Skip to main content

Emilie Fouilloux: my lady heroine.


" Ha l'eleganza del riccio: fuori è protetta da aculei, una vera e propria fortezza, ma ho il sospetto che dentro sia semplice e raffinata come i ricci, animaletti fintamente indolenti, risolutamente solitari e terribilmente eleganti".   Muriel Barbery




Chi non ha mai sognato di diventare una ballerina? E quanti di noi hanno tentato tale strada senza alcun risultato? 
Nell'idea comune che ci viene imposta fin da piccoli la ballerina è quella figura mitologica: metà donna e metà "cigno". Facilmente riconoscibile per via del suo fisico esile e per l'eleganza che nella vita la porterà sempre a distinguersi dagli altri esseri umani. Sempre nell'immaginario comune la ballerina cammina per le strade con l'aria felice: contando i passi, con il sorriso sulle labbra e canticchiando una canzone. Con il trascorrere del tempo tuttavia ognuno di noi ha avuto a che fare con una ballerina, o con una pseudo-ballerina e abbiamo potuto "ammirare" come l'idea della "danzatrice" felice sia del tutto estranea alla realtà, proprio come il sogno infantile del principe azzurro: biondo e con gli occhi celesti.
 Anche i meno esperti del settore ( me compresa ndr ) sanno però che una vera ballerina la si nota nel caso estremo in cui si cade, In quel momento il professionisto  va avanti senza far notare niente,  non è da tutti, anzi in pochi riescono ad alzarsi ed andare avanti e la ballerina, dj e blogger Emilie Fouilloux rappresenta proprio questa categoria di donna:" capace di rialzarsi e reinventarsi d'avanti le sfide della vita". 
 Per la sua forza, energia e positività,  l’intervista porta il titolo della canzone di  Serge Gainsbourg, il suo autore preferito, : “ My lady heroine” ( La “mia" donna eroina ndr ). Vi lascio alle sue parole per capire quanto detto.



- Emilie lei nasce come ballerina, com’è arrivata a diventare dj e fashion designer?
Oggi ancora pochissima gente cambia lavoro e quindi sembra strano che io abbia deciso di trovare un nuovo mestiere. La verità è che sono sempre stata una ragazza curiosa e affascinata da numerose passioni.  Ho dedicato 25 anni della mia vita al ballo, professione che ho amato veramente tanto. Tuttavia essendo anche una persona  molto positiva, ho notato un cambiamento nel settore della danza che mi ha condotto all'attuale decisione  quella di dedicarmi ad una nuova professione. Ho capito che era il momento giusto per inventarsi una nuova vita ed ho colto il momento al volo. Ho ballato talmente tanto e tante cose che so di aver fatto tutto quello che c’era da fare, quindi la mia scelta è stata una scelta presa con tranquillità.

- Ha iniziato la sua carriera da ballerina professionista all’età di 17 anni, quanto le costa oggi
essersi allontanata dalle scene?
Mi costa davvero molto.  Era un mestiere che amavo tantissimo ed è stato quello che ho sempre desiderato fare. Ci sono periodi in cui sogno di ballare tutte le notti. ( afferma imbarazzata ndr ) La verità è che non c’è niente che mi riempie come la magia della scena, quindi rispondendo alla domanda: ” si mi costa”.
- In un’ intervista lei ha affermato: “ Io non credo che ognuno debba fare una sola cosa nella vita”. Possiamo considerarlo il suo motto?
Come ho precedentemente affermato per me non è strano cambiare mestiere e non capisco ancora perché agli altri risulti così al di fuori dal comune.
- Ha di recente iniziato una collaborazione con la rivista: “Marie Claire” . La  sua rubrica ha come titolo: “ Una parigina a Milano”, lei avendo girato il mondo sa dirmi cos’è che distingue lo stile della sua città, da quello degli altri paesi?
Non sono io ad affermare ciò, ma le persone che visitano Parigi o che hanno vissuto lì.  Credo tuttavia che la naturalezza della Parigina affascina: chic ma naturale, senza alcun sforzo.
Il suo indumento preferito, senza il quale non uscirebbe di casa?
Il mio specchio Madem Paris (   sito web MADEM Paris ) cambio la pelle dello specchio a seconda del look che porto. Per me è davvero indispensabile.


- Persone a cui si ispira o a cui deve un grazie.
Ce ne sono molto, cito le più importanti. Per quanto riguarda le mie “muse ispiratrici” direi: Yves Saint Laurent e Loulou de La Falaise. Al tempo stesso ammiro e devo ringraziare per il sostegno e l’amore che ogni giorno ricevo il mio fidanzato e i nostri cani. La mia prima maestra di ballo: Marie Christine Robert che ha dedicato ore della sua vita per me. Ovviamente la mia famiglia e miei amici che amo talmente tanto da “perdere la testa”:
- “ I dettagli fanno la differenza”. Il suo accessorio preferito?
Non riesco a scegliere un accessorio e basta, sono del parere che è lo stile complessivo a fare la differenza.  Ultimamente però dipendo da un paio di  scarpe zebrate. Sono versatili e molto comode, le ho abbinate con qualsiasi outfit indossassi. Davvero incredibile! ( Afferma divertita ndr )
 - Se il suo stile fosse una canzone quale sarebbe?
Ecco questa è una domanda difficile. La musica è tutto per me. Vivo nella musica e dovrei dare più di una canzone, quindi dico un nome: Serge Gainsbourg, lo adoro.
- Un must have che non dovrebbe mai mancare nell’armadio di una donna?
Una bella camicia bianca di seta o di cotone fino, credo sia l’accessorio indispensabile per una donna.
- Nel celebre libro sullo stile parigino, Inès De La Fressange scrisse: “ Non occorre essere nate a Parigi per avere uno stile da parigina. Avere l’aria “made in Paris” è un atteggiamento mentale”. Lei è d’accordo con questa frase?
Si, ovviamente. Devo dire che io sono d’accordo con quanto afferma Ines De La Fressange sempre.  
- Il suo sogno nel cassetto?
Recitare. Voglio ritrovare la magia di entrare in un personaggio come accadeva quando ballavo. Rivoglio quella magia.
- Come si vestirebbe una parigina per una cena con amici in un locale alla moda?
Il bio look "passe partout": una bella camicia un po’ larga con una collana e un pantalone a vita alta e un bel tacco.
- Il suo profumo preferito?
Ne ho 3 che porto da quando ho 17 anni: Annick Goutal (L'eau d'Adrien),  Creed (spring Flowers) e Joe Malone (Lime Basile Mandarino).
- Si descriva con 3 aggettivi
Positiva, sensibile e organizzatrice.


