Skip to main content

All i want for Christmas is it.

– “È un diamante!” [disse il desiderio]
– “È una Vuitton!” [disse la speranza]
– “Ti piace questo pigiama?” [esclamò il fidanzato]
(FranAltomare)



Natale arriva ogni anno e ogni anno porta con se la fatidica domanda: e adesso cosa mi metto? Indifferentemente dalle persone con cui si trascorrerà: parenti, amici, fidanzati o amanti, quello che è inevitabile è l’eleganza. Infondo è il compleanno di Gesù non ne fa 18 di anni, un po’ di più, ma vi ricordo che è un uomo molto potente e conviene vestirsi bene, non si sa mai chi si incontrerà. Scherzi a parte, ecco a voi i vestiti natalizi e pre- natalizi che potrebbero fare al caso vostro.
Iniziamo con il dire le cose banali: assolutamente si ai capi di colore rosso, è il momento dell’anno in cui nessun può criticarvi, quindi sciarpe, cappelli, camicie o vestiti, badate bene  non ho usato la congiunzione e, evitiamo il total look rosso, oltre a sembrare Babbo Natale, si potrebbe risultare anche volgari. Eccezioni per modelle di Dolce e Gabbana. 


L’abbinamento perfetto è con il nero,con il bianco o beige. Indossate le sciarpe e i cappelli ora che potete, altrimenti si finirà a Giugno con il rimorso e  cosa che vorrei evitare è l’imbattermi a Giugno con persone che indossano i capelli di lana ( questa scena l'ho vissuta fin troppe volte ndr ) .
Una delle mie poesie preferite di Neruda recita : Lentamente muore chi diventa schiavo dell'abitudine, ripetendo ogni giorno gli stessi percorsi, chi non cambia la marca, chi non rischia e cambia colore dei vestiti…
Osate, osate essere più colorati del solito, osate essere diversi è meglio essere visti come anormali che essere apprezzati per quello che non siete. Ricordo ancora un volta che non si è “fighi” ( permettetemi tale licenzia poetica ) indossando leggins, felpe con scritte, il parka e le air marx, siete alla moda quando siete voi stessi, non abbiate paura che in ogni caso ci sarà chi parlerà male.


Ribadito per l’ennesima volta questo concetto che non fa mai male. Ritorniamo a noi: si ai maglioni stile Mark del diario di Bridget Jones. Si alle renne, no ai cerchietti con le orecchie delle renne, non siamo all'asilo suvvia, si tratta anche di buon senso oltre al buon gusto. Basta con i jeans a cavallo basso, uomini mi rivolgo a voi, state perforando il ridicolo. Siete un misto tra Justin Bieber e Aladin e non voglio continuare con paragoni, ma con tutto il rispetto per mio nonno e i vostri nonno, loro sicuramente hanno attualmente più stile di voi. Si alle camicie, alle felpe larghe, ai maglioni a collo alto, ancora meglio se si trascorre la giornata a casa di qualche amico vicino al fuoco.
Per non annoiarvi troppo vi riporto in seguito, vestiti e altri capi che possono fare a vostro caso o che potete regalare per Natale.  



( Si in tutti e tre i casi anche se di color nero, eleganti e riutilizzabili in ogni periodo dell'anno. Prezzo su richiesta - Alcoolique Milano ) 


Vestito aderente con apertura a goccia. Prezzo: 22,86- Asos ) 


( Maglia natalizia con Rudolph e paesaggio invernale. Prezzo: 45 e 72 - Asos )




( All black everything Blaza con scollatura in pizzo 39.99 - Mango )

(  ABITO VELLUTO BRILLANTINI 49,95 )

                                                                                    Uomo:

 ( Per tutte le ragazze che il mio fidanzato non indossa giacche, e va bene allora andiamo su un bel cardigan elegante, semplice e comodo. In cashmere a collo alto, al prezzo di 89.99 -  Mango )


( Camicia slim in flanella pied de poule con maniche in contrasto, al prezzo 
42.14 - Antony Morato )






( SHERPA TRUCKER JACKET prezzo 120 - Levi's ) 



( Outfit del mese )


P.s: Per gli accessori VERRÀ pubblicato la prossima settimana un post, ma se siete nel dubbio, recatevi da: Tiffany e co. Il posto dove nulla e' peccato. 

Comments

Popular posts from this blog

Viviana Volpicella, la regina delle stylist

" Sono nata come architetto ma, morirò come fashion editor". Viviana Volpicella



Per coloro che non seguono il mondo della moda, Viviana Volpicella, è la regina delle stylist. Il suo motto risiede nelle parole di Iris Apfel :" la moda la puoi comprare ma lo stile lo devi possedere" e lei di stile, ne ha da vendere.
Laureata in architettura, decide di inseguire la sua passione per la moda e si trasferisce ben presto a Milano. Frequenta un corso per "fashion editor" e diventa la "fashion assistent" dell'influente Anna Dello Russo. A lei deve molto, come afferma nelle varie interviste:"Anna è la mia maestra assoluta. Se faccio questo mestiere è grazie a lei".
L'amore per la moda, in realtà, è sempre stato presente nella sua vita, tanto da scegliere come tema per la tesi di laurea:" Architetture per la moda". I suoi soldi sempre spesi per abbonamenti a magazine di moda:"mi sono laureata in architettura ma, i miei abb…

Eva Geraldine Fontanelli, la rosa rossa della moda.

"Ogni giorno sono diversa. Sono sempre io, ma uso i miei vestiti per interpretare parti diverse della mia personalità". Eva Geraldine Fontanelli 




Non esiste niente di più complesso di una rosa rossa: è il fiore più bello ma il più oscuro. Esso è richiuso in se stesso e quando apre la corolla è già sul punto di svanire. Eva Geraldine Fontanelli, proprio come una rosa rossa, lavoro in segreto. Dietro le quinte di quel mondo chiamato moda.
Eva Fontanelli è una delle stylist, editor, consultant e influencer più importanti nel panorama della moda italiana ed internazionale. Ha lavorato come "fashion editor" per Elle Italia. E' tra le muse di "Scott Schuman". Ha vestito le modelle più in voga del momento. Ha collaborato per le testate di moda più rinomate. Ha una vaga somiglianza con l'attrice Hepburn ed è la persona che dovrebbero utilizzare per rendere chiaro il concetto che ognuno di noi può essere e può dettare moda. 

Eva Geraldine Fontanelli ha un …

Coco Chanel e Boy Capel: l'amore che creò il mito

“ Gli unici occhi belli sono quelli che vi guardano con tenerezza.” Coco Chanel 

Nel film “Bodyguard” vi era la colonna sonora che avrebbe incantato il mondo: And i will always love you. Una promessa per molti, una minaccia per altri. Whitney Houston di quella canzone ne fece la sua vita, ma in altri tempi, nel 1915 circa,la stilista Coco Chanel molto probabilmente l’avrebbe ascoltata e cantata per il suo grande amore: Boy Capel.  Gabrielle Bonhuer Chanel, conosciuta al mondo come Coco Chanel, fu la prima femminista della storia e come ogni donna che si rispetti fu legata ad un grande amore. Da sempre consacrata come la Mademoiselle d’acciaio, con le sue perle sulla poca importanza degli uomini in realtà nascondeva un cuore grande, capace di amare e di pensare ad un futuro da perfetta moglie.  Coco iniziò la sua carriera intorno al 1909 presso l’appartamento del suo amante Balsan, a Parigi in Boulevard Malesherbes creando cappelli. Fu proprio nella residenza del suo primo amante che l…