Skip to main content

Il Pitti Uomo di Alessio Giacomobono



“La passione per la moda l’ho sempre avuta fin da bambino, infatti già a 3 anni prendevo le Adidas, le Puma le scarpe un po’ marchiate. Questa passione adesso l’ho abbandonata, mi dedico infatti alla sartoria, da ormai 4 anni, perché non riuscivo a trovare giacche della mia taglia ( infatti il sarto è altissimo, ha delle spalle enormi ma è molto magro ndr ). Ho preso una giacca l’ho aperta e ho incominciato a vedere com’era fatta, ed è iniziato tutto cosi, creando le mie prime giacche. Mi sono aiutato con Internet guardando video e piano piano ho provato, ovviamente le prime giacche non sono state impeccabili, ma mi sono perfezionato con il tempo”.
Alessio Giacomobono 

                                             
                               ( Lo street style del giovane sarto di su misura ) 

Fin dall'infanzia avevo dentro di me uno spirito di contraddizione, uno spirito che mi conduceva nel sognare di diventare carabiniere a cavallo: sognavo la giustizia, sognavo di salvare il mondo con un cavallo per non creare smog, anche se amavo l’idea di un eroina con la Ferrari. Crescendo ho capito che la giustizia in questo mondo è la forma di utopia maggiore, crescendo ho visto le mie amiche che sognavo di diventare ballerine, rock star e celebrità, cambiare radicalmente le loro scelte. Eppure molto vicino al paese in cui abito, c’era un bambino che sognava di diventare un sarto, di creare abiti, giacche e completi e oggi il suo sogno si è realizzato.
Alessio Giacomobono, classe del 96, frequenta attualmente l’ultimo anno del Liceo delle scienze umane, da anni appassionato di moda e “sarto locale”. Giovane e talentuoso, che per l’amore del “fashion system”, ha preso il primo treno pronto a brillare all’ottantasettesima edizione del Pitti uomo. Non era la sua prima volta, ma racconta le sue due giornate al Pitti, come un innamorato parla della sua giornata trascorsa con l’amato.


( Il signore di Instagram: Mariano Di Vaio )

“ Sono arrivato alla Fortezza del Basso alle h 14:00, ho subito fatto un giro tra i vari stand, ma in modo superficiale, ero ansioso di uscire fuori e di poter mostrare il mio outfit e confrontarlo con quello dei presenti. Ero curioso di vedere i blogger più importanti, i sarti e gli stilisti, giunti da ogni parte del mondo per l’evento maschile dell’anno.” Così  parla il sarto nostrano del suo arrivo al Pitti. Subito dopo mi racconta del suo incontro tanto desiderato con il maestro del cachemire: Brunello Cucinelli . “ Sembravamo amici di lunga data. Quando sono arrivato, era ancora impegnato in un’intervista, ma non ho avuto problema ad aspettarlo, un’attesa che ha reso al massimo le mie aspettative. Solitamente quando si arriva ad un certo livello si pensa che le persone perdano la loro umiltà ed è cosi in molti casi, ma sono rimasto stupito dai preziosi consigli ricevuti e dal suo essere alla mano. “ In seguito si è lanciato nella vita mondana, facendosi paparazzare dai vari fotografi, per rendere immortale il suo outfit per questa edizione. Alessio pieno di speranza lascia il Pitti, pronto per la giornata successiva.

                    
                                ( La foto con il grande: Brunello Cucinelli )

Un’attesa un po’ deludente, Alessio ci parla della sua seconda e ultima giornata del Pitti affermando: “ Si  respirava un’aria diversa, eravamo tutti già nel futuro, eravamo tutti impegnati a pensare alla Milan Fashion week, molti erano partiti la notte stessa, altri la mattina, complice anche la pioggia. Mi sono dedicato agli stand e ho visitato l’ultimo padiglione.”
Un’esperienza indimenticabile per Alessio, nonostante la pioggia e anche per noi, grazie al suo racconto eravamo tutti presenti a questa edizione del Pitti, eravamo presenti alla conversazione con il Maestro del cachemire, eravamo presenti alle foto con ( il mio amato ndr ) Nick Wooster, si bravi, avete capito il “vecchietto “ che voi pubblicate per dire che l’uomo con i tatuaggi è elegante. Oh Nick, perdonali tutti, non sanno quello che fanno e ciò che mi preoccupa maggiormente è che non sanno neanche quello che dicono.

