Skip to main content

Il Grande Stefano Guerrini

“ Non amo gli estremi, così come non amo i fanatismi, le idolatrie, gli eccessi. Scegliere il bianco o il nero e perdermi la possibilità di godermi tutte le varianti cromatiche che i due colori comprendono o annullano? Non lo farei mai. Adoro il verde, il blu in tutte le sue tonalità, il viola, il rosso e amo le sfumature, le contaminazioni. “ Stefano Guerrini

                                                                         
                                                        ( Crediti foto: Sam Cosmai )



Ricordo come fosse oggi, una discussione avvenuta circa 3 anni fa, sul limite della moda che ci impone dei modelli fissi: una donna che indossa una 44 è una donna curvy, un uomo che indossa una t-shirt bianca è hot. Voglio precisare che odio il termine "curvy" un' espressione utilizzata dalle grande testate della moda per dire che ti piace mangiare un po’ troppo la lasagna. Io invece, figlia della cultura di Vogue, di Cosmopolitan, di Tu style, dei numerosi chili persi dalla Ferragni e chi più ne ha ne metta, ho preferito allontanarmi dalla visione: bello è magro.
 Ho sempre creduto che dietro ogni persona vi sia una storia e non lo dico per fare la buona, ho anche io, ahimè, pregiudizi e ho fatto commenti negativi su numerose persone. Ho considerato un vestito dall'etichetta, i libri dalla copertina e i dischi dalla bellezza del cantante, ma ho scoperto che quei libri, quelle etichette e quei cd oltre al bell’ aspettano, erano privi di messaggi, di quei messaggi che io cercavo.
La moda da dei modelli perché siamo noi a stabilirlo, perché quando vediamo una modella con 3 kili di più dimentichiamo il vestito e pensiamo al suo fisico. Ecco tra i grandi della moda, che si allontanano da questa visione ( e vi assicuro che ce ne sono pochissimi ndr ), così lontana dell'arte abbiamo il piacere di avere con noi: Stefano Guerrini. I grandi non hanno bisogno di premesse, basta " googlare"  per vedere chi si ha davanti. Premetto che ho "corteggiato" Stefano per questa intervista così tanto, che avevo perso ogni speranza, ma come si suol dire Dio aiuta gli audaci e così è stato. 

Professore, blogger e scrittore per varie testate di importanti giornali di moda. Stefano Guerrini quanto si sente realizzato e apprezzato oggi?
Aggiungerei anche stylist freelance! Ho tante anime e forse troppe. Non sto mai fermo e mi invento sempre qualcosa. Ma non posso definirmi soddisfatto, realizzato o apprezzato. Ho l’impressione che se davvero provassi a sedermi sugli allori, se mi lasciassi un po’ andare all’autocelebrazione non sarei io, non progredirei, non migliorerei. Qualcuno di ben più famoso e importante di me disse ad una età che aveva già oltrepassato gli 80 anni: “Io sto ancora imparando”. Io mi sento così, ogni progetto è uno stimolo nuovo, ogni shooting una nuova sfida, ogni incontro una gioia e una fonte di arricchimento. La mia passione ha tante diramazioni e forse quella che per me è stata una grande scoperta è stata l’insegnamento. Non sai quanto sia fiero quando incontro un mio studente e lo vedo lavorare in questo settore e mi sento dire che ha imparato tanto dalle mie lezioni,oltre al fatto che le mie lezioni stesse sono fonte di grande divertimento ed espressione di grande passione. Ma potrei dirti che mi sento felice in altrettanta maniera quando sul set vedo che una mia idea si sviluppa in maniera interessante, così come quando capisco che un mio pezzo sta ottenendo molti riscontri.



( Crediti foto: Guaizine )              

Lei ha una laurea in medicina. In che momento nella sua vita si è reso  conto di voler fare tutt’altro ed entrare nel mondo della moda?
Forse mentre studiavo non ero conscio di quanto un mio interesse, una mia passione così grande potesse prendere forma in qualcosa che si potesse definire lavoro. L’ho capito un po’ dopo, mentre svolgevo il mio servizio civile. Conobbi alcune persone che nelle pause caffè mi sentivano parlare delle supermodels, di quando le rincorrevo alle sfilate per fotografarle, del mio amore per Steven Meisel e delle lettere che scrivevo da fan a Dolce & Gabbana ( fa un lungo respiro ndr ) e ad un certo punto, soprattutto una di loro che è ancora la mia più cara amica, mi chiese perché non riprendevo in mano quella mia passione. Avevo già fatto un po’ di styling con un fotografo amico, avevo già scritto per un giornale locale. Ripresi a scrivere e da cosa nasce cosa, mi proposi come contributor per una rivista indipendente, L@bel, e ne divenni fashion director, per la rivista intervistai Antonio Mancinelli, al quale piacque il mio modo di scrivere e mi fece collaborare per un annetto a Donna, rivista in cui lui era caporedattore, ancora oggi definisco Antonio il mio mentore. Insomma da cosa nasce cosa e ne ho fatte un po’ in quindici anni.



