Skip to main content

Morto Elio Fiorucci, lo stilista che affascinò Andy Warhol

“ Ho realizzato e realizzo abiti che stanno bene a tutti, senza distinzioni. Poi, certamente, sta a chi li indossa il compito di valorizzarli”. Elio Fiorucci


 All’età di 80 anni è morto lo stilista e guru della moda: Elio Fiorucci. Ritrovato ieri nella sua abitazione a Milano stroncato da un malore che l’ha ucciso il sabato prima.
Ricordare un grande della moda è sempre difficile, ma al tempo stesso doveroso, lo stilista infatti era riuscito in poco tempo a cattura l’attenzione sul suo brand “Fiorucci” e a essere tra  i primi a vedere la moda in maniera universale.
Iniziò la sua carriera nell’ambito della moda in  giovane età, strada già scelta dal padre, creando uno stile a se e prendendo spunto dal mondo anglosassone. Il successo arrivò nel 1970, coi i suoi celebri jeans Fiorucci. I prodotti furono distribuiti in vari stati e ottennero un grande apprezzamento dal pubblico. I suoi capi iniziano così a catturare l’attenzione anche dei personaggi più celebri dell’epoca tra cui: Andy Warhol, Grace Jones e Madonna.
Vari i progetti portati avanti dallo stilista e imprenditore italiano, tra cui la creazione del progetto Love Therapy, che comprendeva felpe, abiti e accessori. La novità era ed è oggi il vero e proprio punto di forza dei suoi brands, strettamente collegati con il gusto dei giovani.


Lo stesso Elio era un eterno fanciullo e amante della bella vita: sempre circondato da donne e in continuo viaggio alla ricerca dell’eleganza e del divertimento. Un uomo, al tempo stesso, umile, sempre disponibile nel confronto con il mondo, allegro e molto calmo. Colpito dal fascino della natura, il suo sogno d’infanzia era infatti di diventare pastore, per ammirare e godere a meglio della bellezza della natura.
Sulla sua originalità affermava: “la creatività ha sempre una radice nel sapere dell’altro, è il miglioramento di qualcosa che c’è già”. Stimatore di ogni forma d’arte e grande amante del “Made in Italy”. Guardava, da buon italiano, ogni anno il Festival di Sanremo confermandone la sua magia.
Parlando di Fiorucci e del suo percorso imprenditoriale :” Nella mia carriera ho avuto una grande fortuna: la capacità di rompere gli schemi decontestualizzandoli in tutto quello che mi piaceva e proiettare ció nell’immagine Fiorucci. La gente mi ha sempre detto che amava il negozio, perché era un posto dove ci si sentiva amati, dove c’era la musica, delle belle ragazze. Una terapia d’amore. Ed era proprio quello il mio scopo”.


I simboli più celebri rappresentati dal marchio di Elio furono gli angeli e le donne nude di cui disse: “ quando qualcuno mi domanda cosa avessero a che fare gli angeli con le donne nude, rispondo che ogni donna nuda è come un angelo. Un dono divino”.
Un uomo dai mille sogni, che nella sua vita ha conquistato quanto da lui desiderato e anche  più. Ci piace immaginarlo con il sorriso, affiancato dai suoi tanto amati e rappresentati angeli, mentre guarda passare qualche bella donna paradisiaca, ovviamente vestita Fiorucci.
Ciao Elio, a presto.









Comments

Popular posts from this blog

Eva Geraldine Fontanelli, la rosa rossa della moda.

"Ogni giorno sono diversa. Sono sempre io, ma uso i miei vestiti per interpretare parti diverse della mia personalità". Eva Geraldine Fontanelli 




Non esiste niente di più complesso di una rosa rossa: è il fiore più bello ma il più oscuro. Esso è richiuso in se stesso e quando apre la corolla è già sul punto di svanire. Eva Geraldine Fontanelli, proprio come una rosa rossa, lavoro in segreto. Dietro le quinte di quel mondo chiamato moda.
Eva Fontanelli è una delle stylist, editor, consultant e influencer più importanti nel panorama della moda italiana ed internazionale. Ha lavorato come "fashion editor" per Elle Italia. E' tra le muse di "Scott Schuman". Ha vestito le modelle più in voga del momento. Ha collaborato per le testate di moda più rinomate. Ha una vaga somiglianza con l'attrice Hepburn ed è la persona che dovrebbero utilizzare per rendere chiaro il concetto che ognuno di noi può essere e può dettare moda. 

Eva Geraldine Fontanelli ha un …

Margherita Buy, una farfalla lasciata alla luce.

"Convivo fin da ragazza con la timidezza. E ancora oggi, dopo che tante cose sono cambiate, sono attratta dalle persone che hanno delle incertezze. Mi piacciono le debolezze degli altri". Margherita Buy





Occhi chiari, grandi e malinconici, capelli biondi, "il sorriso inconfondibile di chi, nella vita, ha pianto molto" e quell'eleganza introversa di Margherita Buy. 
Sette David di Donatello, sette Nastri d'argento e cinque Globi d'oro, un curriculum che parla ed eppure, c'è chi ancora mette in discussione la sua bravura:"terribile come attrice", "mi mette un'angoscia" o "ma è fredda. Non trasmette". 
Una delle prime domande che ponevo ( certo, dopo: nome e cognome ndr ) quando mi trovavo in una cena con persone sconosciute, era sulla Buy:"che pensi della Buy?" e così mi regolavo. Ho smesso dopo un mese, per disperazione. Trovavo impossibile l'idea di essere l'unica affascinata dall'incertezza, dalla…

Coco Chanel e Boy Capel: l'amore che creò il mito

“ Gli unici occhi belli sono quelli che vi guardano con tenerezza.” Coco Chanel 

Nel film “Bodyguard” vi era la colonna sonora che avrebbe incantato il mondo: And i will always love you. Una promessa per molti, una minaccia per altri. Whitney Houston di quella canzone ne fece la sua vita, ma in altri tempi, nel 1915 circa,la stilista Coco Chanel molto probabilmente l’avrebbe ascoltata e cantata per il suo grande amore: Boy Capel.  Gabrielle Bonhuer Chanel, conosciuta al mondo come Coco Chanel, fu la prima femminista della storia e come ogni donna che si rispetti fu legata ad un grande amore. Da sempre consacrata come la Mademoiselle d’acciaio, con le sue perle sulla poca importanza degli uomini in realtà nascondeva un cuore grande, capace di amare e di pensare ad un futuro da perfetta moglie.  Coco iniziò la sua carriera intorno al 1909 presso l’appartamento del suo amante Balsan, a Parigi in Boulevard Malesherbes creando cappelli. Fu proprio nella residenza del suo primo amante che l…