Skip to main content

Milan Fashion week by Aliai Cautela


( MILAN FASHION WEEK ) 

Ogni anno la stessa storia, per una ragione o per un’altra, non riesco mai ad andare alla fashion week milanese. Però questa volta mi sono organizzata, ho giocato in anticipo e sono riuscita ad avere il racconto giorno per giorno dell’evento modaiolo più atteso dell’anno.
Devo partire dal presupposto che io della tecnologia apprezzo numerose cose e in primis l’amicizia che spesso si crea con una persona che abita lontano dalla tua città ed è quello per cui quest’oggi sono qui a parlarvi della Fashion week con la mia amica conosciuta virtualmente, con la quale condivido: dalla passione per la Ferragni ( Chiara, la fashion blogger ndr ) all’amore per Cara Delevingne. Amo della tecnologia l’dea del non esserci fisicamente, ma risultare sempre presente. Io non ero presente alla sfila Dolce e Gabbana, eppure era come se fossi lì.
Spesso mi dilungo in frasi e parole che non servono in questo caso, perché:  Aliai Cautela, la nostra reporter per l’occasione ha fatto un bellissimo ed emozionante lavoro, che non ha bisogno di grandi introduzioni.
*Spiego velocemente la modalità in cui è strutturato tale articolo, nella parte seguente all’introduzione Aliai, ci parlerà in prima persona della sua settimana della moda, nella seconda parte invece io le farò delle domande. E come si dice: buona visione.


( ALIAI CAUTELA SI CONCEDE UN SELFIE CON LA MODELLA ) 


La mia settimana della moda è iniziata con la sfilata di Gucci. Sono andata al fashion show con la speranza di trovare ospiti del calibro di Kate Moss e Charlotte Casiraghi, modelle come Joan Smalls e Anja Rubik e invece la parola chiave che ha caratterizzato quella sfilata è stata “risparmio”. Ebbene sì, a quanto pare il nuovo direttore creativo Alessandro Michele ha deciso di risparmiare sulle modelle, sugli ospiti e ovviamente anche sulla collezione, che a mio parere era al limite dell'inguardabile. Dopo tanta attesa mi sono trovata davanti all'UNICO ospite dell'evento: Salma Hayek, per cui hanno scomodato quasi una decina di bodyguard, tanto che credevo stesse per arrivare Lady Gaga. Pensate che non c'era neppure l'onnipresente Chiara Ferragni. Ma se gli ospiti sono stati deludenti, non ci sono parole per definire le modelle, tutte giovanissime (e con giovanissime intendo che dimostravo 12 anni) e mai viste prima.


( L?ARRIVO DI KARL LAGERFELD ) 

 Per il secondo giorno di sfilate ho deciso di recarmi da Fendi, ( con ben due ore e mezza di anticipo rispetto all'orario della sfilata ndr ), con lo scopo di incontrare le modelle nell’entrata del backstage. Nell'attesa ho incontrato per la prima volta Karl Lagerfeld, che per questa stagione ha convocato un cast di modelle strepitoso forse per compensare l'ingiustificata e inaccettabile assenza della mia amata, Cara Delevingne. Perciò, ad aprire la sfilata di quest'anno è Doutzen Kroes, assidua frequentatrice di Victoria's Secret più che della Milano Fashion Week. Ma è sempre un piacere avere Doutzen tra noi comuni mortali, peccato che io non sia riuscita ad immortalarla in una foto degna della sua bellezza. Vorrà dire che Karl dovrà invitarla anche a settembre. Un altro volto importante è quello di Kendall Jenner, che si è guadagnata il titolo di “fantasma della fashion week”, infatti nessuno l'ha vista entrare e nessuno l'ha vista uscire dalla sfilata di Fendi. Insomma, si è volatilizzata. Tuttavia, colei che ha dato un senso al questa settimana è stata lei, la donna dalle gambe lunghissime e dal sorriso a 32000 denti: Karlie Kloss. Per lei non si possono che spendere belle parole, Karlie è una ragazza dolce, intelligente, gentile e disponibile con tutti (ed anche un po' nerd). Altre modelle che hanno sfilato sono state Joan Smalls, Anna Ewers, la simpaticissima Hollie-May Saker, Nadja Bender, Lindsey Wixson (sempre più magra ed inquietante), Binx Walton, Taylor Hill, Lily Donaldson, Ashleigh Good e Lexi Boling (nota per delle vicende poco felici riguardanti Kendall Jenner). Subito dopo sono andata alla sfilata di Just Cavalli, che quest'anno ha cambiato location ma non ci fa rimpiangere troppo il bellissimo Arco della Pace. Purtroppo sono arrivata a sfilata già terminata ma ho comunque avuto l'opportunità di entrare e di incontrare Annalisa Scarrone, nonché colei che per me doveva vincere il festival di Sanremo, e non solo perché i suoi outfit firmati Just Cavalli erano sempre strepitosi.


