Skip to main content

Le donne che hanno fatto la storia e il loro stile.

"Le donne che hanno cambiato il mondo non hanno avuto bisogno di "mostrare nulla", se non la loro intelligenza".  Rita Levi Montalcini


Nei giorni odierni è sempre più facile essere circondati da ragazze o donne in ogni modo purché vestite: short corti, top che non coprono neanche il seno, "mini" vestiti  che allontanano l'uomo da qualsiasi immaginazione. Non si tratta di essere bigotti, ma di essere realisti ed osservare il mondo per quello che oggi è. Al tempo stesso l'esempio con cui queste sono cresciute non porta certo a una visione differente. Modelle pronte a tutto pur di sposare un calciatore, presentatrici diventate tali passando nel "letto" di qualcuno più potente di loro, giornaliste appartenenti a famiglie illustre: un mondo dove l'intelligenza e lo stile, lasciano spazio all'apparire. 
Quello che oggi effettivamente  manca è il giusto esempio di donne forti che sono riuscite a cattura l'attenzione dei media, del mondo della scienza, del cinema e del giornalismo , dimostrando le loro qualità senza ricorrere ad una sesta di seno, labbra rifatte e altro. 
Qui alcune delle donne che hanno fatto la storia e il loro stile. 


Indiscutibilmente icona di stile Marilyn Monroe scomparsa nel 1962, continua a trasmettere il suo fascino misto alla fragilità che da sempre è parte integrante della sua vita. 
Punto di forza del suo stile era il perfetto mix tra semplicità e sensualità, le bastava  indossare una camicia bianca e uno short per avere l'attenzione su di se. Una donna insicura, ma che riusciva a trasmettere energia, una carriera di alti e bassi, ma con una costante: uno stile unico e indiscutibile. 


Non esiste essere umano che non abbia almeno una volta udito o letto il suo nome: Audrey Hepburn. Leggendaria attrice del celebre "Breakfast to Tiffany", consacrata come la donna più elegante da numerose testate di moda. Ancora una volta la semplicità è parte fondamentale di un'attrice, da sempre conosciuta per il suo abito nero Givenchy. Non può mancare nell' armadio delle donne come Audrey: una maglia a collo alto, una camicetta bianca, un paio di pantacapri o dei pantaloni a sigaretta molto aderenti e lunghi fino alla caviglia.


Giornalista e scrittrice italiana Oriana Fallaci è famosa in tutto il mondo per la sua carriera nell'ambito del giornalismo. Donna forte, impegnata a celebrare la vita e a combatterne le ingiustizie, per affrontare le sue difficoltose giornate indossava completi dal taglio femminile, borsetta e un immancabile orologio. Questo non era per l'Oriana un semplice accessorio, ma ad esso aveva legato numerosi ricordi e alla sua morte è stata vestita, come da lei chiesto,  con un tailleur e un orologio militare, proprio nel suo stile abituale per le interviste.


Regina del pop e dello stile odierno la non più "single lady": Beyonce. Sensuale con vestiti spesso aderenti, tacchi alti ma mai esagerati. Ha un debole per il bianco, che indossa in numerose e differenti occasioni: concerti, uscite con amici, inviti vari e anche in aeroporto ( come nella foto ndr ). Copiare il suo stile non è semplice, la cantante gode infatti di un fisico che le permette di variare tra abiti lunghi e corti. Ama indossare gioielli, ma in particolare occhiali, borse e cappelli.


C'è chi la paragona a Miranda del film "Il diavolo veste Prada", ma con un'unica eccezione: non della moda ma dell'economia. Spesso citata nei vari magazine per il suo stile impeccabile, anche questa amante del tailleur e con una passione per le sciarpe e per i foulard, ne ha uno per ogni abito ed occasione. Certamente tra gli abiti della cancellieri tedesca e della passione per il giallo della Regina Elisabetta, Christine Lagarde è una sicurezza internazionale dello stile.


