Skip to main content

Erika Barbato: il segreto del mio successo



Avere una bella immagine sicuramente aiuta, purtroppo in tanti pensano che basti solo quella per sfondare tralasciando la professionalità”.  Erika Barbato

Di Erika barbato quello che stupisce è la modestia, oltre alla, ormai consacrata, bellezza. Questa caratteristica però non basta per portare avanti un blog che riesce a durare per ben cinque anni, serve di più. Un di più che ci dimostra parlando dei suoi progetti, del suo blog, dell’amore per l’arte e per i suoi seguaci.
Vi lascio alle sue parole per comprendere meglio quanto detto sulla blogger.

       Laureata in “ Scienze delle comunicazioni” e blogger da diversi anni:  chi è veramente Erika Barbato?
Sono , semplicemente, la ragazza che vedete sui social ( afferma con convinzione ndr ). Ovviamente non posto tutta la mia vita in rete ma, indubbiamente, quello che decido di pubblicare rispecchia me stessa. Confesso di amare, ancor di più dei social come Instagram o Facebook, Snapchat: posso andare oltre le foto e così riesco a portare , con leggerezza, nella mia quotidianità le persone che mi seguono e farmi conoscere meglio.
       Quando e come nasce l’idea di aprire un blog personale?
L'idea nasce nel 2011 spinta da due fattori: l’amore per il web e la mia presenza in diversi siti modaioli.  Pubblicando le mie foto, in questi ultimi, ho notato che i miei outfits venivano spesso condivisi da pagine famose. I commenti erano positivi, allora mi son chiesta:” perché non aprire un blog tutto mio?”  
       E quale ritiene sia la caratteristica che l’ha portata a durare nel tempo?
Sono rimasta sempre me stessa e non ho mai forzato la mia immagine, credo sia stato questo! Chi mi segue si è affezionato ad Erika e non ad un personaggio creato a tavolino.


       Com’è cambiata la sua vita dall’apertura del blog?
Più che cambiata per certi punti di vista è migliorata. Ho iniziato a viaggiare tantissimo, ho intrapreso collaborazioni con grandi brand  ( che mai avrei immaginato -  afferma sorridendo ndr ) e, soprattutto, sono circondata da persone che credono in quello che faccio.

       C’è chi definisce obsoleta la storia dei blogger, chi addirittura ne deride il potere sociale che esercitano. Quale crede sia la motivazione di tale disprezzo?
Credo sia relativo alla quantità di blogger oggi esistenti. Si è andato così perdendo il concetto stesso di questa parola: colui che cura un blog con dei contenuti. Spesso mi capita di leggere di ragazze che scrivono “blogger” o “influencer” e poi non hanno nemmeno un loro sito. Tutto ci riporta alla mia idea di “professionalità”, non basta essere belle nella vita per sfondare.

       Definisca con tre aggettivi  il suo stile
Dipende dai momenti e da come mi sento, sono molto versatile: rock con un chiodo di pelle, chic con tacchi ed abitino, ultimamente e in vista dell'estate molto boho.

       “Credere in se stessi è la forza migliore per andare avanti”, rispose così in una, non molto, recente intervista. Lei quanto crede nelle sue potenzialità?
Ho sempre creduto in quella frase detta e quindi in me stessa. All'inizio, quando ho aperto il blog, ho ricevuto tantissime critiche. Il fenomeno dei blog non era così diffuso e di conseguenza capito come accade oggi.
In ogni caso ho continuato portando avanti le mie idee, con non poche difficoltà, ma ho avuto ragione ricevendo in questi anni tantissime soddisfazioni: personali e lavorative.


       Potenzialità che l’hanno condotta nei concorsi più ambiti del mondo dello spettacolo: “Miss Italia”, "Sanremo", l' "Eurovision Song Contest".  Ci racconti di queste sue “avventure”
Queste sono alcune delle soddisfazioni di cui parlavo prima. Dopo nemmeno un anno dall'apertura del blog sono stata scelta come blogger per il concorso Miss Italia, per seguire i loro eventi live sul web e in giuria per scegliere le nuove miss.
Nello stesso anno ho iniziato a seguire Sanremo, proprio l'anno della vittoria del mio artista preferito: Marco Mengoni. Un ruolo ancora più importante l'ho avuto durante l'Eurovision come blogger e soprattutto stylist per i ragazzi in concorso al festival con la Repubblica di San Marino.
       A proposito di gusti, chi sceglierebbe tra le modelle: Miranda Kerr e Izabel Goulart?
Adoro Miranda Kerr.