Da professore vivendo il contatto diretto tutti i giorni con il futuro del made in Italy, lei può rassicurarci, siamo in buoni mani?
Vedo quotidianamente tanta passione e tanta voglia di fare. Gli studenti con i quali mi confronto sono ragazzi molto giovani, io, come dico sempre a loro, auguro a tutti di farcela, ma forse alcuni sceglieranno altre carriere, faranno altro. Ma sono sicuro che chi insegue con perseveranza il suo sogno, in un modo o in un altro, ce la farà. Credo che ci sia un nuovo made in Italy, che ha fatto del know how del passato, dell’heritage meraviglioso che abbiamo, un punto di partenza per costruire qualcosa di nuovo e pazzesco. E vedo miei ex studenti lavorare per “Interview “a New York, per “Vogue” America, per nomi famosissimi della moda, da McQueen a Dolce & gabbana. Come non essere fiero di loro, commuovendomi anche un po’, e come non pensare che: sì, siamo in ottime mani!




Il suo blog “Le pillole di Stefano” vanta numerose visualizzazioni al giorno, oltre ad essere stato per molto tempo sulla piattaforma di GQ Italia. Qual è il suo segreto?
Il blog non è più su Gq da un annetto. Ho deciso di camminare con le mie gambe. Avevo voglia di misurarmi con questa sfida. E in molti mi seguono, costantemente mi sento dire di essere una voce autorevole in questo settore e non sai quante volte io strabuzzi gli occhi ed arrossisca davanti a questo. Io faccio quello che mi piace e quello in cui credo, online nella mia nuova pagina che racchiude lepilloledistefano e la mia webzine webelieveinstyle, cioè stefanoguerrini.vision, ma anche come stylist freelance per The Fashionisto o Fucking Young per citartene un paio. Sono grato a chi mi segue, scherzo sempre dicendo che non sono una bella figliola che si veste supercool, per cui tengo tantissimo ai miei 5mila amici su face book (più tanti follower perché non posso più aggiungere nessuno) e agli altrettanti su Instagram, sono felice se quello che faccio piace e ha un riscontro. Un po’ di tempo fa l’amico Simone Sbarbati di FrizziFrizzi è venuto a trovarmi nel mio Archivio Guerrini e ha scritto un articolo su di me, che si intitolava: “ L’anima più sincera del pop”. Ecco penso che essere alla mano, gentile, per quanto sia possibile, disponibile, considerando che son stordito e bisogna rincorrermi un po’, insomma, in una parola, vero, avvicinabile, sia quello che mi contraddistingue. Non vorrei sembrare immodesto ma spero che in quello che faccio passi sempre il mio amore per quello che propongo, la mia passione per questo settore, la mia umanità.


( Ph: Paolo Ferrarini )


Nei suoi articoli richiama sempre il senso estetico di bellezza inteso come semplicità. Per lei l’uomo perfetto è l’uomo in giacca e cravatta?
Non penso che la semplicità sia un uomo in giacca e cravatta. Uno è elegante, tanto più si avvicina a quello che veramente è, quando quello che mette è espressione della sua interiorità. Gli abiti sono una magnifica modalità espressiva, ma se uno non è quello che sceglie di indossare diventano costume, maschera, rappresentazione. E può andare bene anche quello. È bello chi, spesso inconsapevolmente, è totalmente a proprio agio con se stesso, con quello che indossa. Poi la bellezza è fatta di gesti, di espressioni, di cose che a volte non sappiamo neanche rappresentino il nostro bello, come un piccolo difetto, un neo, una cicatrice, un vezzo, come diciamo le parole, come gesticoliamo.

Se la moda fosse una canzone, quale sarebbe secondo lei?
 ( Alla mia domanda storce il naso ndr ) Non può essere UNA canzone. Deve essere un concerto, tanti concerti e di tanti artisti insieme. La moda non è una, è tante cose, sfaccettature, declinazioni, mondi diversi. Nella moda convivono Versace e Jil Sander, Rick Owens e Corneliani. Diversissimi fra loro, interessanti ognuno a modo suo. Una canzone solo non può rappresentare tutto un mondo. Ti dovrei dare venti, cento canzoni diverse. È come un sentimento e non ce n’è solo uno, non c’è solo un amore, ce ne sono tanti.

