Skip to main content

Rocco Galluccio il Cracco della moda

"Nel mio lavoro detesto chi si è fermato a una certa epoca e pensa che il mondo stia impazzendo. Il mondo non sbaglia, semplicemente cambia." Karl Lagerfeld


Ci risiamo, ancora una volta il mio sesto senso sbaglia. Eppure qualche settimana fa  su una rivista, ho letto che in noi donne il sesto senso è qualcosa di certo, in percentuale una donna che si affida a questa capacità ha la possibilità di sbagliare pari all’ 1%. E io devo ammettere che il mio sesto senso ultimamente lascia molto a desiderare.
Ormai risaputa ( leggere gli articoli precedenti ndr) la mia passione per Alberta Ferretti, dopo una réclame senza precedente, avevo deciso qualche mese fa di seguire: Project Runway. Puntata per puntata mi ero fatta una mia opinione sui vari concorrenti e avrei “azzeccato” tutto, se non fosse stato per lui, l’eccezione che non conferma la regola:  Rocco Galluccio.
Carattere napoletano e si sa, i napoletani hanno un gran cuore, tuttavia nel programma non riusciva a convincermi. Amavo i suoi capi, la modella che li indossava diventava una "femme fatale" e non nego che per quanto mi riguarda la vera rivelazione è stata proprio lui. 
Da buona cristiana: “non credo finché non vedo”, intendo dimostrarvi il perché della mia conversione al “Galluccianesimo”. Lascio la parola a  Rocco. Amen.
Da Project Runway al ritorno alla vita di tutti i giorni, cosa le manca maggiormente del programma?
"Sinceramente nulla, sono stato bene, mi sono divertito, non avevo grossi pensieri, in quanto si trattava di un gioco, ma sono contento di essere ritornato alla mia vita ed alle cose vere, lo sono ora come nel momento preciso in cui sono uscito."


-                 Quanto sono cambiate le cose dopo il talent?
"A parte le persone che mi fermano per strada per complimentarsi, o i pochi casi per insultarmi (ride di gusto ndr), molto poco, nel senso che anche prima di Project Runway lavoravo. Infatti avevo la mia collezione e nel mio piccolo, nel settore già conosciuto, penso che I talent siano come una lente di ingrandimento, potenziano quello che sei, ma infondo come entri così esci."
-                 Lei è il direttore creativo  della maison Alcoolique, descriva i suoi capi con 5 aggettivi
"Sfrontati, autoironici, sexy, forti, femminili."
-                 Da cosa è nata la sua passione per la moda?
"Fin da sempre ho amato e seguito la moda, con gli zii sarti, uno zio fotografo, mi sono sempre trovato in situazioni “moda”. Ho iniziato a guardare, aiutare che ero piccolissimo e non ho mai più smesso."
-                 Se non avesse intrapreso tale strada, oggi cosa ne avrebbe fatto della sua vita?
" Sicuramente avrei fatto il cuoco!"
-                 Se dovesse abbandonare nuovamente  l’Italia dove andrebbe?
"Ancora non ho mai pensato a ciò, quando parto non lo decido molto tempo prima, anche quando sono andato a vivere a Bali, ho deciso e organizzato in 10 giorni."


-                 Il suo stilista preferito?
"Il RE: Gianni Versace." ( Risposta coincisa e sicura ndr )
-                 Se la moda fosse un’opera d’arte quale sarebbe?
"Una incompleta ed in continua evoluzione."
-                 Dia una sua definizione di moda
"Anche se può risultare banale, posso dire che è tutto, è arte, è vita, è un gioco, è una cosa seria, possiamo essere chiunque indossando un vestito, anche solo per una sera."
-                 Il capo basic senza cui una donna non dovrebbe mai uscire?
"Una camicia e  possibilmente aperta!"
-                 Cosa non potrebbe mancare nell’armadio di Rocco Galluccio?
" Essendo super pigro direi decisamente delle tute, ma ammetto di amare follemente le scarpe."

-                 Il personaggio che ha amato in Project Runway?
" Inteso a parte Giorgia Fiore? Direi Eva Herzigova, è una persona di cuore, con cui si può scherzare e si può parlare e che sempre ti da una risposta sincera, ancora oggi di tanto in tanto scappa un messaggio."
-                 I capi must have dell’inverno 2014-2015?
"Sicuramente I cappotti, in tutte le forme… Meglio se glitter!"
-                 Lei è napoletano, nel suo stile fa riferimento a qualche luogo-persona conosciuta nella sua terra?
" Nel mio stile i riferimenti a Napoli sono tantissimi, a partire dalla sartoria e dalla pelletteria (esclusivamente confezionata a Napoli) cerco sempre però di non essere didascalico nella messa in atto della collezione."
-                 Ha studiato Disegno Industriale all'Università di Aversa, quanto le è servito il suo studio?
" Molto, ho avuto docenti molto bravi e compagni che avevano la stessa mia voglia di studiare e andare avanti con cui abbiamo creato un bel legame, tutt'oggi sia affettivo che professionale."

