Skip to main content

Tutte pazze per: The rotten salad


"Penso che il lavoro della fashion bloggers  sia un lavoro come un altro, non pesante come lavorare in fonderia certo, ma essere sballottate di qua e di là quando magari invece si vorrebbe solo stare a casa sul divano a guardare un film, non deve essere piacevolissimo. Inoltre io nutro stima per chiunque si sia costruito da sé, e loro si sono dimostrate delle perfette imprenditrici di se stesse. "  The rotten salad





           ( SORELLE GEMELLE: CHIARA BIASI E VALENTINA SCHIFILLITI )

Non avevo accennato a nessuno un po' per scaramanzia, un po' perché ogni volta che parlo alle mie amiche di moda finisco per esplorare mondi a loro poco noti, di questa intervista. Venerdì mattina  la mia compagna di banco, si avvicina con il telefono in mano ridendo e mi mostra una foto presa da Instagram affermando:" la devi intervistare questa donna è uno spettacolo. Imita tutte le fashion bloggers che piacciono a te. " La foto, che io avevo visto tempo dietro, mi ha fatto nuovamente sorridere ed ero al punto di dirle che era da anni che ero sua fan, ma ho preferito una risata ed il silenzio. Immagino ora la sua faccia, nel sapere che già l'avevo intervistata e dovevo solo pubblicare l'intervista, ma non si può non conoscere una donna come lei, che tra una risata e un'altra ci mostra la superficialità del "fashion world". La persona di cui vi parlo è ovviamente Valentina Schifilliti di: " The rotten salad", vi lascio alle sue parole, perché è una bomba, da temere molto più dell'Isis.


( THE ROTTEN SALAD ) 

-        Valentina Schifilliti, mente creatrice del dis-fashion blog: “ The rotten salad”, da cosa è nata tale idea?
L'idea del blog è nata dalla voglia di ridere in un periodo in cui si prospettava nel mio futuro e in quello di molti altri la disoccupazione. Dalla voglia di comunicare alle ragazzine di oggi che idolatrano le fashion blogger che “oltre all’outfit c’è di più”, tanto per parafrasare la canzone di Jo Squillo ( aggiunge con sorrisetto ndr ) .

-        Sei laureata in Sociologia, hai una passione per i libri e sei anche una cantante, la domanda sorge spontanea: “ come fai a fare tutto? “
Sono multi-tasking! Scherzi a parte, ho tutte queste passioni ma purtroppo in certi periodi devo metterne da parte qualcuna per dare spazio a quella che ritengo abbia la precedenza in quel momento. Ad esempio è ormai quasi un anno che non canto più seriamente se non in casa con chitarra alla mano.

-        Sul tuo profilo Instagram hai da poco manifestato la difficoltà a spiegare alle persone il tuo nuovo lavoro di blogger, dopo l’ aver abbandonato il lavoro di criminologa. Quant’è stato difficile compiere tale scelta?
Il problema è proprio che non è stata una scelta mia, bensì voluta dal periodo drammatico che il nostro paese sta attraversando. La mia fortuna è stata quella di inventare " Rotten Salad" quando ancora nessuno ci aveva pensato, un po’ come la Ferragni a suo tempo. Tuttavia ancora non riesco a considerarlo un lavoro, forse perché da piccola alla domanda “Cosa vuoi fare da grande?” rispondevo di certo ben altro.


( Chiara Ferragni in Moschino contro Valentina in Chinotto ) 


-        Una scelta che tuttavia da tempo manifestavi. Riporto le parole di un’ intervista del 24 Gennaio 2014 in cui affermavi: “ Oggi ti dico che forse, sì, mollerei tutto. Non per il successo in sé, ma per fare qualcosa che mi piace e che porti anche un guadagno. Ti sembrerò venale dopo questa affermazione, ma attualmente mi ritrovo ancora a vivere coi miei, non mi posso sposare perché non ho una lira e non voglio dipendere da loro anche in questo. In conclusione, se uno dei miei talenti dovesse diventare il mio lavoro, ben venga.” Sei felice o in qualche modo ti penti di aver preso l’attuale decisione ?
Il 24 Gennaio 2014 ancora non ero stata licenziata, ma le prospettive da criminologa erano decisamente meno rosee di quelle di Rotten, per quello ho fatto di necessità virtù. E, no, non me ne pento. Mi sarei pentita molto di più a stare a casa a mandare curriculum ha qualcuno che sicuramente lo avrebbe cestinato senza nemmeno leggerlo.

-        I tuoi post stanno riscuotendo un numeroso ( e meritato ndr ) successo. Sarai la prossima Chiara Ferragni del mondo delle imitazioni-blogger?
E’ quello che mi auguro ( afferma speranzosa ndr ). La decisione finale, come sempre, spetta al pubblico.

-        Parli spesso di outfit, riproducendo con ironia quelli indossati dai blogger. Se dovessi sceglierne uno per il “front row” di una sfilata di Chanel cosa indosseresti ?
Non credo che il brand sia pronto ad una botta del genere, e vorrei evitare che Coco si rivoltasse nella tomba. Anche se credo lo abbia già fatto dopo le ultime collezioni di Moschino by Jeremy Scott.


