Skip to main content

I sogni segreti di Johnny Valter Vi



“ La fortuna non esiste: esiste il momento in cui il talento incontra l’occasione.”  Seneca





Quante volte negli ultimi anni abbiamo pensato al futuro dell’Italia ? Di un’Italia dove i ragazzi rimangono “incollati” a guardare la televisione, a giocare alla Playstation piuttosto che trovare un lavoro. Quante volte abbiamo pensato che la colpa non è dei giovani perché infondo loro che colpa ne hanno se non ci sono posti di lavoro? Eppure questa è una scusa. Una scusa per le persone pigre, che preferiscono lamentarsi piuttosto che affrontare la realtà faccia a faccia.

Emergere oggi non è tra le cose più facili, ma si può e lo dimostra il protagonista di questa settimana. Un giovane ragazzo che per l’amore della moda si è trasferita a Milano dove studia nel celebre Istituto Marangoni. Vi lascio alle sue parole per capire che oggi c’è chi ancora combatte per le proprie idee e per i propri sogni. 


-             Vincenzo Civita A.K.A.  Johnny Valter Vi, classe del 93, così giovane e così creativo, qual è il suo segreto?

Io credo che l’unico segreto  possibile e plausibile  sia l’essere se stessi: avere consapevolezza  della propria personalità e del proprio carattere.  Trasformare la propria sete di conoscenza in creatività.


-            Studente al secondo anno del prestigioso “Istituto Marangoni”,  la sua vita va a gonfie vele, c’è qualcosa che vorrebbe tuttavia cambiare?

Fortunatamente ho ancora molto da cambiare e tutto da costruire. Pensa che monotonia se a 22 anni fosse già tutto perfetto.. Sarebbe per me una noia infinita.

-       
        Ha da poco terminato la nuova collezione del suo marchio, da cosa prende ispirazione? Qual è    la sua speranza per questa collezione?

Le mie collezioni prendono ispirazione da tutto quello che mi circonda: dal mio passato, da quello che ho vissuto, dai profumi ai sentimenti di dolore e di amore.
Per me infatti l’ispirazione nasce proprio dal connubio che si crea tra una cosa astratta, come i sentimenti o i profumi e i volumi che sono sensi più concreti. E questo contrasto perfetto si manifesta attraverso i giochi di stampe e di colori come il nero e bande di arancione, i total white, i total denim e stampe stilizzate.

          
-             Sappiamo che ha da poco concluso il lookbook, si sente soddisfatto?

Si assolutamente ( afferma convinto ndr ). Non potrebbe essere altrimenti, ho scelto una squadra di giovani ragazzi ricchi di talento e grandi professionisti, nell'insieme è uscito fuori un buon lavoro.

-              Cosa si sente di rispondere agli scettici e a tutti coloro che non la credono competente e soprattutto che non hanno mai creduto in lei?(riformula tu se vuoi)

Credere in una persona è difficile, ricredersi è molto più difficile. Chi non ha mai creduto in me e non vuole ricredersi non mi interessa, che non lo faccia!  Ma quando si parla di competenze il discorso è un po’ più vasto. Frequento un istituto di moda importante che ti crea una gavetta eccellente, ho seguito un blog internazionale scrivendo e commentando tutte le collezioni, sono stato ospite agli show nella Paris fashion week per le maison più famose (Givenchy, Dior e MSGM…), ho disegnato una collezione per uno dei brand più importanti al mondo, ho avuto pubblicazioni importanti tra cui "Vogue" e "Fucking young" e tanto altro ancora… Credo che in solo un anno o poco più non sia da tutti.





-              Progetti per il futuro?

Tanti progetti,  tante collaborazioni e soprattutto tanta voglia di fare. Uno dei progetti importanti a cui sto lavorando è l’apertura dello shop online che dal 10 Maggio renderà le mie “creazioni” disponibile per chiunque.



-            Karl Lagerfeld in una sua intervista ha affermato: “ Siccome non sono mai contento – cosa che mi rende nello stesso tempo felice e infelice- non appena finisco una collezione non penso ad altro che a creare quella successiva.” Anche lei è come Karl?
Ha ragione potrebbe sembrare assurdo, ma è davvero così. O almeno per me lo è! Appena disegno una collezione, l’avvio e la finisco, subito  inizio a pensare e a crearne un’altra perché mi sento insoddisfatto. In realtà quella stessa collezione ha ottenuto uno strepitoso successo, ma a livello creativo deve esserci quell'insoddisfazione personale che ti permette di continuare a creare e a fare meglio.


-            Il tema della sua prossima collezione?
Top secret

-             Chi preferisce tra Kate Moss e Cara Delevingne
Sono due bombe e due forze della natura. Forse non ho una preferenza, non saprei scegliere. Sono così diverse ma così simili che le considero uniche ed esclusive allo stesso modo entrambe.
-         
       Cosa pensa dei nuovi brand come: Happiness, Stussy, No Perfect ecc…?

