, con guadagno minore ma sempre elevato, per le varie fashion blogger internazionali: presenti in prima fila durante ogni sfilata, con Iphone per immortalare il momento e condividerlo con i loro seguaci.
Non mancano coloro che si schierano con le fashion blogger, tra questi spicca la riflessione di Paolo Stella:" Gli animali attaccano solo in due occasioni: quando hanno fame e quando si sentono minacciati. 


È un comportamento atavico, piuttosto scontato e prevedibile, come tutte le reazioni istintive.
In questi giorni leggo molte cose che mi fanno un po' sorridere.
I giornalisti di Vogue America attaccano una categoria, quella dei fashion blogger (io NON ho un fashion blog) in maniera piuttosto dura e diretta, facendo, con pressappochismo, di tutta un'erba un fascio. 
Si accusano suddette ragazze di venire "comprate" per indossare i capi. In questo modo "ovviamente" non possono dettare uno stile, poiché indirizzate coattamente a vestire chi offre di più.
È verissimo! Sono d'accordo! Maledette prostitute del fashion system!
Per fortuna ci sono gli editoriali dei giornali di moda dove non esiste che i capi scelti per gli scatti siano condizionati in alcun modo da chi compra le pagine pubblicitarie! Mai.
Gli stylist lavorano nella più totale libertà, scegliendo quasi esclusivamente capi di ricerca di sconosciute maison che - rigorosamente - non facciano investimenti pubblicitari.
Una bella favola.

Purtroppo la moda è fatta sempre più di numeri e fatturati, contano solo quelli.
La ricerca artistica, il genio creativo - e lo dico con dolore - è ridotto all'osso. Si disegna e si produce quello che si prevede di vendere. 
La comunicazione segue queste regole.
I giornali non vendono praticamente più nulla.
È un peccato perché io sono un grande fan della carta stampata, di chi studia, di chi fatica e di chi ha una professione in mano.
E allora dico: invece di buttare fango su una categoria che ha molti facili capri espiatori, piena di gente ignorante che tanto si commenta da sola, perché invece non si cerca di estrarne il bello, il positivo, il cambiamento, perché non si uniscono le forze e si cerca una collaborazione che renda possibile lo sviluppo di questo mestiere meraviglioso che è fare moda, in tutte le sue accezioni?

Il mondo è cambiato, la comunicazione ha subito una rivoluzione devastante.
Quando si passò dal cinema muto ai film con audio, i vecchi attori dissero che era solo una moda frivola e passeggera, una bolla che sarebbe scoppiata.
Ma solo quelli che impararono a parlare ebbero un futuro.
Anzi vi dico di più: furono i migliori perché avevano l'esperienza della mimica facciale, la capacità di parlare con il corpo e aggiunsero semplicemente qualcosa in più alle loro capacità. 
Si chiama evoluzione e, per quanto dolorosa, è necessaria".

Che la selezione naturale delle fashion blogger abbia inizio: diventeranno davvero un fenomeno in via d'estinzione?


P.s: Se sì, lasciateci come specie protetta quelle come la Ferragni, avranno anche una voce ed espressioni buffe, ma hanno l'umiltà di dire grazie ad ogni selfie richiesto e noi abbiamo bisogno di persone così.







Comments

Popular posts from this blog

Eva Geraldine Fontanelli, la rosa rossa della moda.

"Ogni giorno sono diversa. Sono sempre io, ma uso i miei vestiti per interpretare parti diverse della mia personalità". Eva Geraldine Fontanelli 




Non esiste niente di più complesso di una rosa rossa: è il fiore più bello ma il più oscuro. Esso è richiuso in se stesso e quando apre la corolla è già sul punto di svanire. Eva Geraldine Fontanelli, proprio come una rosa rossa, lavoro in segreto. Dietro le quinte di quel mondo chiamato moda.
Eva Fontanelli è una delle stylist, editor, consultant e influencer più importanti nel panorama della moda italiana ed internazionale. Ha lavorato come "fashion editor" per Elle Italia. E' tra le muse di "Scott Schuman". Ha vestito le modelle più in voga del momento. Ha collaborato per le testate di moda più rinomate. Ha una vaga somiglianza con l'attrice Hepburn ed è la persona che dovrebbero utilizzare per rendere chiaro il concetto che ognuno di noi può essere e può dettare moda. 

Eva Geraldine Fontanelli ha un …

Margherita Buy, una farfalla lasciata alla luce.

"Convivo fin da ragazza con la timidezza. E ancora oggi, dopo che tante cose sono cambiate, sono attratta dalle persone che hanno delle incertezze. Mi piacciono le debolezze degli altri". Margherita Buy





Occhi chiari, grandi e malinconici, capelli biondi, "il sorriso inconfondibile di chi, nella vita, ha pianto molto" e quell'eleganza introversa di Margherita Buy. 
Sette David di Donatello, sette Nastri d'argento e cinque Globi d'oro, un curriculum che parla ed eppure, c'è chi ancora mette in discussione la sua bravura:"terribile come attrice", "mi mette un'angoscia" o "ma è fredda. Non trasmette". 
Una delle prime domande che ponevo ( certo, dopo: nome e cognome ndr ) quando mi trovavo in una cena con persone sconosciute, era sulla Buy:"che pensi della Buy?" e così mi regolavo. Ho smesso dopo un mese, per disperazione. Trovavo impossibile l'idea di essere l'unica affascinata dall'incertezza, dalla…

Coco Chanel e Boy Capel: l'amore che creò il mito

“ Gli unici occhi belli sono quelli che vi guardano con tenerezza.” Coco Chanel 

Nel film “Bodyguard” vi era la colonna sonora che avrebbe incantato il mondo: And i will always love you. Una promessa per molti, una minaccia per altri. Whitney Houston di quella canzone ne fece la sua vita, ma in altri tempi, nel 1915 circa,la stilista Coco Chanel molto probabilmente l’avrebbe ascoltata e cantata per il suo grande amore: Boy Capel.  Gabrielle Bonhuer Chanel, conosciuta al mondo come Coco Chanel, fu la prima femminista della storia e come ogni donna che si rispetti fu legata ad un grande amore. Da sempre consacrata come la Mademoiselle d’acciaio, con le sue perle sulla poca importanza degli uomini in realtà nascondeva un cuore grande, capace di amare e di pensare ad un futuro da perfetta moglie.  Coco iniziò la sua carriera intorno al 1909 presso l’appartamento del suo amante Balsan, a Parigi in Boulevard Malesherbes creando cappelli. Fu proprio nella residenza del suo primo amante che l…