-                 Ha trascorso del tempo a Bari cosa le manca di più di quei posti? ( Lascio la domanda con il mio errore di battitura, come si dice: sbagliare è umano. Rido ndr )
"A Bari ci sarò stato mezza giornata  ma a Bali un po’ in più ( Si lascia prendere da una risata ndr ). Mi mancano I tramonti, il caldo, la spensieratezza delle persone, i colori, le giornate in moto. Sinceramente mi mancano molte cose, ho infatti intenzione di tornare prestissimo!"

-                 Dia un consiglio ai giovani d’oggi che vogliono interpretare una carriera nel mondo.

"Non arrendersi mai, continuare ad andare avanti studiando, guardando e documentandosi su tutto,  perché poi con il tempo tutto questo porterà grandi e bei risultati… ed avere un po’ di testa dura ascoltando di tanto in tanto qualche consiglio."





L'intervista è conclusa, le foto sono state scelte tutte dalla sottoscritta e sono scatti dei capi della maison: Alcoolique. Credo che le parole e le foto riportate valgano più delle mie  lusinghe, quindi grazie a Rocco. Ah, quasi dimenticavo! Io ho deciso Rocco per me è il Cracco della moda. 






Comments

Popular posts from this blog

Viviana Volpicella, la regina delle stylist

" Sono nata come architetto ma, morirò come fashion editor". Viviana Volpicella



Per coloro che non seguono il mondo della moda, Viviana Volpicella, è la regina delle stylist. Il suo motto risiede nelle parole di Iris Apfel :" la moda la puoi comprare ma lo stile lo devi possedere" e lei di stile, ne ha da vendere.
Laureata in architettura, decide di inseguire la sua passione per la moda e si trasferisce ben presto a Milano. Frequenta un corso per "fashion editor" e diventa la "fashion assistent" dell'influente Anna Dello Russo. A lei deve molto, come afferma nelle varie interviste:"Anna è la mia maestra assoluta. Se faccio questo mestiere è grazie a lei".
L'amore per la moda, in realtà, è sempre stato presente nella sua vita, tanto da scegliere come tema per la tesi di laurea:" Architetture per la moda". I suoi soldi sempre spesi per abbonamenti a magazine di moda:"mi sono laureata in architettura ma, i miei abb…

Eva Geraldine Fontanelli, la rosa rossa della moda.

"Ogni giorno sono diversa. Sono sempre io, ma uso i miei vestiti per interpretare parti diverse della mia personalità". Eva Geraldine Fontanelli 




Non esiste niente di più complesso di una rosa rossa: è il fiore più bello ma il più oscuro. Esso è richiuso in se stesso e quando apre la corolla è già sul punto di svanire. Eva Geraldine Fontanelli, proprio come una rosa rossa, lavoro in segreto. Dietro le quinte di quel mondo chiamato moda.
Eva Fontanelli è una delle stylist, editor, consultant e influencer più importanti nel panorama della moda italiana ed internazionale. Ha lavorato come "fashion editor" per Elle Italia. E' tra le muse di "Scott Schuman". Ha vestito le modelle più in voga del momento. Ha collaborato per le testate di moda più rinomate. Ha una vaga somiglianza con l'attrice Hepburn ed è la persona che dovrebbero utilizzare per rendere chiaro il concetto che ognuno di noi può essere e può dettare moda. 

Eva Geraldine Fontanelli ha un …

Coco Chanel e Boy Capel: l'amore che creò il mito

“ Gli unici occhi belli sono quelli che vi guardano con tenerezza.” Coco Chanel 

Nel film “Bodyguard” vi era la colonna sonora che avrebbe incantato il mondo: And i will always love you. Una promessa per molti, una minaccia per altri. Whitney Houston di quella canzone ne fece la sua vita, ma in altri tempi, nel 1915 circa,la stilista Coco Chanel molto probabilmente l’avrebbe ascoltata e cantata per il suo grande amore: Boy Capel.  Gabrielle Bonhuer Chanel, conosciuta al mondo come Coco Chanel, fu la prima femminista della storia e come ogni donna che si rispetti fu legata ad un grande amore. Da sempre consacrata come la Mademoiselle d’acciaio, con le sue perle sulla poca importanza degli uomini in realtà nascondeva un cuore grande, capace di amare e di pensare ad un futuro da perfetta moglie.  Coco iniziò la sua carriera intorno al 1909 presso l’appartamento del suo amante Balsan, a Parigi in Boulevard Malesherbes creando cappelli. Fu proprio nella residenza del suo primo amante che l…