( STRANE SOMIGLIANZE ) 

-        Descrivi con 5 aggettivi il tuo blog.
Irriverente, ironico, originale, educato e… col dominio scaduto.

-         Il tuo canale YouTube è ricco di parodie, qual è la tua preferita?
Qualsiasi parodia riguardante Chiara Biasi.

-        Il “Grande fratello “ dei fashion blogger è uno dei video più visualizzati. Com’è nata tale idea?
Da anni non guardavo il Grande Fratello in tv. A marzo 2014 sono finita sulla prima puntata della scorsa edizione e ho avuto l’illuminazione: come si sarebbero comportate le tre Chiara in quella situazione? La mattina dopo stavo già facendo una bozza dello script.

-        Nelle tue parodie sorge spontanea la parola creatività. Quanto credi di essere originale?
Per una volta voglio peccare di modestia e dire che effettivamente nessuno prima di me aveva pensato a fare una cosa del genere sul mondo della moda. Quindi penso di essere originale.

-        Hai recentemente girato un video durante la fashion week milanese, con una Chiara Biasi, che “addirittura” sorride, hai posto fine al mito della tristezza della blogger?
La mia parodia di Chiara Biasi esaspera il lato del suo carattere che traspare dalle sue pagine, ossia quello “dark”. E’ il lato che meglio la identifica davanti al suo pubblico, quindi il più riconoscibile in caso di una sua imitazione. In realtà lei è sempre molto sorridente e ha una risata contagiosa che saprei anche imitare. ( Afferma con un sorrisetto furbo ndr )

-        Se da un lato si manifesta una Biasi pronta allo scherzo, nel video si nota una Ferragni molto sulle sue. Come giustifichi questo suo atteggiamento?
Preferisce l’obbiettivo della fotocamera a quello della cinepresa.
Nel video si “ammirano” alcune sfaccettature a noi poco note del “ fashion world”. Come Giorgio Merlino e Andrew Arthur ( rispettivamente il fidanzato di V. Ferraro e C. Ferragni ) , che aspettano le loro “it girl”, al di fuori dello show. Allora è vero che in amore vince chi aspetta?
Chi non si è mai fatta accompagnare ad un appuntamento dal proprio fidanzato? Io più di una volta, ma ho anche fatto lo stesso.


                                            ( Le signore MICHELLE )

-        Imiti Chiara Ferragni, Chiara Nasti e Chiari Biasi. Qual è però la tua blogger preferita?
Penso si sia capito abbia un debole per Chiara Biasi. 

-        Cosa non dovrebbe mai mancare nell’armadio di “ The rotten salad “ per un’imitazione di Chiara Biasi?
Gli occhiali da sole. Immancabili. Crollerebbe tutta l’imitazione.

-        Tra i tuoi numerosi followers di Instagram vi sono le stesse “vittime “ dei post, la tua è un’ironia che piace a tutti, ad esclusione di Riccardo Pozzoli, ex fidanzato di Chiara Ferragni,  che ha deciso di bloccarti. Cosa potrebbe avergli dato così  fastidio?
Questo è un mistero alla Adam Kadmon! Avrei capito se avesse chiesto alla Ferragni di bloccarmi visto che le foto le prendo dal suo account. No comment.

-        Su Instagram conti 73.9K di seguaci un gran bel numero. Quale credi sia il tuo successo?
L’educazione che mantengo nonostante le prese in giro.


                        ( THE ROTTEN SALAD- THE DISFASHION BLOGGER ) 

-        Chiara Nasti ha dietro un buon team, anche tu hai una squadra con cui ideare e realizzare i tuoi post?
Per la creazione degli outfit e le foto collage no. Per quanto riguarda i video li discuto con i miei collaboratori, i quali mi aiutano moltissimo a raddrizzare il tiro in alcuni casi o a fornirmi nuovi spunti su cui lavorare.

-        Oltre alle satire sui fashion blogger lotti per delle giuste cause, come ad esempio, hai recentemente contatto la LAV per prendere dei provvedimenti sulla presenza del cucciolo di tigre ad un evento della settimana della moda. Lancia un messaggi affinché ciò non accada più.
La prossima volta non fate partecipare solo il cucciolo, ma anche la madre.

-        La creatività non manca, quali saranno le tue prossime imitazioni?
Non mi chiedete di spoilerare.. Ce ne sono di nuove, tranquilli!

-        Cos’è la moda secondo C.Ferragni, C.Biasi e C.Nasti.
Nell'ordine: lusso, rock, in via di definizione.




( TRE BLOGGERS A CONFRONTO ) 

-        Dai una buona motivazione per seguire “The Rotten salad”.

Non me ne vengono di cattive. 


