Skip to main content

L'importanza di amare Keira Knightley

“ Tanto di cappello alle attrici di Hollywood, soprattutto quelle più giovani, che fanno di tutto per essere perfette. Tuttavia io credo che siano i difetti a rendere perfetta una persona. Le facce perfette non le ho mai trovate interessanti”
Keira Knightley

 “ Ma cosa ti piace di Keira Knightley? E’ anoressica e poi non è molto brava a recitare.”
Oh no, penso tra me, ancora una volta? Sarà l'ennesima discussione tra i miei amici, che pur di difendere le loro attrici da non so esattamente cosa, criticano le altre. Cosi' stanca di elencare le mie ragioni decido: è l'ora di un post su  Keira Knightley. 

Non potevo decidere momento migliore infatti, la modella è in prima pagina per il giornale "The Edit magazine" dove vestita Dolce e Gabbana, Valentino, Chanel ecc, ci parla della sua vita e del suo stile. 
Uno stile ora più che mai molto curato e attento, una bellezza di altri tempi. Immensa è la parola giusta per descrivere l'attrice negli scatti del fotografo David Bellemere.


Classe 1985 la Knightley è una modella e attrice britannica. Figlia d’arte e come si dice: buon sangue non mente. L’attrice manifesta infatti la sua passione per la recitazione fin da bambina, sembra che all'età di 5 anni per il suo compleanno abbia chiesto come regalo un’agente. Continua tuttavia gli studi scolastici con qualche difficoltà nella lettura, scoprendo così di soffrire di dislessia. Un grave problema per un’attrice, ma non perde la speranza e riesce con grande impegno e determinazione a risolvere tale problema.


All'età di sole nove anni esordisce nel film per la televisione : "A Village Affair", ma il successo lo ottiene nel 2002 con il film: "Sognando Beckham". Da quel di’  l’attrice ebbe una trasformazione di bellezza e di fama. Entrambi elementi di fondamentale importanza che la condurranno nelle braccia del belloccio Orlando Bloom in Pirati dei Caraibi.In seguito a numerose critiche dovute al suo aspetto considerata troppo magra e la classica bella priva di talento l’attrice ha dichiarato:  “Essere belli è un'arma a doppio taglio. Non ho mai dato tanta importanza alla bellezza. Il tuo aspetto ti porta ad ottenere certi ruoli cinematografici, ma abbassa la tua credibilità nei confronti di altri. È così che funziona.” Per dimostrarci la sua bravura infatti, la Knightley non si è fermata mai davanti a nessun ruolo: dagli abiti di Anna Karenina alle sculacciata e le scene di sesso in " A Dangerous Method."



Attualmente la si può ammirare al cinema nel ruolo di Greta, una cantautrice che ha perso la speranza a causa di un amore finito male, finché incontro un discografico, che perso come lei le proporrà di incidere un disco “on the road”. Un film interessante dove Keira è riuscita a far ricredere un gran numerosi di critici, che hanno finalmente visto nell’attrice quello che io da sempre vedevo.

L’attrice sul piano lavorativo non perde occasione per mettersi in luce, oltre a numerosi film è la protagonista di alcuni video della celebre casa di moda: Chanel. Karl Lagerfeld direttore creativo della maison l’ha scelta e diretta nel film: “Once upon a time”, dove interpreta il ruolo dell’eterna Madamoiselle. Un ruolo che le calza a pennello, entrambe donne di classe, magroline e attratte dallo stile un po’ mascolino.

Bellezza ne ha a quantità, cosi' come possiede quel qualcosa di più di un semplice talento, sin da bambini ha avuto le idee chiare, una donna che ha sorpassato diversi problema tra cui la dislessia.Un esempio di ragazza, felicemente sposata con il cantante e tastierista del gruppo rock  Klaxons: James Righton.




 Per il suo matrimonio niente Ferrari, ne Limousine, niente Champagne, ma ancora una volta a fare da sfondo alla vita della bellissima attrice è la semplicità. Gli accessori che, sempre di meno si nota nei matrimoni dei cosi' detti vip: sorrisi e occhi da chi ha davanti il vero amore. Un matrimonio celebrato con pochi familiari e con un vestito già in diverse occasioni indossato, riadattato da Karl Lagerfeld.



