Skip to main content

Birkenstock e il potere della moda



"Dice di seguire la moda, evidentemente fa fatica a raggiungerla". 



Due anni fa, in una calda giornata di Giugno, mi capitò di vedere per la prima volta le infradito "Birkenstock" ed il mio parere non fu tra i più dolci della storia. Capitò dopo pochi giorni di vederne ancora ed ancora, una mania di scarpe da turista tedesco: un incubo firmato "made in Germany".
Per fortuna con lo scomparire dell'estate il fenomeno andò via via in via d'estinzione, ma alle porte dell'estate eccolo ritornare.
Al rivederle sono stata accolta da una sensazione di ambiguità: "non sono poi così brutte anzi, sono carine". Inevitabilmente sono finita ad analizzare il perché di questo mio cambiamento e arrivata alla conclusione che la moda ha il più grande potere:"farti amare ciò che non rientra nel tuo gusto".
Il potere del condizionamento, da essa detenuto, crea ondate di apprezzamenti non veritieri, di gusti non autentici o, per dirla semplicemente, di un popolo globalmente omologato. Io, che nelle categoria ero rientrata poche volte mi trovo a combattere con i sensi di colpa di chi ha scelto e premiato un paio di orrendi sandali tedeschi.




Ricordo che in un tema di terza media la mia professoressa diede la seguente traccia:"l'importanza che ha acquisito la moda ai giorni d'oggi e il suo condizionamento sui giovani". Un tema che mi era talmente stretto all'epoca! Quale influenza? Noi ci vestiamo tutti con le Converse perché ci piacciono, ovviamente. In realtà la storia era un po' più complicata e a distanza di 7 anni mi trovo a combattere sulla stessa traccia.
L'influenza che esercita la moda però non è solo sui giovani, anzi. Il ripetersi di stile omologato è presente ormai in tutte le fasce, sicuramente in modo maggiore nei giovani.
Qual è, quindi, l'impedimento che possiamo fare? Il salto all'ostacolo per cui non cadere nel tenebroso mondo del "tutti per uno, tutti uguale a uno"?

Le risposte potrebbe essere diverse: c'è chi tende a rifiutare qualsiasi capo dei grandi magazzini perché dettato dai canoni della moda, chi cerca di scoprire il proprio stile e portarlo con fermezza avanti. In realtà io credo che piuttosto che continuare ad analizzare il fenomeno dovremmo capire il perché ci convinciamo che le infradito Birkenstock sono per tutti, ma non riusciamo ancora a bere una birra con i tedeschi senza finire in una rissa: mocassini contro infradito. Perché abbiamo tutt'ora problemi nel confronto tra le razze se poi tutti seguiamo Rihanna, Jennifer Lopez e Adele. Perché continuiamo ad influenzare le menti per omologare lo stile ma non per rendere il mondo un posto più giusto, felice o semplicemente di cui andare fieri.

Pertanto a quella famosa domanda della mia professoressa su come influenzasse la moda i giovani mi trovo a rispondere ora che il problema non è influenzare i giovani, ma influenzarli solo per una questione economica. Se riuscissimo a mandare il messaggio che Germania, Italia o America, dovrebbe "giocare contro" solo durante le olimpiadi e mondiali, bhè, la moda avrebbe vinto e noi tutti con essa.



Comments

Popular posts from this blog

Viviana Volpicella, la regina delle stylist

" Sono nata come architetto ma, morirò come fashion editor". Viviana Volpicella



Per coloro che non seguono il mondo della moda, Viviana Volpicella, è la regina delle stylist. Il suo motto risiede nelle parole di Iris Apfel :" la moda la puoi comprare ma lo stile lo devi possedere" e lei di stile, ne ha da vendere.
Laureata in architettura, decide di inseguire la sua passione per la moda e si trasferisce ben presto a Milano. Frequenta un corso per "fashion editor" e diventa la "fashion assistent" dell'influente Anna Dello Russo. A lei deve molto, come afferma nelle varie interviste:"Anna è la mia maestra assoluta. Se faccio questo mestiere è grazie a lei".
L'amore per la moda, in realtà, è sempre stato presente nella sua vita, tanto da scegliere come tema per la tesi di laurea:" Architetture per la moda". I suoi soldi sempre spesi per abbonamenti a magazine di moda:"mi sono laureata in architettura ma, i miei abb…

Eva Geraldine Fontanelli, la rosa rossa della moda.

"Ogni giorno sono diversa. Sono sempre io, ma uso i miei vestiti per interpretare parti diverse della mia personalità". Eva Geraldine Fontanelli 




Non esiste niente di più complesso di una rosa rossa: è il fiore più bello ma il più oscuro. Esso è richiuso in se stesso e quando apre la corolla è già sul punto di svanire. Eva Geraldine Fontanelli, proprio come una rosa rossa, lavoro in segreto. Dietro le quinte di quel mondo chiamato moda.
Eva Fontanelli è una delle stylist, editor, consultant e influencer più importanti nel panorama della moda italiana ed internazionale. Ha lavorato come "fashion editor" per Elle Italia. E' tra le muse di "Scott Schuman". Ha vestito le modelle più in voga del momento. Ha collaborato per le testate di moda più rinomate. Ha una vaga somiglianza con l'attrice Hepburn ed è la persona che dovrebbero utilizzare per rendere chiaro il concetto che ognuno di noi può essere e può dettare moda. 

Eva Geraldine Fontanelli ha un …

Coco Chanel e Boy Capel: l'amore che creò il mito

“ Gli unici occhi belli sono quelli che vi guardano con tenerezza.” Coco Chanel 

Nel film “Bodyguard” vi era la colonna sonora che avrebbe incantato il mondo: And i will always love you. Una promessa per molti, una minaccia per altri. Whitney Houston di quella canzone ne fece la sua vita, ma in altri tempi, nel 1915 circa,la stilista Coco Chanel molto probabilmente l’avrebbe ascoltata e cantata per il suo grande amore: Boy Capel.  Gabrielle Bonhuer Chanel, conosciuta al mondo come Coco Chanel, fu la prima femminista della storia e come ogni donna che si rispetti fu legata ad un grande amore. Da sempre consacrata come la Mademoiselle d’acciaio, con le sue perle sulla poca importanza degli uomini in realtà nascondeva un cuore grande, capace di amare e di pensare ad un futuro da perfetta moglie.  Coco iniziò la sua carriera intorno al 1909 presso l’appartamento del suo amante Balsan, a Parigi in Boulevard Malesherbes creando cappelli. Fu proprio nella residenza del suo primo amante che l…