                                    
                                        ( Foto del primo giorno del Pitti di Alessio ) 

Concludo ringraziando Alessio, perché ci ha dimostrato che se si crede in qualcosa, si può arrivare a grandi livelli, perché a differenza di quello che ci faceva credere Moccia ( si leggevo Moccia nel periodo adolescenziale, voi vestite Happiness non credetevi tanto superiori ndr ), l’amore ha un’età, ma quello che non ha età è il talento. Grazie Alessio è sempre un piacere ed un onore averti con noi.
The End

                           


 ( E' sempre tempo di selfie per Alessio, questa volta con il re del Pitti: Lino Ieluzzi )





                                    ( Alessio pronto per le foto  ) 

P.s: Pensavate fosse finita così invece voglio lasciarvi con una frase di Alessio, sempre in una mia intervista sullo stile ( intervista che potete ancora trovare online su:Io Posto- F & L, il blog precedente a questo ndr ): “Le cose complicate a me non piacciono, a me piacciono le cose originali. Quindi io preferisco una donna che indossa una borsa che ha trovato ad un mercatino vintage, piuttosto una Vuitton che ormai è comunissima e hanno tutti.” Fidatevi del mio modesto parere: questo ragazzo sarà un grande, ancora di più di quello che attualmente è. 




(Una foto pubblicata su Instagram sullo stile di Alessio. )  


Il ragazzo con i piedi per terra e le mani da Dio. 


Comments

Popular posts from this blog

Viviana Volpicella, la regina delle stylist

" Sono nata come architetto ma, morirò come fashion editor". Viviana Volpicella



Per coloro che non seguono il mondo della moda, Viviana Volpicella, è la regina delle stylist. Il suo motto risiede nelle parole di Iris Apfel :" la moda la puoi comprare ma lo stile lo devi possedere" e lei di stile, ne ha da vendere.
Laureata in architettura, decide di inseguire la sua passione per la moda e si trasferisce ben presto a Milano. Frequenta un corso per "fashion editor" e diventa la "fashion assistent" dell'influente Anna Dello Russo. A lei deve molto, come afferma nelle varie interviste:"Anna è la mia maestra assoluta. Se faccio questo mestiere è grazie a lei".
L'amore per la moda, in realtà, è sempre stato presente nella sua vita, tanto da scegliere come tema per la tesi di laurea:" Architetture per la moda". I suoi soldi sempre spesi per abbonamenti a magazine di moda:"mi sono laureata in architettura ma, i miei abb…

Eva Geraldine Fontanelli, la rosa rossa della moda.

"Ogni giorno sono diversa. Sono sempre io, ma uso i miei vestiti per interpretare parti diverse della mia personalità". Eva Geraldine Fontanelli 




Non esiste niente di più complesso di una rosa rossa: è il fiore più bello ma il più oscuro. Esso è richiuso in se stesso e quando apre la corolla è già sul punto di svanire. Eva Geraldine Fontanelli, proprio come una rosa rossa, lavoro in segreto. Dietro le quinte di quel mondo chiamato moda.
Eva Fontanelli è una delle stylist, editor, consultant e influencer più importanti nel panorama della moda italiana ed internazionale. Ha lavorato come "fashion editor" per Elle Italia. E' tra le muse di "Scott Schuman". Ha vestito le modelle più in voga del momento. Ha collaborato per le testate di moda più rinomate. Ha una vaga somiglianza con l'attrice Hepburn ed è la persona che dovrebbero utilizzare per rendere chiaro il concetto che ognuno di noi può essere e può dettare moda. 

Eva Geraldine Fontanelli ha un …

Coco Chanel e Boy Capel: l'amore che creò il mito

“ Gli unici occhi belli sono quelli che vi guardano con tenerezza.” Coco Chanel 

Nel film “Bodyguard” vi era la colonna sonora che avrebbe incantato il mondo: And i will always love you. Una promessa per molti, una minaccia per altri. Whitney Houston di quella canzone ne fece la sua vita, ma in altri tempi, nel 1915 circa,la stilista Coco Chanel molto probabilmente l’avrebbe ascoltata e cantata per il suo grande amore: Boy Capel.  Gabrielle Bonhuer Chanel, conosciuta al mondo come Coco Chanel, fu la prima femminista della storia e come ogni donna che si rispetti fu legata ad un grande amore. Da sempre consacrata come la Mademoiselle d’acciaio, con le sue perle sulla poca importanza degli uomini in realtà nascondeva un cuore grande, capace di amare e di pensare ad un futuro da perfetta moglie.  Coco iniziò la sua carriera intorno al 1909 presso l’appartamento del suo amante Balsan, a Parigi in Boulevard Malesherbes creando cappelli. Fu proprio nella residenza del suo primo amante che l…