Quindi alla domanda che mi ponete sulla Knightley non posso che rispondere: perché non dovrebbe piacermi? Voi datemi delle motivazioni e io cambierò opinione se necessario.
Per adesso rimango convinta che di Keira Knightley ce né una e come lei nessuna. Banale, ma efficace. Cara Keira, continua cosi e sono sicura che la tua vita finirà in qualche pagina del Vangelo. Amen 


P.s: Sull'anoressia c'è ben poco da dire, è cosi' evidente che la sua magrezza è direttamente proporzionata a non aver come nonna la mia. Donna fortunata la Kinghtley, anche se personalmente io a una bella lasagna di nonna, non direi mai di no. A buon intenditori poche, ma BUONE parole. 








Qui' potete vedere il video in inglese di Keira per la cover di " The Edit magazine", buona visione:https://www.youtube.com/watch?v=iwWLxE-sgAI

Comments

Popular posts from this blog

Eva Geraldine Fontanelli, la rosa rossa della moda.

"Ogni giorno sono diversa. Sono sempre io, ma uso i miei vestiti per interpretare parti diverse della mia personalità". Eva Geraldine Fontanelli 




Non esiste niente di più complesso di una rosa rossa: è il fiore più bello ma il più oscuro. Esso è richiuso in se stesso e quando apre la corolla è già sul punto di svanire. Eva Geraldine Fontanelli, proprio come una rosa rossa, lavoro in segreto. Dietro le quinte di quel mondo chiamato moda.
Eva Fontanelli è una delle stylist, editor, consultant e influencer più importanti nel panorama della moda italiana ed internazionale. Ha lavorato come "fashion editor" per Elle Italia. E' tra le muse di "Scott Schuman". Ha vestito le modelle più in voga del momento. Ha collaborato per le testate di moda più rinomate. Ha una vaga somiglianza con l'attrice Hepburn ed è la persona che dovrebbero utilizzare per rendere chiaro il concetto che ognuno di noi può essere e può dettare moda. 

Eva Geraldine Fontanelli ha un …

Margherita Buy, una farfalla lasciata alla luce.

"Convivo fin da ragazza con la timidezza. E ancora oggi, dopo che tante cose sono cambiate, sono attratta dalle persone che hanno delle incertezze. Mi piacciono le debolezze degli altri". Margherita Buy





Occhi chiari, grandi e malinconici, capelli biondi, "il sorriso inconfondibile di chi, nella vita, ha pianto molto" e quell'eleganza introversa di Margherita Buy. 
Sette David di Donatello, sette Nastri d'argento e cinque Globi d'oro, un curriculum che parla ed eppure, c'è chi ancora mette in discussione la sua bravura:"terribile come attrice", "mi mette un'angoscia" o "ma è fredda. Non trasmette". 
Una delle prime domande che ponevo ( certo, dopo: nome e cognome ndr ) quando mi trovavo in una cena con persone sconosciute, era sulla Buy:"che pensi della Buy?" e così mi regolavo. Ho smesso dopo un mese, per disperazione. Trovavo impossibile l'idea di essere l'unica affascinata dall'incertezza, dalla…

Coco Chanel e Boy Capel: l'amore che creò il mito

“ Gli unici occhi belli sono quelli che vi guardano con tenerezza.” Coco Chanel 

Nel film “Bodyguard” vi era la colonna sonora che avrebbe incantato il mondo: And i will always love you. Una promessa per molti, una minaccia per altri. Whitney Houston di quella canzone ne fece la sua vita, ma in altri tempi, nel 1915 circa,la stilista Coco Chanel molto probabilmente l’avrebbe ascoltata e cantata per il suo grande amore: Boy Capel.  Gabrielle Bonhuer Chanel, conosciuta al mondo come Coco Chanel, fu la prima femminista della storia e come ogni donna che si rispetti fu legata ad un grande amore. Da sempre consacrata come la Mademoiselle d’acciaio, con le sue perle sulla poca importanza degli uomini in realtà nascondeva un cuore grande, capace di amare e di pensare ad un futuro da perfetta moglie.  Coco iniziò la sua carriera intorno al 1909 presso l’appartamento del suo amante Balsan, a Parigi in Boulevard Malesherbes creando cappelli. Fu proprio nella residenza del suo primo amante che l…