                              ( ANNALISA SCARRONE ALLA SFILATA CAVALLI ) 

Per la terza giornata ho scelto, come sempre, Versace, anche se la location non è delle migliori. Chissà quando Donatella capirà che forse è meglio fare la sfilata in una strada che non sia larga due metri e dove non passano le macchine. Ahimè, dubito arriverà mai il giorno in cui ne sarà al corrente.
La sera i paparazzi erano in fibrillazione, voci di corridoio infatti, avevano fatto girare la notizia non veritiera della presenza di Madonna, già a Milano per l'intervista a “Che tempo che fa”. Le stesse voci non veritiere che avevano ipotizzato la presenza di Rihanna ospite da Moschino la sera prima.
Le uniche ospiti ad arrivare sono state Alessia Marcuzzi e Michelle Hunziker in dolce attesa (forse sarebbe risultata più adatta alla sfilata di Dolce & Gabbana ndr ). La sfilata è stata davvero bellissima, non solo per gli abiti ma anche la passerella e lo sfondo completamente rosso hanno contribuito a renderla fantastica. Alcune modelle a sfilare sono state Natasha Poly, Karlie Kloss, Anna Ewers , Lindsey Wixson e Lexi Boling, ma la mia preferita non può che essere stata Karlie.
L'aneddoto più divertente della serata? Sono stata la bodyguard di Karlie Kloss per 5 minuti, anche se sono alta la metà di lei. È successo perché c'era molta gente che spingeva ed io mi sono offerta di aiutarla a passare in mezzo alla folla. È un'esperienza che consiglio a tutti.

La mia fashion week si è conclusa con la sfilata di Roberto Cavalli, a cui ho avuto l'opportunità di assistere dal vivo. Location sobria, collezione davvero molto bella, musiche soft ma carine (ancora oggi le canticchio ndr ). Tra gli ospiti: Victoria Silvstedt, Daisy Lowe, le simpaticissime dj Nervo (che avevano suonato al classico party di apertura della fashion week al Just Cavalli ndr ), Rocio Morales e gli onnipresenti Chiara Ferragni e Mariano Di Vaio. Per quanto riguarda il cast di modelle si poteva fare di meglio. Karlie, Joan e Gigi: assenti ingiustificate!


( LE ORMAI SEMPRE PRESENTI FASHION BLOGGER ) 


*Ormai sapete tutti che sono un po’ curiosa così non ho potuto non farle delle domande, alla quale Aliai, mi ha risposto in maniera precisa e molto personale.


-        E' per te ormai un rituale seguire la settimana della moda milanese, raccontaci l'atmosfera che si respira nel periodo pre- fashion week.



( GLI SCENARI DEI FASHION SHOW ) 

Aspetto sempre con grande ansia l'inizio di una nuova fashion week. Per affrontarla c'è bisogno di una grande preparazione spirituale ma anche fisica, sono gli unici giorni dell'anno in cui alzarmi presto la mattina non mi pesa affatto. Milano è sempre bella, ma in quei giorni lo è ancora di più. Anche se non si va alle sfilate si respira aria di moda e glamour in tutte le strade della città. Il tipico milanese sempre di fretta però si lamenta delle fashion blogger che bloccano i tram per farsi fotografe in strada, ma che sarà mai per una volta? Mentre loro si lamentano, io rido! ( E anche io rido di gusto, perché essendo del Sud sono abituata a ritardi dei treni di 1 ora, senza fashion blogger nella vicinanza ndr )



-        Quale sfilata hai preferito?

