Skip to main content

Fashion man: quel sogno che sa di vittoria

“ Ricchi si diventa, eleganti si nasce “. Honorè De Balzac 


                                ( LOCANDINA FASHION MAN ) 

L’evento dello scorso sabato ha avuto come tema centrale lo stile italiano con ospiti come Giorgio Giangiulio ( blogger ) e Alessio Giacomobono ( sarto ). Due ragazzi, aventi pensieri e “ forma mentis” completamente opposte ma, al tempo stesso, accomunati dalla passione per la moda: il primo fa riferimento a icone come Gianni Agnelli, Marcello Mastroianni, Gassman; il secondo allo stile moderno di Lapo Elkann e Alessandro Squarzi.


( UN MOMENTO DELLA CONFERENZA )

A dare “il via alle danze” è Alessio che risponde a domande riguardanti quella che è la sua passione per l’arte sartoriale. Alessio, a suo agio, afferma :” Ho iniziato a cucire per gioco. In famiglia solo mia nonna cuciva, ma capi femminili, io invece mi occupo dello stile maschile. Per imparare ho iniziato svuotando le giacche che possedevo e ho cercato di imitare i vari procedimenti, fino ad arrivare a capire come era formata veramente una giacca. Ovviamente le prime non erano il massimo dell’eleganza, ma con il tempo ho acquistato maggiore conoscenza, fino ad oggi ”. Risponde a: ”domande tecniche come le differenze principali tra lo stile della giacca napoletana e quella milanese, il suo incontro con Lapo Elkann e con il re della moda Giorgio Armani”( potete leggere le sue risposte su questo link:  Alessio Giacomobono: al passo dal possibile   ). 
Alessio saluta la sala, momentaneamente, per sistemare i modelli che sfileranno con i suoi capi.


( GABRIELLA GIORGIO, ALESSIO GIACOMOBONO,RICCARDO TESTA )

La parola è ora di Giorgio Giangiulio, noto blogger ( chi non lo conosce può googlare il suo nome ndr ) e uomo di gusto ed eleganza indiscussa. Giorgio, legato ai canoni tradizionali, incanta la platea parlando della sua professione di blogger: “sono in continua ricerca di quella che è l’eleganza maschile. Ho iniziato a dare consigli ad alcuni amici, sul “modus” dell’eleganza e così ho pensato di aprire un mio blog. Attualmente in espansione, ma non voglio anticiparvi niente”. Parla dei suoi punti di riferimento, dei suoi numerosi viaggi nelle varie città italiane alla scoperta di sartorie eccezionali.


( GIORGIO GIANGIULIO CHIARISCE ALCUNI ASPETTI SUL SUO MESTIERE

 Il pubblico applaude e sorride al blogger, che continua parlando dei giovani a cui dice: “ gran parte delle migliori sartorie hanno a capo persone anziane e quando loro verranno a mancare perderemo il patrimonio che proviene da una vita vissuta per l’amore della macchina da cucire. Perderemo i loro segreti, i loro gusti, i loro studi e questo è legato al fatto stesso che, spesso, si vede in modo negativo il lavoro d’artigiano. Andrebbe ,invece, incentivato e ricercato, non tutti sono fatti per essere grandi menti, ma potrebbe avere “grandi” mani. Inoltre la moda è il “nostro forte”, abbiamo grandi marchi in Italia che esportano i loro capi, ottenendo all’estero numerosi riconoscimenti, oltre a un adeguato guadagno”. Si ferma a riflettere su temi come quello dei grandi magazzini che producono capi accessibili a tutti, ma con produzione in paesi in cui la manodopera costa davvero poco, realtà opposta a quella italiana. Un grande plauso conclude l’intervento di Giorgio, con un boato di consensi e ammirazione, anche di coloro che di moda capisco poco. 


                     ( ILEANA MUNNO E GIORGIO GIANGIULIO )

Inizia la sfilata e la sala comunale di Roccasecca si trasforma in un attimo in una passerella degna di “fashion week”. Arriva il primo modello, poi il secondo fino al dodicesimo, tutti accolti con applausi. 
Lo stile degli abiti è quello giovanile e innovativo, con capi che vanno dal look casual al più elegante smoking. 
A concludere la sfilata i capi da donna dell’abbigliamento Fraioli indossati dalle splendide modelle: Alessia Santarpia e Alessandra Giacomobono. Applausi per la loro uscita, prima sole e poi accompagnate da due dei ragazzi con capi di A. Giacomobono. Il pubblico ancora una volta apprezza, ed è quell’applauso che sa di vittoria. 