Penso siano brand di successo, credo ( rettifica subito il suo discorso.. ndr ). Alla gente piace quella parte più commerciale del fattore moda, ed  è giusto che ci sia questo commercio. A tale grandezza e per la loro fascia di consumatori, meritano.


                     
    -Dia un consiglio ai giovani ( proprio come lei ndr ) che sperano di entrare nel mondo della moda.

L’unico consiglio che secondo me è indispensabile è quello di credere davvero in se stessi. Crederci ogni giorno, anche il lunedì che sappiamo bene, non è uno dei giorni più belli della settimana.





Durante le interviste chiedo sempre agli intervistati di descriversi con 4 aggettivi, questa volta ho deciso di non farlo. Volevo infatti essere io a descrivere una persona utilizzando poche parole e non etichettandola. Infondo quello che io vedo in “Vincenzo” è: creatività, passione, volontà e fiducia. Quello che io vedo però, potrebbe essere diverso da ciò che vedono gli altri, ma su una cosa non esiste dubbio, questo ragazzo ha talento e molto presto ne sentiremo parlare. Quindi se avete vicino il telefonino annotatevi il nome nelle bozze, perché tra qualche anno saremo e vestiremo tutti come Johnny Valter Vi.  







Comments

Popular posts from this blog

Viviana Volpicella, la regina delle stylist

" Sono nata come architetto ma, morirò come fashion editor". Viviana Volpicella



Per coloro che non seguono il mondo della moda, Viviana Volpicella, è la regina delle stylist. Il suo motto risiede nelle parole di Iris Apfel :" la moda la puoi comprare ma lo stile lo devi possedere" e lei di stile, ne ha da vendere.
Laureata in architettura, decide di inseguire la sua passione per la moda e si trasferisce ben presto a Milano. Frequenta un corso per "fashion editor" e diventa la "fashion assistent" dell'influente Anna Dello Russo. A lei deve molto, come afferma nelle varie interviste:"Anna è la mia maestra assoluta. Se faccio questo mestiere è grazie a lei".
L'amore per la moda, in realtà, è sempre stato presente nella sua vita, tanto da scegliere come tema per la tesi di laurea:" Architetture per la moda". I suoi soldi sempre spesi per abbonamenti a magazine di moda:"mi sono laureata in architettura ma, i miei abb…

Eva Geraldine Fontanelli, la rosa rossa della moda.

"Ogni giorno sono diversa. Sono sempre io, ma uso i miei vestiti per interpretare parti diverse della mia personalità". Eva Geraldine Fontanelli 




Non esiste niente di più complesso di una rosa rossa: è il fiore più bello ma il più oscuro. Esso è richiuso in se stesso e quando apre la corolla è già sul punto di svanire. Eva Geraldine Fontanelli, proprio come una rosa rossa, lavoro in segreto. Dietro le quinte di quel mondo chiamato moda.
Eva Fontanelli è una delle stylist, editor, consultant e influencer più importanti nel panorama della moda italiana ed internazionale. Ha lavorato come "fashion editor" per Elle Italia. E' tra le muse di "Scott Schuman". Ha vestito le modelle più in voga del momento. Ha collaborato per le testate di moda più rinomate. Ha una vaga somiglianza con l'attrice Hepburn ed è la persona che dovrebbero utilizzare per rendere chiaro il concetto che ognuno di noi può essere e può dettare moda. 

Eva Geraldine Fontanelli ha un …

Coco Chanel e Boy Capel: l'amore che creò il mito

“ Gli unici occhi belli sono quelli che vi guardano con tenerezza.” Coco Chanel 

Nel film “Bodyguard” vi era la colonna sonora che avrebbe incantato il mondo: And i will always love you. Una promessa per molti, una minaccia per altri. Whitney Houston di quella canzone ne fece la sua vita, ma in altri tempi, nel 1915 circa,la stilista Coco Chanel molto probabilmente l’avrebbe ascoltata e cantata per il suo grande amore: Boy Capel.  Gabrielle Bonhuer Chanel, conosciuta al mondo come Coco Chanel, fu la prima femminista della storia e come ogni donna che si rispetti fu legata ad un grande amore. Da sempre consacrata come la Mademoiselle d’acciaio, con le sue perle sulla poca importanza degli uomini in realtà nascondeva un cuore grande, capace di amare e di pensare ad un futuro da perfetta moglie.  Coco iniziò la sua carriera intorno al 1909 presso l’appartamento del suo amante Balsan, a Parigi in Boulevard Malesherbes creando cappelli. Fu proprio nella residenza del suo primo amante che l…