Skip to main content

Serena Di Marino: la stilista italiana che ha colpito Lady Gaga

Recentemente, ancora prima che venne aperto il blog, ho iniziato a studiare la storia della moda. Mentre sfogliavo il libro sono stata rapita dallo scatto ritraente una donna dallo stile al di fuori della norma. Solo in un secondo momento ho riconosciuto che il soggetto della foto, non era una donna qualsiasi, ma lei: Anna Piaggi, la donna del futuro.
Per rinfrescare la memoria Anna Piaggi fu la prima ad utilizzare il termine vintage e sopratutto fu la prima ad utilizzare la parola Made in Italy, credendo nella nostra patria. 
Così pensando ai sogni "della donna del futuro", ho deciso di aprire la nuova Rubrica che ha come scopo far conoscere i giovani talenti italiani. 
In questo caso, da conoscere vi è poco, qualcuno di voi fan di Lady Gaga, avrà già potuto ammirare le creazioni di Serena Di Marino. Vincitrice del concorso HODC, che ha lo scopo di promuovere e sponsorizzare designer emergenti. 
Riprendendo il discordo dei latini: verba volant, scripta manent; lascio la  parola a Serena Di Marino della maison Plusthirtynine. 


"Un selfie può cambiare la vita, ne sa qualcosa Chiara Ferragni regina dei selfie, e adesso anche Serena Di Marino. La stilista italiana è ormai diventata nota nel settore della moda per gli abiti da lei realizzati e  indossati da Lady Gaga. Quanto le è cambiata la vita dopo la foto pubblicata dalla regina del Pop?"
Mi sento molto fortunata per tutto quello che mi è successo da quando sono stata contattata da Brandon Maxwell lo stylist di Lady Gaga. Nella mia vita quotidiana poco e' cambiato, ma per la mia linea di abbigliamento donna Plusthirtynine, e' cambiato tutto. La mia collezione e' stata inserita in uno showroom a Milano grazie alla visibilità che quel selfie mi ha dato, così come in uno dei negozi italiani più prestigiosi, Luisa Via Roma a Firenze. Magari per chi non è un addetto al settore sembra poco, ma vi assicuro che non è da tutti i giorni!

"Ha affermato che  quando ha ricevuto l’ email da parte del personal stylist della cantante ha pensato inizialmente ad uno scherzo, come mai?"
Plusthirtynine non è presente su molte fonti mediatiche, riviste, online magazine, blogs o agenzie di comunicazione, quindi essere "scoperta" mi è sembrato davvero come trovare un ago in un pagliaio! Questo mi fa capire il potere del web e la ricerca approfondita che gli stylist fanno per creare look inediti.

"Quanto deve a Lady Gaga?"
Tanto! Mi ha dato l'occasione di farmi notare, ora sta a me e la mia tenacia scalare la vetta e dimostrare che non è stata solo fortuna. Fa a dir poco paura, ma volere e' potere!!


"Immagino che dopo l’accaduto abbia avuto numerose richieste di lavoro. Quali sono i suoi progetti per il futuro?"
Più che richieste di lavoro direi collaborazioni. Sono stata contattata da numerosi artisti e stilisti 
che mi hanno proposto di collaborare 
su progetti molto interessanti. 
Plusthirtynine non è solo una linea di 
abbigliamento ma vuole diventare un 
brand e soprattutto un movimento 
dove stilisti ed artisti collaborano
insieme. Come la sedia LesFirst per 
Plusthirtynine, nata dalla collaborazione
 con Massimo Marcomini.

"Se non avesse fatto la stilista oggi cosa farebbe?"
Non saprei davvero come rispondere sin dalle
 scuole elementari ricordo che alla domanda 
della maestra, cosa vuoi fare da grande, 
io rispondevo senza esitazione: la stilista.

"Ha frequentato una scuola di taglio e cucito o è un’autodidatta?"
Ho studiato stilismo e modellismo presso l'accademia della moda di Napoli, dove l'impostazione
 didattica e' molto rivolta all'inserimento in azienda. Questo mi ha dato praticità che applico alla
viva creatività.

"Se la moda fosse una canzone, quale sarebbe?"
Una canzone d'amore sussurrata all'orecchio come
canzoni stonate di Lucio Battisti.

"Cosa non deve mai mancare nell’armadio di 
una donna?"
Posso avere tre opzioni?? Jeans a sigaretta,
 un paio di stivaletti charleston alla caviglia e
 un blazer sartoriale!

"Il must have dell’inverno 2014?"
Il poncho!! Mi raccomando il più etnico possibile!

"Come vestirebbe una donna per un primo 
appuntamento?"
Con gli elementi essenziali che ho citato prima,
aggiungendo una t-shirt oversize, orecchini
pendenti e rossetto rosso scuro.

"Cosa dovrebbe invece indossare un uomo per 
catturare la sua attenzione?"
Amo l'uomo che ha porta con eleganza un capo spalla
 sartoriale e sciarpa... Mi sa così tanto di galante.

