Skip to main content

" La vie en rose" a Parigi


“Essere parigino non vuol dire esserci nato ma esserci rinato”
(Sacha Guitry)


Sono purtroppo tornata dalla mia vacanza parigina, so che dovrei parlarvi della nuova collezione H&M e Alexander Wang, ma vi prometto che ne parlerò a breve, prima però volevo raccontarmi la mia esperienza nella città della moda.


Premetto che Parigi è per me, ciò che per Totti è un pallone o ciò che per Beethoven era la musica: MAGIA.
Quello che mi attrai della città dell'amore è la non ricerca della perfezione, per terra vi sono cartacce come in Italia, le metro in pessime condizioni, ma sapete una cosa? Nemmeno si nota tutto ciò, perché c'è qualcosa che va oltre, come quando ci si innamora di una persona avete presente? I difetti diventano pregi e sei troppo preoccupata a goderti quella sensazione di benessere, che non ti curi del resto.
Tempo fa qualcuno mi chiese cosa amassi di Parigi ma non sapevo rispondere, ora so che cosa amo di Parigi: il tutto e il niente. Parigi è il fuoco e l'acqua, una dolce melodia e una lunga pausa.  

Tuttavia non voglio ammorbarvi, quindi mi soffermo sullo sfatare i miti degli italiani sui francesi
- Le donne francesi sono bellissime e attente allo stile.
Le donne in Francia non sono tutta la perfezione che ci fanno credere nei film, non nego che nelle prime ore trascorse a Parigi, mi sentivo come Megan Fox in Cina... Figa.
- I francesi odiano gli italiani.
Suvvia non possiamo ancora credere alle favole e odiare i francesi per la Gioconda, in fondo noi non l'avremmo mai apprezzata e non avrebbe in Italia il  valore che i francesi gli hanno attribuito.
- Il pane è buono come in Italia.
Okay. Per la pizza e la pasta e anche per altre numerose cose noi siamo i numeri 1, ma le baguette francesi non posso essere paragonate al nostro pane.
- I francesi sono sporchi perché non hanno il bidet.
Assolutamente non vero, non hanno il bidet solo perché  preferiscono lavarsi tutto il corpo in ogni caso e non solo le parti intime.


 Sullo stile della donna parigina Inès de la Fressange ne ha fatto un manuale contenete alcuni preziosi consigli, io vi elenco i punti che ho potuto notare da vicino

-        Poco make up

Nessuna bambola di cera, niente menzogne come calze reggenti, reggiseni o pantaloni push up ecc.. La donna parigina la si riconosce dalla semplicità

-        Capi basi

Il tempo non è mai stabile a Parigi, quindi sia le donne che gli uomini indossano capi basi, in modo tale da potersi coprire maggiormente o “spogliarsi” in caso di caldo e rimanere sempre con un semplice ma perfetto outfit



-        Le borse

I francesi comprano da Chanel o da Dior? Nessuno dei due, le francesi amano il vintage. Le borse dei mercatini sono più apprezzate di una Chanel 2.55

-        Le scarpe

Che scarpe indossano le francesi? Le francesi amano le ballerini e indovinate un po’? Le parigine o francesine, ovvero delle scarpe simili alle nostre “stringate”.

-        Gli accessori?


Le francesi sono molto attente al loro look, ma non utilizzano molte collane, bracciali, ma preferisco i cappelli e le scarpe.

Detto ciò credo di aver detto tutto, ma ho un regalo anche per voi, alcune delle foto scattate a Parigi, in questo caso:

Se non puoi andare, puoi sognare.

 

 



P.s: Se come me, sentite nostalgia di Parigi ho un buon rimedio per voi, il mio film preferito: Midnight in paris di Woody Hallen. Un vero e proprio capolavoro sulla bellezza di Parigi, per ricordare e sognare la vita in rosa. 














Comments

Popular posts from this blog

Eva Geraldine Fontanelli, la rosa rossa della moda.

"Ogni giorno sono diversa. Sono sempre io, ma uso i miei vestiti per interpretare parti diverse della mia personalità". Eva Geraldine Fontanelli 




Non esiste niente di più complesso di una rosa rossa: è il fiore più bello ma il più oscuro. Esso è richiuso in se stesso e quando apre la corolla è già sul punto di svanire. Eva Geraldine Fontanelli, proprio come una rosa rossa, lavoro in segreto. Dietro le quinte di quel mondo chiamato moda.
Eva Fontanelli è una delle stylist, editor, consultant e influencer più importanti nel panorama della moda italiana ed internazionale. Ha lavorato come "fashion editor" per Elle Italia. E' tra le muse di "Scott Schuman". Ha vestito le modelle più in voga del momento. Ha collaborato per le testate di moda più rinomate. Ha una vaga somiglianza con l'attrice Hepburn ed è la persona che dovrebbero utilizzare per rendere chiaro il concetto che ognuno di noi può essere e può dettare moda. 

Eva Geraldine Fontanelli ha un …

Margherita Buy, una farfalla lasciata alla luce.

"Convivo fin da ragazza con la timidezza. E ancora oggi, dopo che tante cose sono cambiate, sono attratta dalle persone che hanno delle incertezze. Mi piacciono le debolezze degli altri". Margherita Buy





Occhi chiari, grandi e malinconici, capelli biondi, "il sorriso inconfondibile di chi, nella vita, ha pianto molto" e quell'eleganza introversa di Margherita Buy. 
Sette David di Donatello, sette Nastri d'argento e cinque Globi d'oro, un curriculum che parla ed eppure, c'è chi ancora mette in discussione la sua bravura:"terribile come attrice", "mi mette un'angoscia" o "ma è fredda. Non trasmette". 
Una delle prime domande che ponevo ( certo, dopo: nome e cognome ndr ) quando mi trovavo in una cena con persone sconosciute, era sulla Buy:"che pensi della Buy?" e così mi regolavo. Ho smesso dopo un mese, per disperazione. Trovavo impossibile l'idea di essere l'unica affascinata dall'incertezza, dalla…

Coco Chanel e Boy Capel: l'amore che creò il mito

“ Gli unici occhi belli sono quelli che vi guardano con tenerezza.” Coco Chanel 

Nel film “Bodyguard” vi era la colonna sonora che avrebbe incantato il mondo: And i will always love you. Una promessa per molti, una minaccia per altri. Whitney Houston di quella canzone ne fece la sua vita, ma in altri tempi, nel 1915 circa,la stilista Coco Chanel molto probabilmente l’avrebbe ascoltata e cantata per il suo grande amore: Boy Capel.  Gabrielle Bonhuer Chanel, conosciuta al mondo come Coco Chanel, fu la prima femminista della storia e come ogni donna che si rispetti fu legata ad un grande amore. Da sempre consacrata come la Mademoiselle d’acciaio, con le sue perle sulla poca importanza degli uomini in realtà nascondeva un cuore grande, capace di amare e di pensare ad un futuro da perfetta moglie.  Coco iniziò la sua carriera intorno al 1909 presso l’appartamento del suo amante Balsan, a Parigi in Boulevard Malesherbes creando cappelli. Fu proprio nella residenza del suo primo amante che l…