Rileggo l'intervista e rido, rido di gusto, perché il lato che mostra Valentina, è il lato oscuro della moda. Per intervistare una fashion blogger, anche con tre seguaci, devi pregarla in tutte le lingue del mondo e poi non ricevi neanche risposta. Lo dico per esperienza personale, perché sembra bella la moda, nei servizi di Vogue, ma avvicinarla è difficile quanto far sorridere Anna Wintour, pochi ci riescono, ma se si continua ad amarla è per persone come la " nostra " Rotten Salad, che si mostra disponibile, che combatte per giuste cause, che affronta un mondo per una nicchia di privilegiati i quali indossano l'abito con i Pokemon, solo perché firmato,dimenticando che  la moda è andare oltre è guardare le grandi firme, ma avere stile vestendo H & M, Zara o qualsiasi cosa voi vogliate. 
Ringrazio Valentina per l'intervista e per tutte le volte che mi ha fatto sorridere al telefono, creando il sospetto dei miei genitori, la ringrazio per la gentilezza mostrata nei miei confronti, per non avermi fatto aspettare nove mesi, le grandi persone si riconoscono da dettagli. Grazie, grazie e ancora grazie.


           (VALENTINA E CHIARA BIASI ALLA MILAN FASHION WEEK ) 

P.s: Vi ho parlato del video della Fashion Week milanese, se non lo avete ancora visto ecco il link: THE ROTTEN SALAD- Milan Fashion Week. Un video che mi ha lasciata un po perplessa, ho
 avuto da fan della Ferragni il piacere di conoscerla e di parlarle faccia a faccia e vi assicuro che con me è stata gentilissima, pensate che la seconda volta che l'ho incontrata si è ricordata il mio nome. Era con alcuni membri del suo team, ci siamo fatti una foto ed erano tutti molto disponibili. Dopo aver visto questo video sono rimasta un po' perplessa, ma le resterò sempre fedele, non si dubita alla prima occasione, sarà stata una giornata no per la blogger. Alla fine come riportato all'inizio della pagina, sono esseri umani anche loro. 


Comments

Popular posts from this blog

Eva Geraldine Fontanelli, la rosa rossa della moda.

"Ogni giorno sono diversa. Sono sempre io, ma uso i miei vestiti per interpretare parti diverse della mia personalità". Eva Geraldine Fontanelli 




Non esiste niente di più complesso di una rosa rossa: è il fiore più bello ma il più oscuro. Esso è richiuso in se stesso e quando apre la corolla è già sul punto di svanire. Eva Geraldine Fontanelli, proprio come una rosa rossa, lavoro in segreto. Dietro le quinte di quel mondo chiamato moda.
Eva Fontanelli è una delle stylist, editor, consultant e influencer più importanti nel panorama della moda italiana ed internazionale. Ha lavorato come "fashion editor" per Elle Italia. E' tra le muse di "Scott Schuman". Ha vestito le modelle più in voga del momento. Ha collaborato per le testate di moda più rinomate. Ha una vaga somiglianza con l'attrice Hepburn ed è la persona che dovrebbero utilizzare per rendere chiaro il concetto che ognuno di noi può essere e può dettare moda. 

Eva Geraldine Fontanelli ha un …

Margherita Buy, una farfalla lasciata alla luce.

"Convivo fin da ragazza con la timidezza. E ancora oggi, dopo che tante cose sono cambiate, sono attratta dalle persone che hanno delle incertezze. Mi piacciono le debolezze degli altri". Margherita Buy





Occhi chiari, grandi e malinconici, capelli biondi, "il sorriso inconfondibile di chi, nella vita, ha pianto molto" e quell'eleganza introversa di Margherita Buy. 
Sette David di Donatello, sette Nastri d'argento e cinque Globi d'oro, un curriculum che parla ed eppure, c'è chi ancora mette in discussione la sua bravura:"terribile come attrice", "mi mette un'angoscia" o "ma è fredda. Non trasmette". 
Una delle prime domande che ponevo ( certo, dopo: nome e cognome ndr ) quando mi trovavo in una cena con persone sconosciute, era sulla Buy:"che pensi della Buy?" e così mi regolavo. Ho smesso dopo un mese, per disperazione. Trovavo impossibile l'idea di essere l'unica affascinata dall'incertezza, dalla…

Coco Chanel e Boy Capel: l'amore che creò il mito

“ Gli unici occhi belli sono quelli che vi guardano con tenerezza.” Coco Chanel 

Nel film “Bodyguard” vi era la colonna sonora che avrebbe incantato il mondo: And i will always love you. Una promessa per molti, una minaccia per altri. Whitney Houston di quella canzone ne fece la sua vita, ma in altri tempi, nel 1915 circa,la stilista Coco Chanel molto probabilmente l’avrebbe ascoltata e cantata per il suo grande amore: Boy Capel.  Gabrielle Bonhuer Chanel, conosciuta al mondo come Coco Chanel, fu la prima femminista della storia e come ogni donna che si rispetti fu legata ad un grande amore. Da sempre consacrata come la Mademoiselle d’acciaio, con le sue perle sulla poca importanza degli uomini in realtà nascondeva un cuore grande, capace di amare e di pensare ad un futuro da perfetta moglie.  Coco iniziò la sua carriera intorno al 1909 presso l’appartamento del suo amante Balsan, a Parigi in Boulevard Malesherbes creando cappelli. Fu proprio nella residenza del suo primo amante che l…