                               ( GIANLUIGI NEMI: NEW AGE STYLE )


                                   ( CELESTINO DI NOTA: CHIC STYLE ) 


                                         ( ALEX BORZUMATO, STREET STYLE ) 

( SIMONE FUSCIELLO- WORK STYLE ) 

       ( ROBERTO MASTRONICOLA: ELEGANT STYLE ) 


           ( ALESSANDRA GIACOMOBONO, CAPO FRAIOLI )



                                  ( ALESSIA SANTARPIA, VESTITO FRAIOLI ) 


P.S: Ringrazio per l’esperienza l’associazione “Viviamo Roccasecca” ( di cui sono sempre più fiera di esserne parte ndr ), il sindaco Giovanni Giorgio e l’amministrazione comunale per averci concesso questo sogno da una notte, tutti coloro che sono venuti e soprattutto i modelli: Alex Borzumato, Gianluigi Nemi, Roberto Mastronicola, Gianluca Semeoni, Celestino Di Nota, Mirco Castaldo, Luca Colicci e Simone Fusciello. Le modelle: Alessia Santarpia e Alessandra Giacomobono. Il sarto: Alessio Giacomobono, il blogger: Giorgio Giangiulio e l’abbigliamento Fraioli per i capi da donna. Un ringraziamento per lo splendido addobbo a Floryou. Per le foto: Tommaso Marsella ( link per altre foto : Foto Tommaso Marsella ) . E un grazie grande a coloro che non c’erano ma che non hanno perso l’occasione per criticare: chapeau, grazie per l’importanza. 


( ADDOBBO BY FLORYOU )



BACKSTAGE: 
Foto scattate con telefonino 

 

                   ( SELFIE PRE- PASSERELLA: LUCA COLICCI E ALEX BORZUMATO )




                 ( SFILATA D'AMORE : SIMONE FUSCIELLI E ALESSIA SANTARPIA ) 



 (ALESSIO GIACOMOBONO E LA SORELLA- MODELLA: ALESSANDRA GIACOMOBONO )

                                     ( PROVE SFILATA: A. G, I.M e A. S )


                     ( GLI ORGANIZZATORI E GLI OSPITI DELL' EVENTO FASHION MAN )



  ( MEMBRI DELL'ASSOCIAZIONE VIVIAMO ROCCASECCA: G.G e R.T ) 


( FOTO RICORDO: I MODELLI CON IL BLOGGER GIORGIO GIANGIULIO ) 

PER RIMANERE AGGIORNATI SUI VARI EVENTI ( MODAIOLI E NON ) : 

Comments

Popular posts from this blog

Eva Geraldine Fontanelli, la rosa rossa della moda.

"Ogni giorno sono diversa. Sono sempre io, ma uso i miei vestiti per interpretare parti diverse della mia personalità". Eva Geraldine Fontanelli 




Non esiste niente di più complesso di una rosa rossa: è il fiore più bello ma il più oscuro. Esso è richiuso in se stesso e quando apre la corolla è già sul punto di svanire. Eva Geraldine Fontanelli, proprio come una rosa rossa, lavoro in segreto. Dietro le quinte di quel mondo chiamato moda.
Eva Fontanelli è una delle stylist, editor, consultant e influencer più importanti nel panorama della moda italiana ed internazionale. Ha lavorato come "fashion editor" per Elle Italia. E' tra le muse di "Scott Schuman". Ha vestito le modelle più in voga del momento. Ha collaborato per le testate di moda più rinomate. Ha una vaga somiglianza con l'attrice Hepburn ed è la persona che dovrebbero utilizzare per rendere chiaro il concetto che ognuno di noi può essere e può dettare moda. 

Eva Geraldine Fontanelli ha un …

Margherita Buy, una farfalla lasciata alla luce.

"Convivo fin da ragazza con la timidezza. E ancora oggi, dopo che tante cose sono cambiate, sono attratta dalle persone che hanno delle incertezze. Mi piacciono le debolezze degli altri". Margherita Buy





Occhi chiari, grandi e malinconici, capelli biondi, "il sorriso inconfondibile di chi, nella vita, ha pianto molto" e quell'eleganza introversa di Margherita Buy. 
Sette David di Donatello, sette Nastri d'argento e cinque Globi d'oro, un curriculum che parla ed eppure, c'è chi ancora mette in discussione la sua bravura:"terribile come attrice", "mi mette un'angoscia" o "ma è fredda. Non trasmette". 
Una delle prime domande che ponevo ( certo, dopo: nome e cognome ndr ) quando mi trovavo in una cena con persone sconosciute, era sulla Buy:"che pensi della Buy?" e così mi regolavo. Ho smesso dopo un mese, per disperazione. Trovavo impossibile l'idea di essere l'unica affascinata dall'incertezza, dalla…

Coco Chanel e Boy Capel: l'amore che creò il mito

“ Gli unici occhi belli sono quelli che vi guardano con tenerezza.” Coco Chanel 

Nel film “Bodyguard” vi era la colonna sonora che avrebbe incantato il mondo: And i will always love you. Una promessa per molti, una minaccia per altri. Whitney Houston di quella canzone ne fece la sua vita, ma in altri tempi, nel 1915 circa,la stilista Coco Chanel molto probabilmente l’avrebbe ascoltata e cantata per il suo grande amore: Boy Capel.  Gabrielle Bonhuer Chanel, conosciuta al mondo come Coco Chanel, fu la prima femminista della storia e come ogni donna che si rispetti fu legata ad un grande amore. Da sempre consacrata come la Mademoiselle d’acciaio, con le sue perle sulla poca importanza degli uomini in realtà nascondeva un cuore grande, capace di amare e di pensare ad un futuro da perfetta moglie.  Coco iniziò la sua carriera intorno al 1909 presso l’appartamento del suo amante Balsan, a Parigi in Boulevard Malesherbes creando cappelli. Fu proprio nella residenza del suo primo amante che l…