Mika , oggi impegnato a combattere la sua battaglia contro le discriminazioni omosessuali, le dedicò una canzone. Principessa nella vita e nello stile, Grace Kelly, era solita indossare abiti fin sotto il ginocchio, cappotti lunghi, occhiali grandi e borse. Famosa per la sua carriera e per l'incidente in cui perse la vita. Un vero e proprio guru della moda e dell'eleganza. Amava i tacchi a spillo e le borse. 

Se Yves Saint Laurent fosse oggi vivo avrebbe detto in sostituzione al suo celebre aforisma: "non confondete l'eleganza con l'esser snob", "non confondete la libertà con il nudismo". 





Comments

Popular posts from this blog

Eva Geraldine Fontanelli, la rosa rossa della moda.

"Ogni giorno sono diversa. Sono sempre io, ma uso i miei vestiti per interpretare parti diverse della mia personalità". Eva Geraldine Fontanelli 




Non esiste niente di più complesso di una rosa rossa: è il fiore più bello ma il più oscuro. Esso è richiuso in se stesso e quando apre la corolla è già sul punto di svanire. Eva Geraldine Fontanelli, proprio come una rosa rossa, lavoro in segreto. Dietro le quinte di quel mondo chiamato moda.
Eva Fontanelli è una delle stylist, editor, consultant e influencer più importanti nel panorama della moda italiana ed internazionale. Ha lavorato come "fashion editor" per Elle Italia. E' tra le muse di "Scott Schuman". Ha vestito le modelle più in voga del momento. Ha collaborato per le testate di moda più rinomate. Ha una vaga somiglianza con l'attrice Hepburn ed è la persona che dovrebbero utilizzare per rendere chiaro il concetto che ognuno di noi può essere e può dettare moda. 

Eva Geraldine Fontanelli ha un …

Margherita Buy, una farfalla lasciata alla luce.

"Convivo fin da ragazza con la timidezza. E ancora oggi, dopo che tante cose sono cambiate, sono attratta dalle persone che hanno delle incertezze. Mi piacciono le debolezze degli altri". Margherita Buy





Occhi chiari, grandi e malinconici, capelli biondi, "il sorriso inconfondibile di chi, nella vita, ha pianto molto" e quell'eleganza introversa di Margherita Buy. 
Sette David di Donatello, sette Nastri d'argento e cinque Globi d'oro, un curriculum che parla ed eppure, c'è chi ancora mette in discussione la sua bravura:"terribile come attrice", "mi mette un'angoscia" o "ma è fredda. Non trasmette". 
Una delle prime domande che ponevo ( certo, dopo: nome e cognome ndr ) quando mi trovavo in una cena con persone sconosciute, era sulla Buy:"che pensi della Buy?" e così mi regolavo. Ho smesso dopo un mese, per disperazione. Trovavo impossibile l'idea di essere l'unica affascinata dall'incertezza, dalla…

Coco Chanel e Boy Capel: l'amore che creò il mito

“ Gli unici occhi belli sono quelli che vi guardano con tenerezza.” Coco Chanel 

Nel film “Bodyguard” vi era la colonna sonora che avrebbe incantato il mondo: And i will always love you. Una promessa per molti, una minaccia per altri. Whitney Houston di quella canzone ne fece la sua vita, ma in altri tempi, nel 1915 circa,la stilista Coco Chanel molto probabilmente l’avrebbe ascoltata e cantata per il suo grande amore: Boy Capel.  Gabrielle Bonhuer Chanel, conosciuta al mondo come Coco Chanel, fu la prima femminista della storia e come ogni donna che si rispetti fu legata ad un grande amore. Da sempre consacrata come la Mademoiselle d’acciaio, con le sue perle sulla poca importanza degli uomini in realtà nascondeva un cuore grande, capace di amare e di pensare ad un futuro da perfetta moglie.  Coco iniziò la sua carriera intorno al 1909 presso l’appartamento del suo amante Balsan, a Parigi in Boulevard Malesherbes creando cappelli. Fu proprio nella residenza del suo primo amante che l…