       Capi chiave per questa estate 2016?
Sto acquistando tantissimi abiti e capi ricamati in pizzo, dall'azzurro al rosso e al classico bianco. Come detto prima adoro lo stile bohochic.
       Oltre alla passione per la moda, ama il cinema e la musica. Film e canzone preferita?
Decisamente sì, difatti il mio non è un fashion blog, mi occupo e mi piace parlare di un po' di tutto. Film preferito "La ricerca della felicità"; canzone "Glorious" di Andreas Johnson.
       Nella vita sentimentale è legata all’ex concorrente di amici Antonello Carozza, ha davvero “ l’arte nel cuore”.
Diciamo che ci siamo trovati anche perché abbiamo tantissimi interessi in comune. Proprio questo poi ci ha portato a lavorare insieme e condividere diversi progetti.


       C’è qualcosa che vorrebbe cambiare nella sua vita?
Sto vivendo un bellissimo periodo, quindi no, va bene così.
       Sogni nel cassetto?
Tanti ma, ormai è risaputo, sono scaramantica.

       Un saluto ai lettori del blog
Grazie mille per l'intervista, belle domande e un mega abbraccio alle lettrici di  " Muse Ispiratrici".






Comments

Popular posts from this blog

Eva Geraldine Fontanelli, la rosa rossa della moda.

"Ogni giorno sono diversa. Sono sempre io, ma uso i miei vestiti per interpretare parti diverse della mia personalità". Eva Geraldine Fontanelli 




Non esiste niente di più complesso di una rosa rossa: è il fiore più bello ma il più oscuro. Esso è richiuso in se stesso e quando apre la corolla è già sul punto di svanire. Eva Geraldine Fontanelli, proprio come una rosa rossa, lavoro in segreto. Dietro le quinte di quel mondo chiamato moda.
Eva Fontanelli è una delle stylist, editor, consultant e influencer più importanti nel panorama della moda italiana ed internazionale. Ha lavorato come "fashion editor" per Elle Italia. E' tra le muse di "Scott Schuman". Ha vestito le modelle più in voga del momento. Ha collaborato per le testate di moda più rinomate. Ha una vaga somiglianza con l'attrice Hepburn ed è la persona che dovrebbero utilizzare per rendere chiaro il concetto che ognuno di noi può essere e può dettare moda. 

Eva Geraldine Fontanelli ha un …

Margherita Buy, una farfalla lasciata alla luce.

"Convivo fin da ragazza con la timidezza. E ancora oggi, dopo che tante cose sono cambiate, sono attratta dalle persone che hanno delle incertezze. Mi piacciono le debolezze degli altri". Margherita Buy





Occhi chiari, grandi e malinconici, capelli biondi, "il sorriso inconfondibile di chi, nella vita, ha pianto molto" e quell'eleganza introversa di Margherita Buy. 
Sette David di Donatello, sette Nastri d'argento e cinque Globi d'oro, un curriculum che parla ed eppure, c'è chi ancora mette in discussione la sua bravura:"terribile come attrice", "mi mette un'angoscia" o "ma è fredda. Non trasmette". 
Una delle prime domande che ponevo ( certo, dopo: nome e cognome ndr ) quando mi trovavo in una cena con persone sconosciute, era sulla Buy:"che pensi della Buy?" e così mi regolavo. Ho smesso dopo un mese, per disperazione. Trovavo impossibile l'idea di essere l'unica affascinata dall'incertezza, dalla…

Coco Chanel e Boy Capel: l'amore che creò il mito

“ Gli unici occhi belli sono quelli che vi guardano con tenerezza.” Coco Chanel 

Nel film “Bodyguard” vi era la colonna sonora che avrebbe incantato il mondo: And i will always love you. Una promessa per molti, una minaccia per altri. Whitney Houston di quella canzone ne fece la sua vita, ma in altri tempi, nel 1915 circa,la stilista Coco Chanel molto probabilmente l’avrebbe ascoltata e cantata per il suo grande amore: Boy Capel.  Gabrielle Bonhuer Chanel, conosciuta al mondo come Coco Chanel, fu la prima femminista della storia e come ogni donna che si rispetti fu legata ad un grande amore. Da sempre consacrata come la Mademoiselle d’acciaio, con le sue perle sulla poca importanza degli uomini in realtà nascondeva un cuore grande, capace di amare e di pensare ad un futuro da perfetta moglie.  Coco iniziò la sua carriera intorno al 1909 presso l’appartamento del suo amante Balsan, a Parigi in Boulevard Malesherbes creando cappelli. Fu proprio nella residenza del suo primo amante che l…