 Roberto Cavalli. ( La risposta è talmente sicura che non ha pensato neanche un secondo alle varie possibilità )

-        Quale rispecchia più il tuo stile

Roberto Cavalli, Just Cavalli e Versace.

-         L'incontro con un personaggi del mondo della moda che ti ha colpito?

 Ne parlavo già prima nella descrizione. Senza ombra di dubbio Cara Delevingne. Non vi è poi un vero motivo io l'adoro, qualunque cosa faccia. Tra noi è stato un colpo di fulmine e sono sicura che anche lei sia in accordo con me. ( Ride di gusto ndr ). Colei che invece ha dato un senso a quest'ultima settimana della moda è stata Karlie Kloss, che da sempre occupa il secondo posto tra le mie modelle preferite, ovviamente dopo Cara ( specifica nuovamente .  Karlie ti conquista perché è una ragazza semplice e gentile, insomma, una di noi e ha un sorriso che difficilmente si può dimenticare.



( A POCHI METRI DA KARLIE KLOSS )
           

-        Dolce e Gabbana ha portato in scena la figura della madre, . sacra all'idea tradizionale della famiglia italiana. Cosa ne pensi al riguardo?

GENIALE. Una delle cose più belle che vedo da anni. Stefano e Domenico sono l'orgoglio del nostro paese.

-         Moschino o Alberta Ferretti?

Domanda difficile.. Riconosco la notevole superiorità di Alberta Ferretti, ma se dovessi basarmi sul mio stile, allora la mia scelta ricadrebbe su Moschino: molto più eccentrico, ma a volte quasi imbarazzante. La sfilata di Moschino è sempre una ventata di freschezza, è divertente, anche se bisogna ammettere che sono ben poche le cose realmente indossabili. L'abito che mi è piaciuto di più è stato quello indossato da Gigi Hadid, ma credo che Gigi abbia contribuito molto alla bellezza del vestito.

-        Fashion Blogger in ogni luogo, qual'è la tua opinione al riguardo?

Le fashion blogger sono come Anna Dello Russo,  sono ovunque. La maggior parte sono sconosciute, molto costruite e imitazioni mal riuscite di quelle più famose, ma se si tratta di Chiara Ferragni è sempre un piacere, per me lei è l'unica vera fashion blogger.



 ( LE MODELLE PRIMA DI SFILARE SI GODONO UNA SIGARETTE E SCHERZANO TRA LORO ) 


Ringrazio Aliai per il suo preziosa e gentilissima collaborazione, senza di lei quest’oggi avrei parlato della Milan Fashion Week come un carcerato parla della libertà, una cosa alquanto astratta e invece io quello che amo della moda è che di astratto vi è ben  poco, la moda è concretezza, è una certezza. Così  come lo è una divisione e così  come lo è il cucchiai di Francesco Totti.. Aliai invece ci ha permesso attraverso il suo racconto di essere li, seduti vicino a Chiara Ferragni e Mariano Di vaio a fare selfie prima del’inizio dello show e subito dopo a fotografare i vari vestiti. Eravamo presenti all’arrivo di Karlie Kloss, che ora sentiamo tutti come una nostra amica e ci siamo stati all’arrivo di Karl Lagerlfeld. Grazie Aliai, i miei ringraizamenti non sono mai doverosi, ma nascono dal piacere che ogni giorno questo blog mi da. Concludo con una mia frase sul mio show preferito di questa settimana della moda di Milano di Dolce e Gabbana:


“  È questa l'Italia che dovrebbe fare notizia. È l'eleganza di Bianca Balti che con orgoglio mostra il suo pancione, pronta per l'avventura di diventare mamma per la seconda volta. È questa l'Italia che dovrebbe fare notizia, l'amore per la famiglia che da sempre ci contraddistingue, non siamo solo il buon piatto di lasagna, o la carbonara, noi siamo la patria dell'arte, del Made in Italy che sempre di più lascia spazio a menti che possono risultare geniali una volta, ma poi ripetitive ( Jeremy ndr ). Noi abbiamo solo menti geniali, noi siamo il regno di Stefano e Domenico, noi abbiamo la nostra Saab: Alberta Ferretti, noi abbiamo il futuro della moda e abbiamo valori che per quanto possano venire a mancare: esistono. Noi dei vestiti- giocattoli di Jeremy Scott troviamo genialità una volta, ma poi noi di giocattoli ne abbiamo visti fin troppo in politica, noi vogliamo di più. Noi vogliamo i sogni firmati Valentino, le ali di Armani e i tacchi di Carlo Pasolini, perché noi siamo grandi sognatori ma non abbiamo paura di camminare sulla realtà odierna. Di una realtà che mi porta ad essere sempre più orgogliosa di essere italiana.” 