"Lei ha la sua linea di moda: Plusthirtynine dal 2011, quant’è
 difficile oggi andare avanti senza l’aiuto di nessuno e fondare
 una linea personale?"
Molto difficile. Tutta la struttura della moda e' basata sulla stagionalità con la fase di
progettazione che inizia 1 anno prima della vendita al dettaglio. I pagamenti sono ad
1 anno dalla progettazione e per quel lasso di tempo un designer/azienda deve
autofinanziarsi. Senza considerare le spese di campionario/marketing/materiale
greggio/personale etc. Io credo davvero che le università in collaborazione con le 
aziende possano supportare e sponsorizzare nuove imprese. Bisogna insegnare
ai ragazzi come funziona il ciclo produttivo e creare mentorship dedicate a seguire
le start up per i primi 3 anni di vita. Dare accesso ai canali di distribuzione che troppo
 spesso sono lobby privilegiate.


"Attualmente vive a Londra, cosa le manca dell’Italia?"
Mi manca quel senso godereccio che porta con se l'Italia. L'incontro al bar la
 mattina prima dell'ufficio, il pranzo in rosticceria coi colleghi, l'aperitivo con gli
amici dopo il lavoro e le domeniche un po' lente e tediose..

"Mi dia una sua definizione personale del termine moda."
Per me moda e' linguaggio ed espressione!
"Un consiglio per i giovani che vogliono intraprendere una carriera nel
 mondo della moda."
Prima di tutto imparare l'arte del lavoro. Fate di tutto, vi formerà le ossa!
 Dopodiché siate curiosi. Non vi fermate alla bambagia degli uffici stile.
 Mettete il naso dappertutto, il vero campo di battaglia e' aldilà delle mura creative.









_________________________________________________________________________________

Qualche mese fa lessi l'articolo su un giornale  che riguardava il successo ottenuto
 da una giovane stilista italiana, così non esitai a fare delle ricerche e a mettermi in contatto
 con Serena. Gentile e disponibile sin dal primo momento, nonostante il numeroso carico di
lavoro.
Plusthirtynine è  attualmente acquistabile sul sito Luisaviaroma, e Serena
 è la prova vivente che se si crede  in ciò che si fa, il successo è assicurato. Grazie Serena
 e in bocca al lupo.



.


Comments

Popular posts from this blog

Roberto Giannitelli, il mio marchio "Augusto Rossini"

"Oggi direi che il mio più grande Maestro è stato l’errore. Ogni volta che sbagliavo nel lavorare con l’ago, nel tagliare il cuoio o nel rifinire il portafoglio imparavo qualcosa". Roberto Giannitelli




Il suo vero nome è Roberto Giannitelli. Ha una laurea in Ingegneria meccanica, con specialistica in ingegneria petrolifera. Ha lavorato per importanti aziende in Europa come “quality manager” e parla quattro lingue.  Un piccolo genio dei giorni nostri, intervistare l’artigiano e fondatore del marchio “Augusto Rossini” è un piacere primario come mangiare. La passione con cui racconta il suo percorso e la scelta di mettere la sua laurea in un cassetto per dedicarsi all’attività di “artigiano del cuoio” è da ammirare. Esattamente com’è ammirevole vedere i suoi portafogli e capire che oltre le parole ci sono dei prodotti: veri, unici ed eleganti.  Quella che segue è l’intervista più genuina del blog, le parole dette dall’artigiano del brand “Augusto Rossini” sono stata trascritte esat…

Levante, lo stile gipsy che incanta tutti

"La verità è che sono zingara inside anche nei momenti bon-ton. Ho un lato di me folle, sdradicato, in cui c'è sempre qualcosa sopra le righe." Levante



In una Venezia ricca di eccessi, c'è chi con sobrietà decide di partecipare all'evento più atteso e glamour dell'anno: la cantautrice, neo giudice di X factor, Levante. 
Claudia Lagona è il vero nome dell'artista, da un anno in vetta alle classifiche, il suo duetto con Max Gazzè è diventato un tormento estivo. Se da un lato Levante, canta:"Pezzo di me" illudendo al francesismo, sul red carpet appare come un angelo sceso sulla terra. 
L'abito scelto è firmato Alberta Ferretti, un capo unico nel suo genere. Lungo, nero, trasparente quanto basta per intravedere il body nero indossato come intimo. Lavorato con dettagli dorati e argentati, il simbolo del leone come omaggio a Venezia. Make up semplice e capelli sciolti, elementi che mettono in risalto i perfetti lineamenti della cantautrice. 



Sullo sti…

Il tailleur prende il posto del vestito

"Raffinare il gusto invece è più complicato, o lo si ha innato oppure bisogna impegnarsi e fare tanta ricerca". Paolina Consiglieri



Le passerelle del "fashion month" hanno votato all'unanimità il trionfo del tailleur sul classico abito da donna. Per un'occasione formale e non, il completo sarò il vero "must have" della prossima stagione. A quadri o gessati, con giacche doppiopetto o monopetto, con ricami o semplice; una scelta per tutti i gusti. Sì, perché i tailleur che hanno dominato le passerelle delle scorse settimane,  sono davvero tanti.




Basterebbe guardare la nuova collezione di Victoria Beckham, Massimo Dutti o Alberto Biani, per capire che davvero non si può fare a meno dell'abbigliamento femminile composto da due pezzi. Sebbene in passerella il mix "giacca e pantalone" vince sull'unione "giacca e gonna", le celebrità tendono subito a chiarire il punto. La prima a farlo e Amal Clooney che  per il meeting dell…