- Come dj qual è la sua particolarità?
Non so se ne ho una.
- La sua definizione personale di moda
Adattare i pezzi dei designer con un proprio stile.
- Un aneddoto divertente che le è capitato e che al solo pensiero la fa sorridere?
Ho un amico: Axel e quando andiamo in vacanza insieme, va sempre nel mio armadio ed esce con dei look che mi fanno piangere dal ridere. Adoro la sua simpatia e il suo modo di scherzare, lo amo. ( afferma con il sorriso sulle labbra ndr )  
Il suo brand preferito?
Celine
- Un consiglio ai giovani d’oggi che vogliono avvicinarsi al mondo della moda.


Qualsiasi cosa voi vogliate fare metteteci amore. E’ un elemento fondamentale e se “usato bene” può fare la differenza.

Il titolo del post non è a caso e come esso anche la citazione dal libro: "l'eleganza del riccio". Basti guardare le foto di Emilie nella sua rubrica per Marie Claire (  sito web: Marie Claire, Una parigina a Milano ndr ) , per rimanere incantanti da quell'eleganza, che tanto ammiriamo ai parigini. La semplicità che risulta frutto di chissà quale studio, il movimento elegante di una ballerina che sa spiazzare tra le note di Sergie Gainsbourg e un "passè": l'eleganza del riccio.  





Comments

Popular posts from this blog

Eva Geraldine Fontanelli, la rosa rossa della moda.

"Ogni giorno sono diversa. Sono sempre io, ma uso i miei vestiti per interpretare parti diverse della mia personalità". Eva Geraldine Fontanelli 




Non esiste niente di più complesso di una rosa rossa: è il fiore più bello ma il più oscuro. Esso è richiuso in se stesso e quando apre la corolla è già sul punto di svanire. Eva Geraldine Fontanelli, proprio come una rosa rossa, lavoro in segreto. Dietro le quinte di quel mondo chiamato moda.
Eva Fontanelli è una delle stylist, editor, consultant e influencer più importanti nel panorama della moda italiana ed internazionale. Ha lavorato come "fashion editor" per Elle Italia. E' tra le muse di "Scott Schuman". Ha vestito le modelle più in voga del momento. Ha collaborato per le testate di moda più rinomate. Ha una vaga somiglianza con l'attrice Hepburn ed è la persona che dovrebbero utilizzare per rendere chiaro il concetto che ognuno di noi può essere e può dettare moda. 

Eva Geraldine Fontanelli ha un …

Margherita Buy, una farfalla lasciata alla luce.

"Convivo fin da ragazza con la timidezza. E ancora oggi, dopo che tante cose sono cambiate, sono attratta dalle persone che hanno delle incertezze. Mi piacciono le debolezze degli altri". Margherita Buy





Occhi chiari, grandi e malinconici, capelli biondi, "il sorriso inconfondibile di chi, nella vita, ha pianto molto" e quell'eleganza introversa di Margherita Buy. 
Sette David di Donatello, sette Nastri d'argento e cinque Globi d'oro, un curriculum che parla ed eppure, c'è chi ancora mette in discussione la sua bravura:"terribile come attrice", "mi mette un'angoscia" o "ma è fredda. Non trasmette". 
Una delle prime domande che ponevo ( certo, dopo: nome e cognome ndr ) quando mi trovavo in una cena con persone sconosciute, era sulla Buy:"che pensi della Buy?" e così mi regolavo. Ho smesso dopo un mese, per disperazione. Trovavo impossibile l'idea di essere l'unica affascinata dall'incertezza, dalla…

Coco Chanel e Boy Capel: l'amore che creò il mito

“ Gli unici occhi belli sono quelli che vi guardano con tenerezza.” Coco Chanel 

Nel film “Bodyguard” vi era la colonna sonora che avrebbe incantato il mondo: And i will always love you. Una promessa per molti, una minaccia per altri. Whitney Houston di quella canzone ne fece la sua vita, ma in altri tempi, nel 1915 circa,la stilista Coco Chanel molto probabilmente l’avrebbe ascoltata e cantata per il suo grande amore: Boy Capel.  Gabrielle Bonhuer Chanel, conosciuta al mondo come Coco Chanel, fu la prima femminista della storia e come ogni donna che si rispetti fu legata ad un grande amore. Da sempre consacrata come la Mademoiselle d’acciaio, con le sue perle sulla poca importanza degli uomini in realtà nascondeva un cuore grande, capace di amare e di pensare ad un futuro da perfetta moglie.  Coco iniziò la sua carriera intorno al 1909 presso l’appartamento del suo amante Balsan, a Parigi in Boulevard Malesherbes creando cappelli. Fu proprio nella residenza del suo primo amante che l…