Si descriva con 3 aggettivi.
Autoironico, affettuoso, sensibile  ( chiede se può aggiungere un quarto ndr ) e permaloso
Viene invitato alla presentazione di un libro. Come si vestirebbe Stefano Guerrini?
Camicia probabilmente a scacchi, gilet, forse, ma se lo scelgo è sicuramente decorato con una spilla. Una cappa da tenere aperta sopra. In alternativa un maxi foulard. Arriverei con un cappellino in testa, da togliere durante la presentazione. Pantaloni comodi, sneakers ai piedi. Sono io, il mio stile non lo potrei cambiare. 


Un episodio dove invece si è vergognato moltissimo?
Ero ad una sfilata, e non ti dico di chi, ma non vidi uno scalino. Venivo da una giornata di fashion show per cui avevo una borsa piena di cose, comunicati stampa e affini. Caddi in malo modo, a pochi secondi dall’inizio della sfilata, in pieno silenzio della sala. Se ne accorsero tutti. Iniziò il defilè che io stavo raccogliendo le mie cose fra le gambe della gente. Rovinai a fatica ad un posto. Seduto, un’anima pia e gentile mi chiese se stavo bene, era molto distante dal punto in cui ero caduto, ebbi così la certezza che la mia fantastica impresa era stata vista bene. Che figura!

Quale tra le seguenti  tre donne che hanno influenzato il mondo della moda preferisce: Audrey Hepburn, Marylin Monroe o Coco Chanel?
Da docente so che dovrei dire Coco Chanel. E ammetto di avere sempre amato moltissimo la Monroe. Ma ho una passione sfrenata per Audrey Hepburn, alcuni suoi film li conosco a memoria, l’ho sempre considerata la più elegante di sempre e credo fermamente che sia stata una delle donne che più ha influenzato il nostro modo di concepire la moda e il guardaroba femminile del Novecento e attuale.


( Ph: Andrea Serafini )



Un outfit perfetto per il red carpet?
Non c’è un vestito perfetto. Cambia a secondo della persona da prendere in considerazione. La sua conformazione fisica, i suoi colori. Ma sai una cosa? L’autobiografia di Carmel Snow  si intitola “A dash of daring”, da un suo modo di vedere l’eleganza, che sarebbe frutto non solo dal seguire le regole del buon gusto, ma anche, appunto, da quel pizzico di voglia di osare che rende un outfit più nostro, diverso. Quindi posso trovare certi momenti sul red carpet elegantissimi, ma anche terribilmente noiosi. E a volte ho preferito il kitsch di certe icone, Cher agli Oscar per citarne una, che la perfetta eleganza di altre. L’ho trovato più creativo e stimolante. Se però vuoi davvero un consiglio, ti direi: Osate il colore, giocate di più coi volumi e le lunghezze. Di abiti sirena dai colori rassicuranti ne abbiamo visti troppi. In tal senso tieni d’occhio Emma Stone, il mio nuovo mito!


 Quali sono secondo lei tutt’ora le marche non affermate che faranno strada?
Intendi nomi giovani, immagino. Ce ne sono tanti che stimo e molti di loro sono amici. Penso al duo sardo Quattromani, ai giovanissimi DassùYAmoroso, ai bravi SuperDuper Hats, coi loro magnifici cappelli. Penso all’amico Emiliano Laszlo che sta facendo una bellissima ricerca sul minimal e sul gender con la collezione per l’a/i 2015-16. Penso all’adorabile Daizy Shelly e al duo Greta Boldini. Al bravo Piccione.Piccione, ultimo vincitore del concorso “Who’s On next?”. Marco Rambaldi, giovanissimo ultimo vincitore di Next generation di CameraModa. Insomma son davvero tanti i nomi. E ne avrò scordati un sacco. Il Made in Italy ha trovato davvero una generazione nuova, con tante personalità e tante cose da dire ( afferma convinto e fiero ndr )

  
Dia un consiglio a tutti i giovani che vogliono avvicinarsi al mondo della moda.
In ogni lavoro contano due aspetti, su uno ci potete lavorare, sull’altro solo in parte. Il secondo è la fortuna, trovarsi al posto giusto nel momento giusto. Nei nostri anni però è fortemente connesso alle capacità ‘social’ e su queste, se non sulla fortuna, qualcosa potete fare. Il primo è la cultura, la voglia di sapere. Informatevi, siate curiosi, passate di link in link, costruitevi un vostro background di immagini di riferimento, pronti ad arricchirlo sempre e a metterlo in gioco. Perché fra due persone, ipoteticamente entrambe arrivate ad un colloquio per fortuna o connessioni, è la cultura, il sapere, la voglia di fare che saranno sempre preferiti, almeno da me. E tanta modestia, please. Di Anna Wintour ce n’è una, non abbiamo bisogno di gente che pensi di esserlo, senza averne le capacità o voglia di sporcarsi le mani facendo gavetta!