( BIANCA BALTI IN DOLCE E GABBANA; SFILA MOSTRANDO IL SUO "PANCIONE" ) 

P.s.: Le foto che accompagnano  il post ci sono state gentilmente "affidate"  da Aliai, tranne la prima e l'ultima, entrambe prese da Google. Ancora un grazie per essere stata oltre che una spettatrice, una giornalista e anche una
fotografa.  


Comments

Popular posts from this blog

Eva Geraldine Fontanelli, la rosa rossa della moda.

"Ogni giorno sono diversa. Sono sempre io, ma uso i miei vestiti per interpretare parti diverse della mia personalità". Eva Geraldine Fontanelli 




Non esiste niente di più complesso di una rosa rossa: è il fiore più bello ma il più oscuro. Esso è richiuso in se stesso e quando apre la corolla è già sul punto di svanire. Eva Geraldine Fontanelli, proprio come una rosa rossa, lavoro in segreto. Dietro le quinte di quel mondo chiamato moda.
Eva Fontanelli è una delle stylist, editor, consultant e influencer più importanti nel panorama della moda italiana ed internazionale. Ha lavorato come "fashion editor" per Elle Italia. E' tra le muse di "Scott Schuman". Ha vestito le modelle più in voga del momento. Ha collaborato per le testate di moda più rinomate. Ha una vaga somiglianza con l'attrice Hepburn ed è la persona che dovrebbero utilizzare per rendere chiaro il concetto che ognuno di noi può essere e può dettare moda. 

Eva Geraldine Fontanelli ha un …

Margherita Buy, una farfalla lasciata alla luce.

"Convivo fin da ragazza con la timidezza. E ancora oggi, dopo che tante cose sono cambiate, sono attratta dalle persone che hanno delle incertezze. Mi piacciono le debolezze degli altri". Margherita Buy





Occhi chiari, grandi e malinconici, capelli biondi, "il sorriso inconfondibile di chi, nella vita, ha pianto molto" e quell'eleganza introversa di Margherita Buy. 
Sette David di Donatello, sette Nastri d'argento e cinque Globi d'oro, un curriculum che parla ed eppure, c'è chi ancora mette in discussione la sua bravura:"terribile come attrice", "mi mette un'angoscia" o "ma è fredda. Non trasmette". 
Una delle prime domande che ponevo ( certo, dopo: nome e cognome ndr ) quando mi trovavo in una cena con persone sconosciute, era sulla Buy:"che pensi della Buy?" e così mi regolavo. Ho smesso dopo un mese, per disperazione. Trovavo impossibile l'idea di essere l'unica affascinata dall'incertezza, dalla…

Coco Chanel e Boy Capel: l'amore che creò il mito

“ Gli unici occhi belli sono quelli che vi guardano con tenerezza.” Coco Chanel 

Nel film “Bodyguard” vi era la colonna sonora che avrebbe incantato il mondo: And i will always love you. Una promessa per molti, una minaccia per altri. Whitney Houston di quella canzone ne fece la sua vita, ma in altri tempi, nel 1915 circa,la stilista Coco Chanel molto probabilmente l’avrebbe ascoltata e cantata per il suo grande amore: Boy Capel.  Gabrielle Bonhuer Chanel, conosciuta al mondo come Coco Chanel, fu la prima femminista della storia e come ogni donna che si rispetti fu legata ad un grande amore. Da sempre consacrata come la Mademoiselle d’acciaio, con le sue perle sulla poca importanza degli uomini in realtà nascondeva un cuore grande, capace di amare e di pensare ad un futuro da perfetta moglie.  Coco iniziò la sua carriera intorno al 1909 presso l’appartamento del suo amante Balsan, a Parigi in Boulevard Malesherbes creando cappelli. Fu proprio nella residenza del suo primo amante che l…