Non posso che sentirmi onorata ogni giorno di più per questo blog, un'idea nata così per la passione della moda e della scrittura e ogni giorno provo grandi soddisfazioni. Come premesso avevo particolarmente a cuore avere nel blog l'intervista con Stefano. Le ragioni sono tante, adoro il suo modo di scrivere, le sue idee sulla moda, adoro il modo in cui riesce a trasmettere la sua fragilità. Così come nel film: Radiofreccia, voglio concludere con il mio credo. 

Credo nel potere di Anna Wintour, credo che Karl Lagerfd sia il Mozart della moda, credo oggi più che mai nell'arte. Credo che tra anni al posto di Franca Sozzani ci sarà Chiara Ferragni, credo che Chiara Biasi stessa, non abbia ancora capito il suo mestiere. Credo nell'audacia, credo nel nero e nel bianco, credo in tutte le sfumature. Credo che Stefano Guerrini, sia stata una grande vittoria per questo blog e credo che debba ringraziarlo. Credo che un giorno il mondo capirà che quello che conta và oltre una taglia 38. Credo in un futuro migliore e credo che siamo noi a renderlo tale. Credo che è inutile guardare il passato, ma vivere il presente. Grazie Stefano per questo privilegio. 



( Foto crediti: Victor Santiago )

Comments

Popular posts from this blog

Viviana Volpicella, la regina delle stylist

" Sono nata come architetto ma, morirò come fashion editor". Viviana Volpicella



Per coloro che non seguono il mondo della moda, Viviana Volpicella, è la regina delle stylist. Il suo motto risiede nelle parole di Iris Apfel :" la moda la puoi comprare ma lo stile lo devi possedere" e lei di stile, ne ha da vendere.
Laureata in architettura, decide di inseguire la sua passione per la moda e si trasferisce ben presto a Milano. Frequenta un corso per "fashion editor" e diventa la "fashion assistent" dell'influente Anna Dello Russo. A lei deve molto, come afferma nelle varie interviste:"Anna è la mia maestra assoluta. Se faccio questo mestiere è grazie a lei".
L'amore per la moda, in realtà, è sempre stato presente nella sua vita, tanto da scegliere come tema per la tesi di laurea:" Architetture per la moda". I suoi soldi sempre spesi per abbonamenti a magazine di moda:"mi sono laureata in architettura ma, i miei abb…

Eva Geraldine Fontanelli, la rosa rossa della moda.

"Ogni giorno sono diversa. Sono sempre io, ma uso i miei vestiti per interpretare parti diverse della mia personalità". Eva Geraldine Fontanelli 




Non esiste niente di più complesso di una rosa rossa: è il fiore più bello ma il più oscuro. Esso è richiuso in se stesso e quando apre la corolla è già sul punto di svanire. Eva Geraldine Fontanelli, proprio come una rosa rossa, lavoro in segreto. Dietro le quinte di quel mondo chiamato moda.
Eva Fontanelli è una delle stylist, editor, consultant e influencer più importanti nel panorama della moda italiana ed internazionale. Ha lavorato come "fashion editor" per Elle Italia. E' tra le muse di "Scott Schuman". Ha vestito le modelle più in voga del momento. Ha collaborato per le testate di moda più rinomate. Ha una vaga somiglianza con l'attrice Hepburn ed è la persona che dovrebbero utilizzare per rendere chiaro il concetto che ognuno di noi può essere e può dettare moda. 

Eva Geraldine Fontanelli ha un …

Coco Chanel e Boy Capel: l'amore che creò il mito

“ Gli unici occhi belli sono quelli che vi guardano con tenerezza.” Coco Chanel 

Nel film “Bodyguard” vi era la colonna sonora che avrebbe incantato il mondo: And i will always love you. Una promessa per molti, una minaccia per altri. Whitney Houston di quella canzone ne fece la sua vita, ma in altri tempi, nel 1915 circa,la stilista Coco Chanel molto probabilmente l’avrebbe ascoltata e cantata per il suo grande amore: Boy Capel.  Gabrielle Bonhuer Chanel, conosciuta al mondo come Coco Chanel, fu la prima femminista della storia e come ogni donna che si rispetti fu legata ad un grande amore. Da sempre consacrata come la Mademoiselle d’acciaio, con le sue perle sulla poca importanza degli uomini in realtà nascondeva un cuore grande, capace di amare e di pensare ad un futuro da perfetta moglie.  Coco iniziò la sua carriera intorno al 1909 presso l’appartamento del suo amante Balsan, a Parigi in Boulevard Malesherbes creando cappelli. Fu proprio nella residenza del suo primo amante che l…